L’Inter, al dunque…

Al dunque, l’Inter non è una grande squadra.
Né lo diventerà quest’anno.
Appena si alza l’asticella, la mediocrità di 5-6 interpreti riappare incurabile.
Spiace dirlo, perché ha fatto tre mesi eccezionali, ma Pioli le ha sbagliate tutte, e la Lazio meritava di vincere più ampiamente.

Pioli ha cominciato a sbagliare sabato, evitando un vero turn over contro il Pescara.
Ha continuato ieri, con l’assurda (e presuntuosa) formazione schierata nel primo tempo: Palacio unica punta? A 35 anni? In mezzo a Hoedt e De Vrij? A che servivano i cross, peraltro quasi tutti sbagliati?

Poi, se non è presunzione (l’idea di vincerla nel secondo tempo), che senso ha tenere in panchina i tre più in forma (Gagliardini, Icardi e Joao Mario)?.
Infine, come spiegare l’azzardo di sperimentare in una partita dentro o fuori una coppia di centrocampo (Kondogbia-Brozovic) che non ha mai giocato insieme?

Infine, temo che Pioli faticherà a scrollarsi di dosso una delle marcature più autolesioniste della storia nerazzurra, Ansaldi su Felipe Anderson…
Il brasiliano poteva segnare 4 gol, e non è un modo di dire, visto che si è presentato 4 volte solo davanti a Handanovic.

Oltre le colpe di Pioli, ci sono quelle “storiche”, ataviche in una stagione male impostata e miracolosamente corretta in corsa. Non è colpa di Pioli se la difesa è tutta da rifare (il solo D’Ambrosio può restare, da riserva), se Kondogbia non sa giocare né di destro né di prima, se Banega è peggio delle peggiori previsioni, se Candreva tende a imbolsirsi per i tanti chilometri percorsi, se Joao Mario è tutto fuorché un agonista… Così, ieri sera si è completata la stagione orribile nelle Coppe: 8 partite giocate, di cui 5 in casa, nessuna davvero bene. E i soldi risparmiati sull’ingaggio di Ranocchia sono stati già azzerati dal mancato incasso della semifinale.

Ora mancano solo 16 partite alla fine della stagione, il terzo posto è difficilissimo, e tempo due settimane sentiremo di nuovo parlare di Pioli come un traghettatore. Mi dispiace, ma l’Inter ha malattie endemiche, un ex presidente che ciancia di scudetto se si va a vincere allo Juventus Stadium, troppi esaltatori di professione e pochi competenti. Mi chiedo se e quando vedremo in campo Santon, Andreolli, Biabiany, Yao, Palacio e Nagatomo, Carrizo e Gabriel Barbosa, che senso abbia portare in prima squadra Pinamonti, a cosa serva lo sconosciuto australiano arrivato ieri sul gong del mercato.

Esagero? Mi faccio prendere da un eccesso di sconforto? Può darsi. Temo una disfatta domenica sera, per il furore agonistico che la Juve esprime in casa e i cedimenti strutturali del nostro reparto difensivo.
Si dice che le grandi squadre non sbagliano due partite di seguito. Purtroppo, l’Inter non è una grande squadra, e come ne ha vinte 9 può perderne 3-4 di fila.
Consola il fatto che la squadra ha orgoglio, buona condizione atletica e in 10 ha continuato a mettercela tutta. Ma al quarto d’ora del secondo tempo, fossimo stati sullo 0-3, non avremmo avuto niente da dire.

Advertisements

29 Responses to L’Inter, al dunque…

  1. Questa sconfitta mi dispiace, ma non mi stupisce.
    Lo avevo detto subito che vedevo la Coppa addirittura più difficile del terzo posto. Perché ogni tanto sbagliamo l’approccio (vedi Udinese, o Napoli) o ci complichiamo le cose da soli (Fiorentina) e, in partita secca, non hai tempo di rimediare. Col Bologna eravamo quasi riusciti a suicidarci, ieri dopo il gol (al primo tiro) abbiamo perso il lume della ragione.

    Domenica possiamo perdere, ma da come starà la squadra di testa ai vedrà il vero valore di Pioli.

  2. Caro Rudi sono d’accordo con te: Pioli si è giocato il rinnovo. Spiace ma le sue responsabilità sono evidenti. Certo se a giugno non arrivano 4 grandi giocatori difficilmente tirneremo competitivi per il vertice.

    • micklosblog says:

      Possiamo dire che Pioli non ha mai avuto chance per il rinnovo.
      Potevamo vincere lo scudetto, assurdo tenerlo sulla panchina.Bisogna fustigarlo.
      Richiamate De Boer che siamo ancora in tempo.
      Cosa ce ne facciamo di una squadra competitiva ? Meglio richiamare qualche bidone o far crescere qualche buona schiappa da ingrasso.

  3. willerneroblu says:

    A volte sembra che aspettavi solo quello…..Potrei dire che noi giochiamo la coppa prima dei gobbi e non del Sassuolo,potrei dire che la Lazio doveva essere in 9 da un bel po,potrei dire che noi per avere un rigore deve sparare Oswald dal terzo anello,potrei dire che abbiamo fatto 15 minuti finali alla grande,potrei dire che auguro a Immobile una fine improvvisa della sua carriera,potrei dire che hanno preparato il terreno per domenica sera……Ma dico che ai cinesi della coppa italia frega zero,l’unico errore che imputo a Pioli è di non aver fatto giocare tutte le riserve.Certo la Juve ci è superiori in tutti gli elementi in primis gli esterni per cui sono tranquillo domenica non mi aspetto nulla di particolare l’importante è battere Empoli e Bologna!!!!

  4. mi spiace dirlo ma clamoroso errore di pioli. la partita da vincere era quella di ieri, non quella con la juve (che probabilmente perderemo comunque). dopo i gobbi ci saranno altre 15 partite e dunque ci sarà tutto il tempo per arrivare terzi o settimi. ieri bisognava fare bene, o perlomeno mettersi nelle condizioni migliori per fare bene. in campionato c’era stato un bugiardissimo 3-0, in una partita dove potevamo essere sotto 0-1 dopo 50 secondi e 0-3 dopo mezz’ora. ieri bisognava giocare con tutti i titolari. e così facendo quest’anno abbiamo buttato nel wc entrambe le coppe. allucinante. ciò detto, spero domenica di non fare figuracce e, qualsiasi sia il risultato, di uscire dal campo con onore. resto imbestialito per ieri sera, ma sempre forza inter!

    • Interator says:

      “dopo i gobbi ci saranno altre 15 partite e dunque ci sarà tutto il tempo per arrivare terzi o settimi”

      esatto, trovare la continuità con le squadre “minori” – neppure Napoli e Roma ci riescono – sarebbe un gran passo in avanti. inutile vincere domenica per poi crollare nelle successive.
      per me la partita contro i gobbi è LA partita, molto più del derby (sarà un fattore probabilmente geografico…), ma preferisco fare un altro filotto dopo domenica piuttosto che ripetere quello successo con Stramaccioni nel novembre 2012 (vittoria allo Stadium e poi una serie di sconfitte – e non era colpa del tecnico).

      Per ieri sera niente da dire. La Lazio ha sprecato occasioni in serie nel primo tempo. Difesa imbarazzante. Pioli avrà sbagliato qualcosa ma è la coperta ad essere corta (con i giocatori di qualità). Personalmente ho la massima fiducia in Pioli, sta cavando sangue dalle rape.

  5. Ma per favore quanto catastrofismo…è una squadra in divenire e bisogna lasciare il tempo a giocatori ed allenatore di costruire qualcosa.Non ricominciamo con traghettatori et similia.

    • Gert 58 says:

      mia cara si vede che non frequenti questo blog…..benvenuta nel blog dell’intertristismo, il motto qui è… “l’è tutto sbagliato…l’è tutto da rifare”

      • Rudi says:

        ciao Gert, è bello vedere che l’aver accumulato 200 punti di scarto dal Male Assoluto negli ultimi 6 anni ti mantiene ottimista

      • Gert 58 says:

        ciao Rudi è rassicurante vedere che, sia che l’inter perda giocando bene o vinca giocando male, sia terza in classifica o 10….il tuo incrollabile intertristismo non ti abbandona mai, poi vedo che continui con il vecchio giochetto di banalizzare le posizioni altrui….da cosa desumi il mio ottimismo e a proposito di cosa?
        Detto ciò cosa c’entra pioli con i 200 punti nei confronti dei ladridopati? vogliamo parlare dei 200 punti?…bene, quanti di questi punti sono dovuti agli arbitraggi? quanti al fenomeno dello “scansamento” di cui ha parlato perfino il noto ultras interista buffon? quanti al fair play finanziario di platiniana memoria? quanti alla sciagurata gestione del post triplete ad opera di moratti? quanti al continuo cambio di allenatori spesso invocato anche da questo blog (a volte a ragione ma più spesso a vanvera)?….come potrai notare tutte cause che eccetto nell’ultimo caso poco centrano con l’attuale gestione anzi a ben vedere la maggior parte risiedono al difuori addirittura delle responsabilità della società FC INTER.
        Mi rendo conto che sono tutte questioni noiose e già affrontate anche su questo blog….ma perché fare la fatica di contestualizzare sempre tutto….mettere in relazione i fatti e le conseguenze…ma no è più semplice risolvere tutto con un sonoro…”l’è tutto sbagliato..l’è tutto da rifare”, tanto così per giocare a fare l’allenatore/giocatore/dirigente/presidente, in fondo cosa si rischia….tanto mica ce l’hai tu la responsabilità di gestire l’inter?

  6. chologol says:

    Credo che Pioli volesse provare a tenere la squadra in partita per un tempo facendo riposare qualcuno. Ha esagerato: Palacio ha giocato bene col Bologna quando ha avuto a fianco due punte (eder e barbosa), gagliardini a lanciarlo sulla corsa e joao mario a inserirsi quando lui si allargava. L’impresentabile reparto terzini e lo spaesamento cronico di banega han fatto il resto.
    Non sono d’accordo invece sull’accanimento verso Candreva, che ha costantemente occupato spazi per non lasciare le praterie che c’erano dal lato opposto (dove Perisic ha dovuto fare 2-3 recuperi da terzino puro).
    Niente champagne dopo il Pescara, nessun funerale stamattina: siamo (finalmente?) in costruzione e non scopriamo ora che 3-4 elementi sono inadeguati persino per il terzo posto.

  7. La difesa era quella titolare, ed è stato il reparto peggiore. Brozo-Kondo sono stati titolari fino all’arrivo di Gagliardini, Banega si è sempre alternato a J.Mario (che quando è entrato è stato quasi peggio dell’argentino). Esterni titolari. Unica follia, Palacio centravanti.

    L’abbiamo toppata mentalmente, i due contropiedi a fine primo tempo sono fuori dal mondo. Ci siamo svegliati quando eravamo già fuori.

  8. micklosblog says:

    Tanto valeva ingaggiare un distributore automatico

  9. claudiopaga says:

    Le grandi squadre vincono i campionati, non le coppe italia. Come si fa a dare piu’ importanza da un quarto di finale di coppa Italia che ad un Juve-Inter, bisogna essersi fumati l’impossibile :-)
    Ieri male perche’ Kondo+Brozovic non vanno bene assieme e ne ha sofferto sopratutto la difesa (sopratutto Miranda con la testa altrove).

    • Si fa. Basta usare il cervello e non la pancia. È chiaro che tutti noi abbiamo un avversione per i Gobbi che in me sconfina nell’odio. Ma usando il cervello si può pensare che la coppa era un obiettivo. Se poi tu sei soddisfatto di non vincere niente da 6 anni, mentre perfino il derelitti bilan mette in bacheca trofei…sono contento per te.

      • claudiopaga says:

        era una battuta!
        pero’ secondo me anche a vincere la coppa italia 6 anni fila non si diventa una squadra vincente, se poi in campionato ogni volta si arriva 20 punti dietro.
        per me vincere significa campionato e coppa campioni, tutto il resto sinceramente mi lascia indifferente

  10. francesco says:

    Rudi di inter ha scritto solo cose sensate quest’anno e io mi rispecchio totalmente nella sua analisi

  11. Kondogbia ha fatto una partita quasi eccellente.

  12. La formazione a centrocampo era fragile per l’assenza di Gagliardini che migliora anche Kondo e per la consistenza ectoplasmatica di Banega, accompagnata dalla solita svagatezza di Brozo. In attacco non abbiamo sostituti per Icardi, quindi venderlo, ora pure al top in Europa per la somma gol+ assist, sarebbe stato azzardato: ce ne sarebbero voluti due di assoluto livello per il reparto, invece di uno solo. In difesa abbiamo poco da scegliere e quando Miranda toppa la serata con chi ce la prendiamo? Pioli doveva scegliere la Coppa Italia senza pensare al turn over? Non lo so cosa sia meglio: con la Juve non mi piacerebbe perdere senza lottare e un pareggio ci aiuterebbe per il Campionato. Gli scontri diretti contro squadre che non sono grandi neppure loro anche se ottime ci lasciano dei margini di speranza. L’ho visto come un bagno di umiltà: approccio troppo guascone e spazi dietro DeBoeriani. Credo che il processo di miglioramento non sia cancellato da una prova che poteva benissimo (magari con qualche episodio a favore) terminare con un pareggio. Il forcing finale ha fatto molta paura alla Lazio e mi sembra che anche il secondo tempo faccia parte della partita. Poi che servano almeno 2/3 giocatori in difesa e uno in attacco lo sappiamo da quel dì…torna sempre utile il vecchio detto: Roma non è stata costruita in un giorno.

  13. metalupo says:

    Io ho visto buchi in alcune zone del campo, buchi molto pericolosi, ma ho visto anche una squadra molto tonica atleticamente e con un atteggiamento mentale di tutto rispetto.

  14. denny says:

    X me LA partita è quella di domenica sera della coppa italia mi interessava il giusto (cioè poco) credo che l’obiettivo da rincorrere con tutte le forze sia il terzo posto e in fondo nonostante tutto è ancora possibile (anche se difficile) non mi piacciono i discorsi tipo “tanto a torino perdiamo” sono proprio quelli che ci fanno girare le scatole quando li fanno i vari Giampaolo & c. Ricordiamoci di Stramaccioni e andiamo a giocarcela senza paura

    • denny says:

      … anzi con “spensieratezza” ;)

    • willerneroblu says:

      E’ vero hai ragione,a volte è troppo facile prevedere la sconfitta però oggettivamente loro sono superiori in ogni dove non oso pensare al duello Alex Sandro Ansaldi…….e poi al Conad stadium ricordiamolo,in affitto per 99 anni,le regole sono leggermente diverse…..

  15. Luigi Baragiola says:

    Appena visto quelli che si scaldavano come titolari mi sei venuto in mente
    Tutto perfetto.
    Ciao e baci da luigi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...