La semplicità di fare investimenti, la velocità di fare le leggi…

Nella sua milionesima apparizione televisiva, in vista di un referendum che non vuole personalizzare, Matteo Renzi ci ha spiegato che Trump ha interpretato la voglia di cambiamento più di quanto abbia fatto Hillary.
Non ci ha spiegato perché mai gli americani avessero tanta voglia di cambiare dopo otto luminosi anni all’ombra del suo amicone Obama.
Non ci ha spiegato nemmeno perché il cambiamento sarebbe sempre e comunque desiderabile, altrimenti dovrebbe concludere che lui è come Trump e come la Brexit.

Una frase di Renzi mi ha gelato il sangue. Quella con cui ha promesso che se vince il Sì, quel che cambia è “la semplicità di fare investimenti, la velocità di fare le leggi”. L’ultimo a fare queste promesse – le stesse, identiche – era stato Silvio Berlusconi.
Perché dovrei rendere più semplice fare investimenti sbagliati e più veloce fare leggi ingiuste? Perché dovrei lasciare mani libere a chi mi sembra ubriaco di potere?

Annunci

2 Responses to La semplicità di fare investimenti, la velocità di fare le leggi…

  1. interinside says:

    Ubriaco di quale potere?
    In politica oggi l’unico potere è … l’impotenza!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...