Pastorale americana [American Pastoral] – Ewan McGregor [cine28] – 8

«Lezioni d’amore» (Ben Kingsley e Penelope Cruz) e «La macchia umana» (Anthony Hopkins e Nicole Kidman) sono film in cui Philip Roth non poteva riconoscersi; so dell’esistenza di altri adattamenti («La ragazza di Tony», «The Humbling», «Indignation» e «Se non faccio quello non mi diverto», dal «Lamento di Portnoy»), ma credo sia la prima volta che un film riesce a catturare almeno un po’ della magia della pagina sprigionata dalle pagine del narratore. L’esito potrà risultare inadeguato a chi ha letto il romanzo; ma il romanzo è sublime, lo stile letterario inarrivabile, trovo ingiusto pretendere da un regista esordiente di farci respirare un’aria tanto rarefatta.

Pastorale americana

Mi rivolgo alla grande maggioranza degli spettatori, quelli che vedono il film senza avere letto Roth. Costoro non saranno appesantiti dal paragone. E sono disposto a scommettere che non resteranno indifferenti davanti alla vicenda di Seymour Levov, “lo Svedese”, un uomo che ha avuto tutto (bellezza, talento, successo professionale, Miss New Jersey come moglie, una bambina incantevole), e che è destinato a sofferenze terribili.

McGregor interpreta lo Svedese, Dakota Fanning è la figlia Merry, la meravigliosa Jennifer Connelly è la moglie, David Strathairn fa l’alter ego di Roth, lo scrittore che ricostruisce la storia e ce la racconta. Il copione è di John Romano, le musiche di Alexander Desplat, Daniel Clancy compone scenografie ispirate alle atmosfere di Edward Hopper.

Lo Svedese incarna il Sogno Americano, nei suoi primi quarant’anni appaga la “ricerca della felicità”. Incapace di corrispondere a genitori così perfetti, la figlia arriva a disprezza quel Sogno, a riconoscerlo come un incubo. Il dramma familiare si incastona sulle immagini del Vietnam, le manifestazioni per i diritti civili, gli attentati dinamitardi che hanno segnato l’America degli anni Sessanta e Settanta. Il Sogno si sfalda, la figlia lo distrugge annientandosi, la moglie lo travisa lanciando accuse e cercando facili consolazioni. Finché lo Svedese sprofonda in un buco nero, un vuoto dolorosissimo, e noi non possiamo fare niente per aiutarlo.

One Response to Pastorale americana [American Pastoral] – Ewan McGregor [cine28] – 8

  1. Pingback: Gli amici di Georgia [Four Friends], Arthur Penn, 1981 – [filmTv51] – 9 | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.