Maglia numero 23, come Materazzi e Michael Jordan

Arrivò sei anni fa, ai primi di gennaio, dal Genoa, per un sacco di soldi e il cartellino di Destro. In panchina c’era Leonardo, dopo l’autolicenziamento di Benitez.
In sei stagioni piene, ha giocato nell’Inter 175 partite, altre 14 le ha giocate in Nazionale; per almeno un biennio ci siamo illusi di aver trovato il grande difensore su cui impostare l’intero reparto, e fino all’estate 2015 è stato un punto fermo, a volte persino il capitano.

Da un anno e mezzo, i tifosi pregano affinché se ne vada. Ogni voce di mercato viene salutata con entusiasmo, ma immancabilmente i sondaggi cadono nel nulla. Un po’ per l’ingaggio. Un po’ per l’orgoglio. Un po’ perché la fidanzata sta così bene a Milano…

andrea-ranocchia

Ricordo un suo gol al Dall’Ara, in un 1-3 dell’autunno 2012 completato da Milito e Cambiasso; e poche settimane dopo, fu suo il gol al 120esimo, che consentì all’Inter di eliminare il Bologna in Coppa Italia.

Non è colpa di Ranocchia se l’Inter gli ha sottoposto un contratto da 2,5 netti a stagione, il triplo del più pagato di 5-6 squadre di Serie A. E gli va riconosciuto di non aver mai innescato una mezza polemica.
Quello che intristisce è vederlo sempre più spesso in tuta e senza alcuna speranza di entrare in campo.

Nel 2010-11, in mezza stagione, 26 presenze, 2210 minuti, il 43% del totale.
Nel 2011-12, solo 17 presenze, 1425 minuti, il 32% del totale.
Nel 2012-13, 45 presenze, 3730’, il 74%.
Nel 2013-14, 26 presenze, 2250’, 61%.
Nel 2014-15, 42 presenze, 3610’, 77%.
Nel 2015-16, 10 presenze, 250’, 6,6%, poi il prestito alla Sampdoria, dove doveva riconquistare la Nazionale e invece, se possibile, è peggiorato. Temo che a Marassi abbia perso l’ultima occasione di proporsi ad alto livello.

Nel 2016-17, finora, 9 presenze, di cui 4 in Europa League, per 725’, il 28% dei minuti giocati. E in 19 partite su 28, è rimasto a sedere, come gli accadrà quasi certamente nelle prossime 17-20 occasioni, scalzato persino da Medel e Andreolli. Poi, in estate, gli verrà regalato il cartellino, e lo vedo rilanciarsi in una Spal o in un Verona, in una neopromossa alla ricerca di un po’ di esperienza.

Facile confrontare la sua parabola con quella di Bonucci, e chiedersi come mai – ai tempi del Bari – tutti scommettessero su Ranocchia. La mia opinione è che ci siano due aspetti che hanno concorso al suo triste declino: la conformazione fisica, quel metro e 95 così raro fra i difensori, non fosse altro perché se sei così alto è impossibile tu sia anche rapido sul primo passo. Secondo: un limite caratteriale. Ranocchia sa fare solo falli vistosi e non è mai apparso come un trascinatore.

Vegetare a Milano (a quelle cifre) non è poi così male, ma mezza stagione in Premier – fossero vere le offerte di Swansea, Watford, Hull City – forse gli farebbe tornare la voglia di giocare al calcio.

Advertisements

2 Responses to Maglia numero 23, come Materazzi e Michael Jordan

  1. La conformazione fisica l’ha portato anche a qualche infortunio di troppo, altro ostacolo importante.
    Il confronto con Bonucci è di quelli destinati a diventare emblematici per anni.
    Differenti personalità, innanzitutto. Entrambi fortunati nell’incontrare un maestro come Ventura, entrambi sfortunati ad essere catapultati in big dove il caos regnava sovrano – l’Inter di Gasp (dopo i sei mesi con Leo) e la Juventus di Delneri. Solamente che poi uno ha avuto la fortuna di trovare Conte e un progetto, l’altro Ranieri, Stramaccioni, Mazzarri…
    A maglie, e percorsi, invertiti non so che storie staremmo qui a raccontare.

  2. willerneroblu says:

    Ciao Rudi per le sue caratteristiche fisiche capirei la difficoltà nel breve ma dovrebbe essere un difensore da 5/6 gol a campionato!!!
    Mi fa ridere il corriere di stamattina che sottolinea come il milan,se giocasse solo il secondo tempo, sarebbe secondo…bellissimo..e come per sviare l’indagine sulla Juventus riguardante i rapporti mafiosi/biglietti sposti la questione a livello generale che pena questi giornalai!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...