Prima di Inter-Genoa, terzultima dell’annus horribilis

Scrivo di Inter di malavoglia, questi ultimi mesi mi hanno disgustato, non ho nemmeno una gran curiosità su chi scenderà in campo, con quale schema, con quanta voglia di fare.

Mancano tre sole partite alla fine dell’annata più squallida e scadente del dopoguerra interista, poi arriverà un mercato di riparazione che potrà solo limitare i danni (qualcuno vuole Banega? qualcun altro vuole Kondogbia? c’è persino chi anela D’Ambrosio? – non avrei dubbi a cederli tutti e 3, oltre a quelli di cui si parla da tempo), provando a inserire un paio di tasselli sensati.
marekCon il Genoa, negli ultimi anni si sono fatti affari a decine: l’ultimo è Ansaldi, che ha pensato bene di farsi squalificare rimediando un’ammonizione a partita. Ora leggo che i progetti di “italianizzazione” già si scontrano con “l’opzione Rincon”, e continuo a temere che non si sia imparato niente.

Leggo, anche, che Pioli si sarebbe convinto a schierare una difesa a 3. Niente di ideologico al riguardo, non mi piace la difesa a 3 ma mi piace anche meno la difesa a 4 che l’Inter ha schierato in almeno metà delle partite. Dunque, va bene anche a 3, e va bene anche la riesumazione di Biabiany, che non ha giocato per 4 mesi e ora ne gioca due di fila. Piuttosto, noto che alla partita numero 22, l’Inter aggiunge un altro schema tattico, ma evita accuratamente quel 4-4-2 che invocavo mesi fa.
E’ evidente che la Zona Champions è irraggiungibile, Roma e Napoli sono nettamente superiori, riserverò le mie emozioni alla Coppa Italia, ma è ovvio che spero in una partita decente, in una vittoria decente, in una serata decente per i 40mila che sfideranno il freddo e la nebbia (giocare in notturna a San Siro a metà dicembre fa capire tante cose).

Un’ultima nota la riservo a Marek Hamsik. Era l’estate 2007, l’Inter aveva vinto lo scudetto con il record di punti, i rapporti con Corioni e il Brescia erano ottimi, ma Marco Branca ritenne eccessivi i 6 milioni di euro richiesti per lo slovacco. Ne avrei pagati anche 10, l’Inter si fermò a 5, il Napoli ne aggiunse uno, e da 9 campionati (tranne un periodo sotto quel genio di Benitez) Marekiaro è fra i 5 migliori centrocampisti, segnando anche 105 gol. Nel frattempo, abbiamo pagato Alvarez (Belfodil, Guarìn, Shaqiri…) più di lui, e tuttora cerchiamo una mezzala con la sua corsa, la sua intelligenza, il suo tiro.

Annunci

9 Responses to Prima di Inter-Genoa, terzultima dell’annus horribilis

  1. Non so chi possa arrivare a offrire la metà di quanto abbiamo pagato Kondogbia.
    Ho paura che Banega l’abbiamo preso a zero per modo di dire: tra bonus, commissioni, percentuali sulla futura cessione, ci andremo a rimettere anche a venderlo caro.
    Rincon vale Medel, ma abbiamo già il cileno, appunto…

    Intanto pare che il Genoa ci soffi Morosini, sempre dal Brescia, che era già nostro negli allievi e che non abbiamo ripreso per 3-4 mln ad agosto avendocelo in pugno. Deja vu.

  2. willerneroblu says:

    Primo tempo formazione incomprensibile poi ha rimediato,tanti giocatori scarsi e porca miseria quanto freddo!!!!

  3. Non è affatto un anno orribile. E’ un anno, fondamentale per la nuova Inter. Finalmente abbiamo una proprietà che può investire e l’anno prossimo non avremo l vincolo del FFP. Finanziariamente parlando l’Inter ha buonissime basi. A gennaio saranno venduti (bene) diversi giocatori (spero addirittura 10) ne verranno presi 4 o 5.
    Non dobbiamo guardare solamente i risultati. E’ più importante guardare le potenzialità, che sono enormi. Per questo campionato, le prossime tre partite ci diranno cosa faremo. Fare 4 punti ci consentirebbe di chiudere il girone di andata a 28. Speravo di più, ma sono sufficienti per rimanere in corsa per un posto in EL.
    Quanto ad Hamsik: la storia del calcio è piena di errori di mercato. Noi non facciamo eccezione.
    Sinceramente, più che nel 2007, l’errore fu fatto nel 2010: quell’estate, il Palermo vendette Cavani al Napoli ed avremmo potuto comprare tranquillamente Pastore oltre a Cavani stesso.
    Ma lo ha detto Massimo Moratti stesso: il 2010 commise errori gravi. Sfido però chiunque di noi, quell’estate, a dar via Milito o Maicon o J. Cesar o Eto’o o Sneijder ecc. (perché quelli erano i giocatori fra cui dovevamo trovare chi vendere… ricordiamocelo).. Col senno di poi, sono bravo anche io che non ci capisco nulla di calcio eh?
    Ah dimenticavo: Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno. Perché li nomino? Perché oggi non sono potuto andare a San Siro e neppure ho potuto vedere la partita in televisione. Per motivi personali. L’ho ascoltata in macchina (ahimè) come ai vecchi tempi. E su una azione del Genoa, il radiocronista ha paragonato i difensori dell’Inter a Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno; nonché passato almeno 20 minuti a farsi beffe dei giocatori nerazzurri, fino a quando, tristemente, ha annunciato il gol dell’Inter: molto tristemente.
    Non ho altro da aggiungere Vostro Onore.

    • Curiosità: chi era il radiocronista?

    • Poter spendere non vuol dire per forza allestire una squadra forte. Se facciamo due conti su quanto ci sono costati gli undici in campo ieri, c’è da impallidire. Peggio ancora la panchina.
      Se coi vincoli del FFP abbiamo pagato certe cifre per Kondogbia, Eder, Gabigol, non oso immaginare senza FFP cosa potremmo combinare.

      Ps e intanto abbiamo speso fior di quattrini per gente che vale meno di Laxalt

  4. willerneroblu says:

    Ciao Rudi scrivo attaccato al calorifero da ieri sera,vero quel che dici ma poi guardiamo cosa ha vinto Hamsik dal 2008 col Napoli e cosa ha vinto l’Inter,non farei cambio!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...