La terza Grande Inter

Mentre il Milan, con lo scudetto sulle maglie, si avvia a rivincere il campionato e dilaga contro l’Arsenal, l’Inter perde contro Lecce, Novara e Bologna, i campioni del Triplete vengono fischiati dall’inferocito pubblico di San Siro, e il figlio di Angelo se ne va prima che la partita finisca… A me sembra un ottimo inizio. Il migliore, anzi, per come funziona la Storia dell’Inter.

Massimo figlio di Angelo ha compiuto l’impresa di generare la Seconda Grande Inter, ma non ha colto i segni del tempo, quelli che Mourinho seppe concentrare in una frase, pronunciata prima di Madrid, che mi risuona in testa da mesi: “per molti è l’ultima occasione”.
Quei molti, l’occasione se la giocarono meravigliosamente. E fecero l’impresa.
Ma fra la Prima e la Seconda Grande Inter ci sono due differenze essenziali.

La prima è che Herrera e i suoi seppero rivincere: due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali, lasciando per strada le Coppe Italia, snobbate fino all’autolesionismo (perdere dal Padova…).
La seconda è che quelli erano ragazzini, questi erano già trentenni.

Mi è venuta la curiosità di verificare la data di nascita degli 11 in campo al Prater di Vienna, nella notte più magica del primo secolo nerazzurro. Mi aspettavo certi numeri, ma la verifica mi ha ugualmente sorpreso.

C’erano in campo solo due trentenni, il portiere Giuliano Sarti (31) e il mediano Carlo Tagnin (32), Aurelio Milani avrebbe compiuto i 30 la settimana dopo il trionfo. Tutti gli altri avevano l’età per rivincere.
Picchi e Suarez non avevano ancora 29 anni, Guarneri 26, Burgnich 25, Jair 24, Corso 23, Facchetti e Mazzola dovevano ancora compierne 22.
Impressionante. In assoluto e facendo il confronto con oggi, con chi era in campo in quest’ultimo mese sciagurato.

La storia, in certi casi, è di una chiarezza esemplare. Massimo figlio di Angelo è chiamato a rivincere e per farlo non può limitarsi a qualche modifica. Deve rettificare il percorso: ringiovanire la squadra, innestando 4-5-6 ventenni per alcune stagioni.
Con un nuovo allenatore e un nuovo direttore tecnico indirizzati su questa lunghezza d’onda, vedremo presto un’altra Grande Inter. E magari ricorderemo che è nata in un gelido, squallido, fischiatissimo inverno.

Annunci

13 Responses to La terza Grande Inter

  1. Quando celebriamo Mancini diciamo sempre che il suo merito è stato quello di aver vinto, contrariamente a Mourinho che si è “limitato” a rivincere. Temo che l’Inter che nascerà si troverà a dover compiere l’impresa di vincere. Tutti quelli sui quali si può impostare una nuova era non hanno mai vinto niente di importante: Pazzini, Ranocchia, Nagatomo, Poli, Faraoni, Obi, Castaignos, Alvarez, Coutinho. Inoltre, molti di questi giovanissimi rischiano di venir rovinati dall’attuale clima pessimo (si veda quanto c’hanno messo Chiellini, De Ceglie, Giovinco e Marchisio, lanciati in un momento no, a trovare una metalità vincente…). E anche il meglio del meglio che si può sognare per il futuro – da Schelotto a M’Vila, da Nainggolan a Lucas, dal Destro-bis a Isla – è tutta gente che deve imparare a vincere. Servirà un nuovo Mancini, ma questo tecnico avrà un compito ancor più difficile per mille ovvi motivi.

  2. Lenzini81 says:

    Per fare quello che dici tu serve il grano, non credo che Moratti ne abbia granchè (almeno da sbattere nel cesso per l’Inter).

  3. giulia says:

    Rudi, sei singolare…
    Tutto ‘sto ottimismo (ho letto anche il commento da Settore) da dove sbuca?
    Però mi piace e spero tu abbia ragione

  4. alexdoc says:

    “I progetti non mi interessano perchè il calcio va vissuto giorno dopo giorno.” (Massimo Moratti).

    Dopo questa autocompiaciuta ma almeno sincera ostentazione di incapacità, quest’ode all’improvvisazione detta alcuni giorni fa, meglio non parlarne più e dimenticare tutto.

  5. Voici says:

    Prima che nasca una nuova grande Inter é necessario che muoia quella vecchia, e non é ancora il tempo.

    C’é una stagione da finire, se possibile bene.

                          JC                                                               JC

    Maicon; Lucio; Cambiasso; Chivu;         Maicon; Cambiasso; Samuel; Zanetti

            Zanetti; Palombo; Poli                                        Poli; Palombo                       

                   Snej; Alvarez;                                        Faraoni; Snej; Alvarez

                        Milito.                                                             Milito

    Senza dimenticare Deki; Forlan; Zarate; Guarin; Nagatomo; Pazzini e comprimari.

    Si salvano capra e cavoli responsabilizzando e facendo fare meno KM ai vecchi e inserendo forze fresche in mezzo al campo.
    Al netto degli evidenti errori é ancora una buona squadra. IMHO.
    Il problema vero sarà convincere loro, i giocatori, fargli ritrovare l’enthousiasmos.

    «  I maggiori beni ci sono elargiti per mezzo d’una follia che è un dono divino. »
    Platone, Fedro
    L’unica cosa che non ci manca é la follia, facciamone tesoro.

  6. alexdoc says:

    Se contasse così tanto la follia quest’Inter dovrebbe vincere tutto a mani basse.

  7. Voici says:

    Lo ha fatto Alex, lo ha fatto. Non molto tempo fa.

  8. alexdoc says:

    Voici, se leggi bene parlo dell’Inter di quest’anno. Non sono mai stato d’accordo con questo incondizionato “elogio della follia”. Infatti abbiamo vinto tutto proprio perché avevamo smesso di essere così inutilmente scriteriati e sconclusionati come qualcuno vuole che l’Inter debba per forza essere.

  9. Xuan Acosta says:

    Massimo ha fatto como il suo padre (HH + Suarez = Mou + Snejder). Obviamente Wes ha giocato quasi come Il Architetto solo nel 2010. Adesso, si vuole, MM debe fare su propia Grande Inter, si ha soldi.

    Per me, e ripeto per la enesima volta: Michael Laudrup de allenattore (ottimo tecnico e bennissimo per laborare con gli giovani) e Borja Valero per fare giocare questa nuova Inter nel centrocampo + un buon – no Rannochia – difensore centrale (Raul Albiol, non gioca nel Moudrid, lo vendono per 10 millioni). Il resto, portiere, centravanti e gli giovani lo habbiamo.

    Wes, Lucio e alcun bidone (no Zanetti o Cambiasso) via subito.

    Scussi il mio italiano. Auguri desde Spagna e sempre e comunque FORZA INTER!!!!!!

  10. taribo1959 says:

    Non è un esercizio di ottimismo, il mio, ma una valutazione di come funziona una società patriarcale e umorale, che nemmeno dopo Mancini e Mou ha saputo fare il salto di qualità.
    Servirebbe un Allodi redivivo, ma vada per Corvino…

    Quanto alle prime mosse per il rilancio, del nucleo storico terrei solo i 4 argentini (Samuel e Zanetti al’ultimo anno, Cambiasso e Milito al penultimo), cederei Julio e Maicon, regalerei il cartellino a Forlan e Lucio.
    Sneijder? Via anche a 20 milioni.
    Un solo investimento da 25 milioni: Jovetic.
    E poi 4-5 buoni calciatori pronti per la Serie A, con il rientro di Coutinho e Caldirola, l’inserimento in prima squadra di Alborno e Duncan, Castaignos terza punta.
    Obiettivo: 70 punti e terzo posto.

  11. alexdoc says:

    Suarez era un grande architetto, Sneijder un buon geometra.

    La gestione “patriarcal-umoral-visceral-surreale” Massimorattiana ha lasciato il segno. Ora si parla di Corvino, uno che sa far nozze coi fichi secchi per ambizioni medio basse. Ma a un Branca con le ore contate credo quando lo vedo.

  12. Quoto il commento di Rudi. Il punto focale sono quei “4-5 buoni giocatori pronti per la A”, Juve e Milan giocano con Pepe, Nocerino, Barzagli, Giaccherini…gente che ora come ora all’Inter servirebbe come il pane.
    Questo “progetto” mi affascinerebbe e mi coinvolgerebbe. Però ci vorrebbe un allenatore giovane e la pazienza di aspettarlo uno, due, tre anni…Moratti e gran parte della tifoseria ne sarebbero capaci?

  13. Xuan Acosta says:

    Ciao a tutti: (vi prego, prima di tutto, mi scussi per il mio itagnolo)

    1 – alexdoc: certo, Luisito é Luisito, e Wes…..via in estate per 30 millioni!!! Era solo un esempio.

    2 – Caro Rudi: ¿Jovetic? Io sono Spagnolo -non sono un Interista doc come tutti voi- ma io voglio bene l´Inter, e mi sembra que Jovetic gioca nella squadra degli fratelli Della Valle, chi credo sono molto enemicci di Massimo dopo “Il Calcio Ora Torna Esere Pulito” (per gli rubentini, bbilanisti, laziali e fiorentini c´e Calciopoli).

    Credo doviamo dimenticare Jovetic, perche 50 millioni MM non li pagherá, Detto questo, caro Rudi, ti prego guardate Borja Valero il giocatore del Vilareal. Certo, questa squadra oggi non e nel suo miggiore momento, ma BV e un fuoriclase!! Ti parlo di spagnolo, amante del calcio que vede 5-7 partite di calcio al weekend. Ti assicuro que BV ha il livello per giocare con la mia nazionale, ma noi abbiamo Xavi, Xabi, Cesc, Iniesta, Cazorla, Silva, Mata… avanti di lui. Non é como Luisito (magari Xavi lo é) ma per la nostra amata Inter sarebe BENISSIMO!!! E credo MM puo prenderlo per 20 millioni.

    3- calci0mercat0: Ho detto tante volte in questo blog Michael Laudrup; per ché?? Perche ha fatto bennisimo col Getafe (finale Copa Spagna e quarti finale di Uefa, col Getafe, ripetto). Anche col Mallorca ha fatto bene contro Barça e Moudrid. Ma supra tutto, a dimenticare que ha giocato con la rube, fa benissimo con gli giovani e non ha bisogna di grandi soldi per fare acquisitti e formare un proggietto.

    Io tiffo anche Barça (como credo fa Luisito Suárez) ma la scelta Guardiola, il grande sogno di MM mi sembra,pffff…..dichiamo molto pericolosa. Obviamente e un grande allenattore, e sicuramente MM tornerá a spendere 200 millioni in giocatori, e anche Baggio sará il secondo dil grande Pep, ma… Non so che dire, mi piacerebe guardare Pep nel spogliattoio dil Inter, e tornare a vedere un MM spendendo centenare di Millioni, un proggietto a cinque anni al meno…ma, non lo so, ho letto in Segnale Orario que MM non ha tanti soldi come prima… Bah, che vediamo. Solo uno di questti due mi piacerebe per la Grande Inter 2.0 di MM, eh!!

    4- FORLÁN: Certo, questa e la sua peggiore tappa di calciatore… Ma non dimenticate que lui é due volte scarponi d´Oro europeo col Vilareal e Atletico Madrid!! Ok?. Io lo ho guardato tante e tante volte qui nella Liga spagnola…. E vi dico, E UN FUORICLASE!!! Per 5 millioni, e un regalo.

    Per favore, avete un po di fiducia!!! Diego ha fatto nelle ultimi due anni: mundial-liga-copaamerica-preUefa-Calcio…e stancatissimo!!! E un superprofesionale, e io sonno sicuro que lui non e contento con questa situazione. E vi asicuro que tornerá a fare quello que lui sa fare: segnare gol. IL futuro di questa Inter in Champions dipenderá da lui e Milito (con un po di attenzione in difessa e centrocampo, logico). Pazzini riserva, obviamentte e Forlán dietro Il Principe. Dobbiamo valutare questa coppia di cannonnieri ragazzi!!!

    Auguri a tutti, e vi prego mi scussi la lungezza del post.

    FORZA INTER!!

    Xuan.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.