Picchettini, Teatro, Ravenna… nuove tracce di un’indimenticabile, vecchia storia

Stasera, domani e domenica al Teatro Rasi di Ravenna viene messa in scena una rappresentazione, “La ballata dei picchettini“. Racconta due storie vere, due vicende tragiche. Morti sul lavoro avvenute a distanza di quarant’anni nel porto ravennate.

Sul palco Luigi Dadina, regista, attore e fondatore del Teatro delle Albe, affiancato dallo scrittore algerino Tahar Lamri, dai musicisti Francesco Giampaoli e Diego Pasini e dal rapper Lanfranco-Moder-Vicari.

NelBuioNaveDomenico Mazzotti, morì insieme al collega Marco Saporetti nel marzo del 1947.
Il 13 marzo 1987 morirono tredici operai (alcuni erano, appunto,picchettini) soffocati all’interno della nave “Elisabetta Montanari”, ferma per riparazioni e pulizie nel porto.
Mi fa piacere essere stato una delle fonti di questo spettacolo.

Era il ’97 quando Bradipolibri pubblicò “Nel buio di una nave” – QUI – fra i pochi libri che ho scritto ancora reperibili. Comincia così:

“È sulle navi che bisogna cercarli, i picchettini. Sulle navi in porto. E bisogna sapere dove cercarli, perché non sono in vista. Il loro lavoro non ha nulla a che fare con l’aria aperta e il salmastro, l’azzurro e lo iodio. Ha a che fare, piuttosto, con il sottosuolo, la claustrofobia, la miniera.

Picchettino è una parola che si trova su pochi vocabolari (a parte la declinazione del verbo picchettare), e nemmeno i motori di ricerca su Internet offrono risposte esaurienti; secondo l’Inail si tratta della qualifica professionale classificata con il numero 709.

Sulle petroliere in secca, i picchettini vengono chiamati a svolgere le operazioni di pulizia nella stiva, usano stracci, palette, spazzole e raschietti per rimuovere la ruggine e i residui di combustibile colati dai serbatoi. Non è un’attività che richieda personale particolarmente qualificato. Servono forza di volontà e spirito di sacrificio, si tratta di eseguire mansioni semplici quanto disagevoli, in condizioni di scarsa visibilità. Un lavoro sporco e rumoroso: i picchettini devono incunearsi in ambienti ristretti e stare stesi sulla schiena o sul ventre, l’altezza dei doppifondi non va oltre gli 80-90 centimetri…”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.