Ricomincio da tre [id.], Massimo Troisi, 1981 [filmTv116] – 8

119-ricomincio-da-tre-massimo-troisi-1981

Esordio folgorante, rivisto chissà quante volte, eppure si continua a ridere, rammentare, coltivare la malinconia. Scritto insieme ad Anna Pavignano, prodotto da Fulvio Lucisano con musiche di Pino Daniele, è il certificato di nascita di una lingua e di nuovi tempi comici: Troisi accende una luce sul fragile rinascimento napoletano.

Gaetano mostra un’insicurezza esistenziale, eppure ha le idee chiare. Gli basterebbe muovere gli oggetti con la forza di volontà, per svoltare. Non accade, dunque deve farla finita con la casa in cui vive insieme a genitori e fratelli. Monco di una mano, il padre prega la Madonna e aspetta il miracolo. Che sia tempo di andarsene da San Giorgio a Cremano, Gaetano l’ha capito, e sa che un napoletano non può viaggiare ma solo emigrare. Arriva a Firenze, dalla sorella del padre, ma lei ha un amante che tiene nascosto alla famiglia, e il nipote deve trovarsi un’altra sistemazione. Ecco Frank, fa il predicatore, cerca di coinvolgere Gaetano, che nel frattempo ha conosciuto Marta (Fiorenza Marchegiani), che lavora in una struttura psichiatrica. Da Napoli sale l’amico Lello (Lello Arena), impiccione e tirchio come nessuno; si scatenano situazioni comiche quando il timido Gaetano si ferma a dormire da Marta o quando gli amici intellettuali di Marta e la coppia di giovani napoletani ascoltano le prove di romanzo su cui lavora la disinibita padrona di casa.

Il viaggio di formazione passa attraverso l’incontro con il depresso (Michele Mirabella) che medita il suicidio, il frenetico paziente del centro psichiatrico (Marco Messeri), il povero Robertino (Renato Scarpa) succube di una madre reazionaria. Il decisivo rito di passaggio sta nel dolore del tradimento, a cui presto segue l’inattesa scoperta di poter essere padre. Qualcuno ha dimenticato la logica implacabile con cui Gaetano valuta il nome da dare al figlio?

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...