Cato Zulù e Baldwin 622, Hugo Pratt

«La fine di un principe» (1984) e «La carovana dei Boeri» (1988) sono i due capitoli i cui si articola la trama di Cato Zulù, personaggio minore dell’epopea di Pratt, alla cui realizzazione ha collaborato Lele Vianello; i disegni di questo volume sono colorati da Patrizia Zanotti. Seguono le pagine di «Baldwin 622» (1992), un po’ di acquerelli e 42 “chine di guerra”. La guerra, infatti, è il filo conduttore di queste tavole; scrive Tito Faraci che “Pratt ne racconta gli orrori, le ingiustizie, le miserie. Tuttavia, allo stesso tempo, ne subisce il fascino narrativo”.

cato-zulu

Catone Milton, detto Cato, è un soldato inglese della Cavalleria leggera impegnata in Sudafrica, nell’estate 1879, durante il sanguinoso conflitto con i nativi Zulù. Era un eccellente soldato, anzi un tenente degradato per “comportamento indegno, giocatore e baro”, quando viene inserito nella pattuglia che faceva da scorta al principe ereditario Louis Napoleone, che preferisce starsene in guerra piuttosto che subire le attenzioni dell’apprensiva madre. Nella realtà storica, il ventitreenne principe rimase ucciso nel corso di un agguato degli Zulù.
Il linguaggio di Cato è insolente e licenzioso, è una delle storie di Pratt dall’umorismo più immediato. Fra i comprimari, spicca Black Mamba, una ragazzina che si atteggia a strega, e che forse possiede davvero qualche qualità sovrannaturale. Le immagini più potenti sono quelle degli Zulù che si emergono dal “veld”, la prateria dalle alte erbe.

Anche in Baldwin 622 il protagonista è un soldato, il tenente Solomon Horaz, rimasto solo in mezzo al deserto della Palestina accanto a una vecchia locomotiva che dà il titolo alla storia. Quella “massa di ferro arrugginito e rovente” è stata testimone di fatti accaduti sette anni prima, durante la guerra 1914-18, fatti che coinvolsero il tenente Solomon Horaz e Sheeba Trumpeldor, la giovane donna che “in poche ore mi ha reso felice e Ha distrutto la mia vita”, come Solomon dice alla locomotiva.
Sheeba veniva da Gaza, Solomon si era innamorato di lei già a Londra ed è stupito di rivederla al fronte, nelle vesti di interprete. Devono trasportare un mucchio di denaro che serve a pagare i lavoratori egiziani impegnati nella costruzione della ferrovia verso Suez…

Annunci

One Response to Cato Zulù e Baldwin 622, Hugo Pratt

  1. Pingback: Pratt a Bologna (fino al 19 marzo) | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...