Target. Scuola omicidi [Target], Arthur Penn, 1985 [filmTv98] – 6

Target

Gene Hackman (il padre) e Matt Dillon (l’unico figlio) devono salvare la vita della moglie e madre, rapita da persone che conoscono la doppia vita di Walter Lloyd, alias Duncan Potter, ex agente della CIA, all’insaputa del figlio, che anzi lo credeva un mediocre commerciante di legname.

La storia comincia in Texas, ma il rapimento avviene a Parigi, e l’ex agente CIA e il figlio si muovono fra la capitale francese, Amburgo e una Berlino ancora divisa tra est e ovest. Walter/Duncan non sa di chi fidarsi. Certo, non dei suoi ex superiori (la fisiognomica è lampante). Corre più volte il rischio di venire assassinato, ma ringiovanisce a ogni scena, anche perché dal passato di spia riemerge la donna che aveva amato.

Reduce dal fallimento finanziario di «Gli amici di Georgia», un grande autore come Penn sceglie la strada della spy story per ricombinare le dinamiche padre/figlio; Hackman lo asseconda al meglio, Dillon mostra i suoi limiti, e l’alchimia fra i due non mi pare funzioni granché. Il padre si rivela al figlio in modo sbalorditivo, il figlio matura di colpo, imparando da disubbidienze ed errori rovinosi. Infine, entrambi arrivano a comporre una nuova identità e un nuovo legame, svelandosi interamente all’altro.

Le scene parigine anticipano «Frantic», alcune di quelle berlinesi mi hanno fatto pensare a Jason Bourne, ma gli spunti che avrebbero potuto destabilizzare il plot – la donna del passato, innanzitutto, e poi il vero motivo per cui l’agente decise di uscire dalla CIA – cadono rapidamente e si viaggia verso uno scioglimento del dramma fatto di coraggio e vendetta, con una prevedibile, mediocre ricomposizione familiare.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...