Il Gioco. 1 e 2. Milo Manara per Il Sole 24 ore

Con un semplice “clic”, girando un interruttore, si può accendere il desiderio erotico delle donne, fino a renderlo incontenibile, deragliato da ogni freno inibitorio. È questa l’intuizione che spiega il clamoroso (e sproporzionato) successo internazionale di queste storie di Manara, uno dei fumetti più venduti al mondo, nonché base di un film dimenticabile: «Le Déclic. Dentro Florence», diretto da Jean-Louis Richard, dopo l’abbandono di Bob Rafelson, con l’inespressiva avvenenza di Florence Guérin.

catturaLa protagonista, Claudia Christiani, è ovviamente bellissima, bruna, longilinea, dalle gambe lunghissime, ma il detonatore della storia richiede che sia una moglie irreprensibile, algida e scontrosa, persino bigotta. Sposata con il commendatore Aleardo, respinge infastidita le avances del losco dottor Fez, la cui frustrazione trova sfogo attraverso il furto di un’invenzione di un collega, il professor Kranz.

Fra le fonti di ispirazione di Manara, «Bella di giorno», il film di Bunuel dove è inserito una scatoletta che scatena il piacere in Séverine (Catherine Deneuve). Ma l’autore confessa che l’idea gli venne dal nuovo telecomando del cancello elettrico. Il primo episodio fu pubblicato a puntate sulla rivista «Playmen». Questa edizione riproduce le tavole in bianco e nero.

«Il Gioco» ha il tono della commedia libertina. Inanella situazioni scabrose, alternando liberazione sessuale e senso di colpa, piacere e vergogna. L’invenzione del dottor Kranz nasceva per guarire l’uomo dall’impotenza, Fez se ne impadronisce allo scopo di umiliare Claudia, esponendola a situazioni estreme.

L’esilissimo secondo capitolo vede Claudia ormai separata dal marito e impegnata come conduttrice televisiva. Non si sa come, la macchinetta è finita nelle mani di un sosia di James Dean, che si scoprirà essere pagato dall’ex marito in cerca di vendetta. L’unico personaggio degno di nota è quello di un senatore (Claudia è sua nipote), che si rivelerà particolarmente sadico e perverso. Fa una breve apparizione Miele, celebre pin-up di Manara, al solo scopo di spiegare (e mostrare) l’origine del suo nome.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...