Vent’anni di campionati con i 3 punti per la vittoria: meglio adesso o prima?

Era il 1981 quando la Football Association modificava il sistema di assegnazione dei punti, passando da 2 a 3 per la vittoria e mantenendo un punto per il pareggio.
Si voleva spostare gli equilibri dei campionati verso le squadre che corrono il rischio della vittoria anche a costo della sconfitta. Effetto immediato, la riduzione degli 0-0.

Ai tempi dei 2 punti a vittoria, si poteva vincere il campionato italiano con 60-62 punti in 38 partite; una squadra che le avesse pareggiato tutte, finiva per trovarsi nella prima metà della classifica. Con 3 punti a vittoria, alla squadra campione servono più di 80 punti in 38 partite e una squadra che ottenesse tutti pareggi, si troverebbe appena fuori dalla zona retrocessione.

La prima competizione ufficiale ad adottare la nuova regola è stata la First Division 1981-1982: il campionato del mondo 1994 è la prima competizione a prevederla, nella fase finale.

Il campionato italiano ha adottato questa regola nella stagione 1993-1994, in via sperimentale e limitatamente alla Serie C1 e C2; la stagione successiva, la regola dei 3 punti è stata estesa anche alla Serie A e alla Serie B.
Vent’anni è un buon periodo per tirare un bilancio: meglio i campionati con la vittoria a 2 punti o quelli dell’ultimo ventennio?

Annunci

10 Responses to Vent’anni di campionati con i 3 punti per la vittoria: meglio adesso o prima?

  1. Nino says:

    Meglio gli ultimi, senza alcun dubbio. Mica ce le siamo scordate le antiche barricate a difesa dello 0 a 0. Oddio, oggi pure succede, ma non è elevato a sistema come allora. Altro che l’aereo di Muorinho a Barcellona: al tempo si parcheggiava tutta la flotta in area di rigore.
    E a volte intervenivano anche gli ‘arrabbiati’ tipo Air France dell’altro giorno…
    A proposito, nessun commento sulla vicenda, Rudi?

    • Rudi says:

      ciao Nino, mi riconosco in quel che scrive oggi Serra sulla lotta di classe. Teorizzare la fine delle classi, mentre crescono le ingiustizie, farà sì che le rivolte siano sempre più violente…

  2. Giorgio says:

    Meglio i tre punti ma ci vorrebbero i punti di bonus per i gol fatti o per la differenza reti.

    Oltre alla moviola al quarto uomo (TMO), espulsioni a tempo per numero di falli e rispetto per l’arbitro. Si, esatto, il rugby.

  3. willerneroblu says:

    Forse coi 3 punti è più difficile che retroceda una squadra blasonata

    • Rudi says:

      Sarà un caso, ma coi 3 punti vincono sempre le stesse…

      • willerneroblu says:

        Nel campionato 1993 94 noi rischiammo seriamente di retrocedere ci salvammo grazie anche al fatto che Parma Piacenza giocarono di venerdì fecero 0 0 e ci permiserono di andare a Bergamo tranquilli dove tra l’altro perdemmo ecco sono andato a vedere i risultati e grazie al numero di Vittorie rispetto ai pareggi coi 3 punti saremmo arrivati a metà classifica!

  4. rugherlo says:

    Sul calcio e’ cambiato coi 3 punti (non so se in meglio o in peggio) e un altro cambiamento sensibile ma sottovalutato è stato il divieto di passaggio al portiere.
    Quindi un gioco molto più atletico (anche nel rugby non si passa indietro) e quasi senza pause.

    • Questo è assolutamente vero anche l’espulsione per fallo da ultimo uomo è stata un cambiamento notevole….un certo Baresi ai tempi avrebbe giocato la metà delle partite..e non mi riferivo a Giuseppe!!

  5. mark59 says:

    Prescindendo dal discorso dei 2 e 3 punti, credo che finalmente stiamo per assistere a un campionato equilibrato, in cui possono finalmente sognare anche i tifosi di Napoli,
    Fiorentina, Roma, Lazio e persino Sassuolo e Torino. Il campionato Italiano potrebbe essere molto più bello se non venisse sistematicamente inquinato dalla presenza di quella squadra innominabile che sporca e deturpa tutto quello che tocca. Noi interisti siamo condannati a un travaso di bile perenne perchè quando non vinciamo noi vincono nel 90 % le due squadre che odiamo di più, cosa che non succede ai tifosi di milan e j*** che fanno finta di detestarsi ma in realtà fanno spesso comunella. Per il mio umore sarebbe già un bel passo avanti se vincesse una outsider, indipendentemente da quale possa essere il percorso dell’Inter

  6. ilpostoumano says:

    Per evitare le barricate sarebbe sufficiente introdurre una regola che non dia punti per gli 0 a 0. ciao Claudio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...