Caldara, Conti e Gagliardini, anziché Biglia e Parolo

Sport Mediaset scrive: “Nel mirino poi ci sono anche quattro baby dell’Atalanta: Gagliardini, Caldara, Conti e Kessié”. Parola di Marotta e Paratici.

Mattia Caldara (Bergamo, 5 maggio 1994), Andrea Conti (Lecco, 2 marzo 1994) e Roberto Gagliardini (Bergamo, 7 aprile 1994) sono tre ventiduenni che andrebbero portati all’Inter in un colpo solo. Conti è il miglior terzino della sua generazione, la crescita di Caldara da centrale difensivo è stupefacente, Gagliardini è la mezzala di corsa e sostanza che sta trascinando i bergamaschi in posizioni di classifica che nessuno aveva previsto. Scommetto che due di questi tre li troveremo fissi nel giro della Nazionale fra dodici mesi.

L’Inter è nella condizione ideale per andare a Bergamo, avanzare una proposta sostanziosa e portarne a casa almeno un paio. Rispondono a tutti gli identikit del Nuovo Corso di Suning: l’età, la nazionalità, l’ingaggio. So bene che la reputazione dell’Atalanta è quella di essere una succursale bianconera. Ma quei tre sarebbero lietissimi di cambiare un nerazzurro con un altro: alla Juventus non potrebbero giocare titolari, il Milan ha altri giovani proprio negli stessi ruoli, l’Inter sarebbe la destinazione migliore che qualsiasi procuratore di buonsenso consiglierebbe loro.

Se, invece, non si è imparato niente spendendo un sacco di soldi per Hernanes e (temo) Candreva – calciatori che il meglio l’hanno già dato – continuiamo pure ad arricchire Lotito e a inseguire terzi posti.

Annunci

16 Responses to Caldara, Conti e Gagliardini, anziché Biglia e Parolo

  1. Mi ricordo quando acquistammo dall’Atalanta Magistrelli (il nuovo Boninsegna), Doldi (credo si chiamasse così, ala funambolica) e Moro (forse l’unico discreto dei tre)…

  2. Bottega strana l’Atalanta. Ci sono anche un’infinità di giovani partiti fortissimo e poi rimasti nella mediocrità: Pelizzoli, gli Zenoni, Donati, Dalla Bona, Pazzini, Montolivo, Comandini. Anche Grassi è già un mistero. Però se dobbiamo spendere per un altro Ansaldi, Kuzmanovic o Murillo, di sicuro Conti, Caldara e Gagliardini non faranno una carriera peggiore.

  3. concordo con te rudi. così come da anni sostengo, anche in queste prestigiose colonne, che anche la serie b sarebbe da monitorare con attenzione. anche e soprattutto perché abbiamo preso negli anni decine di stranieri mediocri. innerviamo la squadra di italiani. meglio se giovani.

  4. Tu hai perfettamente ragione ma c’è un “ma” grosso come una casa. L’Atalanta è una succursale, o forse la squadra B, dei ladri dopati. Non solo i migliori giocatori li fornisce alla casa madre ma dal 17-6-2001 si sono giocate in serie A ben 23 Atalanta-j*** e il bilancio è 21 vittorie dei ladri e due pareggi. Considerato quanto il campo di Bergamo sia ostico per ogni altra squadra (e mi ricordo bene la partita che l’atalanta fece a San Siro con gli occhi iniettati di sangue la quintultima giornata del 2002 pur non avendo nulla da chiedere al campionato, preperando il terreno, di fatto, al 5 maggio) credo che in qualsiasi paese serio l’ufficio inchieste si sarebbe attivato e i giornali ci avrebbero fatto più di un editoriale, ma tutto tace, chissà come mai

  5. A maggior ragione. Fare come con Berardi: mettere subito 30mln cash sul tavolo per tre giocatori che , messi insieme, non fanno 50 gettoni in A. E poi stare a vedere che si inventano. Nella peggiore delle ipotesi hai costretto la Juventus a sganciare 30mln che avrebbe usato per Witsel

  6. rugherlo says:

    I tre giovani non li conosco ma in linea generale il discorso che fai è giusto.
    Piuttosto non trovo giusto, invece, inseguire i trentenni, pupilli dell’allenatore di turno (in questo caso Biglia, Parolo) salvo poi rendersi conto che sono spremuti, non sono così bravi da fare la differenza.
    E magari l’allenatore è già andato.
    Cerchiamo invece giocatori di sicuro valore, anche se l’allenatore non li ha già conosciuti di persona.
    Vedrai che va meglio…

  7. Rudi sono proprio i tre giocatori che mi hanno più impressionato nell’Atalanta.
    Concordo nel prenderli già a Gennaio, magari lasciandoli altri sei mesi a maturare. Come, come dice calciomercato, mettere sul tavolo 50 milioni per tutti e tre e vedere cosa succede. Al massimo avrai costretto i gobbi a sborsare una grossa cifra per prenderli.

  8. ahp68 says:

    Mi paiono proprio tre ottime promesse. A cui far fare la fine di Coutinho…

  9. Duke says:

    Questa cosa che invece il settore giovanile nerazzurro domina la scena da anni (assieme a quello di Roma, Lazio e juve) ma che i nostri migliori prospetti – anche mandati a giocare – poi spariscono come inghiottiti da buchi neri, mi fa uscire di testa

    • francesco says:

      non è un caso. di base, all’Inter ci sono tecnici molto bravi a livello di settore giovanile. non sono particolarmente bravi, sono allenati e diretti molto bene

  10. Rudi, a proposito di Gagliardini ti segnalo un articolo molto interessante del Malpensante.

  11. Pingback: Napoli-Atalanta, la sorpresa che può riaprire i giochi, ma l’11 novembre scrivevo… | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...