Daredevil e Gene Colan (1)

Nella personale classifica dei migliori interpreti grafici di Daredevil, Gene Colan sta senz’altro sul podio. Alcune tavole restano ineguagliate. Ho riletto una dozzina di storie pubblicate fra il febbraio 1967 e il marzo ’68 – in Italia, per la Corno, i numeri dal 20 al 34, usciti nel 1971-72). I soggetti sono di Stan Lee, il segno di Colan ha ormai raggiunto la piena maturità, coadiuvato alle chine da Frank Giacoia, John Tartaglione, Dick Ayers e Joe Sinnott.

daredevil-28-gene-colan-1967Le caratterizzazioni di Colan sono autentiche pietre di paragone. Acconciature, golfini, camicette e gonne al ginocchio, maglioni intonati al rossetto, la sua Karen Page è un’icona Sixties. Foggy Nelson una specie di Jack Lemmon più grasso e buffo, Matt Murdock una via di mezzo fra Gregory Peck e Rock Hudson (coi capelli rossi). Ma sono le scene di combattimento a restare scolpite nella memoria, le anatomie pulsanti di energia, le inquadrature vertiginose.

Lee tiene magistralmente i toni della soap opera. Per questo Devil, difendere l’identità segreta e struggersi per l’amore impossibile di Karen, non sono meno assillanti del combattere nemici dai costumi e dai poteri strampalati. Messo alle corde, Matt si inventa il fratello gemello, uno dei sotterfugi peggio costruiti nella storia delle identità segrete nel fumetto supereroistico. Mike è l’opposto psicanalitico di Matt, Foggy lo definisce “un buffone vanitoso e pieno di sé”, ma Karen (raddoppiando la sua gelosia) ammette che “ha un certo fascino”. Finisce che Matt si diverte a interpretarlo, anche perché può corteggiare Karen spudoratamente. Ma quando decide che è venuto il momento di chiedere alla donna di sposarlo, Matt si rende conto di trascinarla in rischi mortali, ed evita di dichiararsi.

Chi sono i nemici? Si comincia con Frog la rana, si prosegue con Stilt-Man, poi Marauder (altrimenti detto Predone mascherato), poi comuni gangsters e assurdi extraterrestri. Si respira l’ingenuità e l’immaginazione di quei tempi – dalle supermolle di Frog ai trampoli idraulici di Stilt-Man, al campo di forza che circonda l’elicottero di Marauder – e arrivano “leggeri” persino i riflessi della Guerra Fredda.  (1, segue)

Annunci

2 Responses to Daredevil e Gene Colan (1)

  1. Pienamente d’accordo su Colan e sul periodo in questione.

  2. Pingback: I migliori fumetti letti o riletti nel 2016 | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...