Noi il fioretto, loro la clava

E così, ieri sera alle 19.04 la società Internazionale Football Club ha emesso un breve comunicato sulle vicende seguite alla partita dello Juventus Stadium. Ben scritto, ben ponderato, in ottimo italiano. Elegante quanto deludente.
Penso di poterlo giudicare con qualche ragione: faccio il lavoro di colui o colei che ha materiale scritto quel testo. So cos’è un comunicato stampa, ne ho scritti centinaia, ne ho letti migliaia.

comunicato-stampa-del-9-febbraio

Resta la curiosità di sapere a chi e a quanti l’estensore (lui o lei) abbia dovuto mostrare il testo, e chi eventualmente l’abbia ritoccato. La “catena di comando”, all’Inter, non è proprio lineare, c’è un “direttore della comunicazione” (Robert Faulkner), sopra stanno un presidente e un vicepresidente, un amministratore delegato, un “corporate director”, un “chief football administration”, e poi immagino (sul sito non c’è traccia) vi sia un vero e proprio ufficio stampa, con una sua piccola gerarchia interna (senza dimenticare la comunicazione affidata a Inter Channel). Insomma, chi scrive un comunicato stampa all’Inter impara presto a essere un Arlecchino servitore di molti padroni.

Nel caso specifico, in punta di penna, la società difende il suo operato, rivendica la sua storia, fa capire di non avercela con la Juventus ma con gli arbitri. Come se domenica sera ci fosse stato un Empoli-Inter qualsiasi… Riuscite a immaginare un Empoli-Inter in cui succedono metà delle cose successe allo Juventus Stadium, e poi dopo?

È un testo stitico, sembra quasi che la società sia stata costretta a comunicare, le abbiano strappato di malavoglia quelle 115 parole, articoli compresi. Nel frattempo hanno imperversato soggetti come Marotta (un dipendente della Juventus che la pensa assai diversamente dall’omonimo ex dipendente della Sampdoria), fino alle parole in libertà di John Elkann (un padrone, nel senso pieno, ottocentesco del termine).
Ecco, il comunicato delle 19.04 di ieri mi sembrerebbe astuto (alla Sun-tzu) se fossi convinto che Suning ha capito tutto e si sta attrezzando per togliere a Elkann quel sorrisino insopportabile. Siccome non ne sono certo, anzi temo che a fine anno verrà silurato Pioli, non avendo raggiunto “sul campo” i risultati attesi anche grazie ad arbitri che allo Juventus Stadium perdono la bussola, di lezioni di stile non so che farmene.

Caro, anonimo estensore del comunicato di ieri, hai tutta la mia solidarietà. So per certo che avresti voluto scrivere ben altro, ma tieni famiglia e non è tua l’ultima parola. Ma siccome io non sono a libro-paga dell’Internazionale FC, posso scriverlo: disprezzo la Juve e chi la dirige, la sua arroganza impunita, il suo sentirsi al di sopra delle leggi che valgono per gli altri, la sua incapacità di leggere una trentina di sentenze emesse da tutte le magistrature possibili. E le auguro tutto le sconfitte possibili, pur sapendo che non ha mai imparato a vincere e non imparerà nemmeno a perdere.

Annunci

30 Responses to Noi il fioretto, loro la clava

  1. francesco says:

    Vedi io la penso così

    Quel comunicato non andava neanche scritto

  2. Interator says:

    Caro Rudi, per me anche tu usi il fioretto.
    Sono convinto che i tuoi pensieri sulla juve siano molto meno moderati, ma che tu preferisca mantenere un certo stile nei tuoi articoli.

  3. A me è piaciuto, tutto sommato.
    Per il fatto, innanzitutto, di aver deciso di parlare per vie ufficiali, che le interviste fuori dalla Saras o per strada, dal finestrino aperto non servono a nulla.
    E poi che “Siamo una squadra storicamente di opposizione, lo sanno, è la nostra forza narrativa”; abbiamo dimostrato che la nostra opposizione è anche nei toni e nei canali utilizzati. Nonchè, abbiamo mandato la frecciatina che forse forse i complessi ce l’hanno loro verso di noi, non viceversa.

    Certo, avrei gradito che quel fioretto lo infilassimo un po’ più in profondità con una frecciatina relativa al fatto che capiamo che si possano sentir chiamati in causa quando uno parla degli errori arbitrali, visto il loro passato…

    • denny says:

      Infatti hanno una coda di paglia clamorosa questi si sono offesi quando Materazzi si è vestito di bianco o quando i nostri giocatori cantavano “vinciamo senza rubare” come se qualcuno avesse nominato esplicitamente loro

  4. pgkappa says:

    a me per una volta è piaciuto moratti su zhang. poi hanno fatto sto brodino…. confido nella saggezza cinese.

  5. willerneroblu says:

    Moratti deve solo fare silenzio!!

  6. denny says:

    Alla buon’ora Rudi almeno stavolta l’hai detto quello che pensi(/pensiamo)! Io mi stavo stancando di leggere commenti tipo “si va be’ rizzoli ma nel secondo tempo siamo calati” oppure “ma in fondo sono più forti hanno meritato” anche x me è un comunicato fin troppo educato che impressione vuoi che faccia a certa gentaglia … Qui bisogna passare alle vie di fatto, ma credo che suning possa sorprenderci in positivo

  7. E comunque i cugini J. Elkan e A. Agnelli sono molto peggio dei padroni ottocenteschi. Sono i pronipoti che hanno studiato all’estero e nascondono le loro nefandezze dietro a termini inglesi e al mito delle aziende moderne. (Non c’entra niente, ma il mio disprezzo verso di loro, e verso quelli come loro, è inenarrabile)

  8. Caro Rudi dovremmo lavorare per l’Inter: tu capo dell’ufficio stampa, io direttore sportivo.

  9. Il comunicato della “reputazione” di qualche anno fa era molto più ficcante e tosto.
    Questo è più criptico ma, per chi riesce a leggere tra le righe, ci sono scritte almeno un paio dicose:
    1 – che loro sono ossessionati da noi e dalle nostre vittorie (vedi la ricerca del 6° scudetto di fila e del triplete)
    2 – che la nostra storia è diversa dalla loro (sia in termini sportivi che extra), e noi ne siamo orgogliosi di ciò. Loro sono orgogliosi della loro storia?

  10. maxi0110 says:

    Dice bene Nainggolan ;-)

  11. rugherlo says:

    Ciao Rudi.
    Più che il comunicato in se’, mi pare più importante vedere le mosse di Suning per cambiare una situazione indecente.
    Arbitri, parecchi tra giornalisti (?) ed ex giocatori…
    tutti fanno a gara per dare ragione a Flaiano quando diceva: Gli italiani sono sempre pronti a correre in soccorso del vincitore.
    Peccato che in questo caso il vincitore (Juve) partecipi ad un gioco dove le regole sono sempre a suo favore…
    Se non cambiano le cose la mia Inter me la guardo in Europa senza rimpianti per un torneo marcio e falsato.

    • Rudi says:

      Anch’io me la guarderei volentieri in Europa, ma il prossimo saranno sei anni fuori dalla Champions…

      • rugherlo says:

        Pazienza.
        Ma vedere uno scempio come quello di Rizzoli e sentirsi prendere per il culo dal fratello di Lapo…
        Insomma, comincia a sembrarmi troppo.
        Speriamo che Zhang voglia valorizzare il suo investimento e si faccia valere nelle sedi opportune (che tristezza…).

  12. Lapo è il migliore della famiglia. E non è un paradosso, almeno non finge di essere diverso da quel che è.

    • rugherlo says:

      Penso anche che se lo siamo tolto volentieri dalle scatole, fratello (john) compreso.

      • luccarmi says:

        dice che stia pensando di diventare presidente della rubentus (che appartiene agli elkan non agli agnelli, mi risulta così, ma chiedo lumi). Personalmente lo spero. ricordatevi che fu lui a combattere contro moggi. Lui che tentò di limitarne l’azione, cercando anche di mandarlo via.

  13. luccarmi says:

    Dico che apprezzo di più il comunicato di Rudi, ma il mio parere non vale, sono “di parte” se devo giudicare chi scrive meglio fra Rudi ed un altro che neppure conosco.
    Alle due cose evidenziate da Antonio Alfieri (+1), ne va aggiunta una terza importante: noi (l’Inter) non parliamo della rube. Come dire: ce ne infischiamo di loro.
    Di tutti i comunicati scritti dall’ Inter questo è il migliore dopo quelle del “siete retrocessi in serie B con la vostra reputazione”. Ma i cinesi (per indole) non attaccano mai frontalmente o in modo “evidente”. Il loro comunicato, se lo si legge bene dice tante cose.
    Ammetterai Rudi, che se non avessero scritto nulla, non sarebbe andato bene.
    E fra il comunicato dell’Inter e le sguaiate dichiarazioni degli impuniti, retrocessi, dopati, pluricondannati, preferisco di gran lunga il nostro.
    Ma loro, dico loro … chi sono? (cit) Non erano quelli che avevano classe?

  14. Con l’arroganza che li contraddistingue, credono di poter dire qusiasi cosa a chi ascolta o legge di cronaca sportiva, ritenendoli privi di memoria. Evidentemente pensano sia sufficente parlare solo ai loro sostenitori provocando tutti gli altri. Credono che chi li ascolta non ricordino le proteste, anche recentissime (vedi Fiorentina), che li mostrano per quello che sono: cioè ad un livello comportamentale inferiore a quello degli altri. E sia chiaro che sto parlando dei rappresentanti dei vertici societari, perchè i tifosi della squadra che è innominabile sono, come noi dell’Inter, innamorati diella propria squadra sin dall’innocenza….

  15. Anch’io provo vergogna se ci viene dato più del dovuto….. e comunque niente ironia.
    Sono un buono, come credo gran parte di noi Interisti.
    Mi hanno indignato le “sparate” dei vari marotta ed elkann volte provocare… evidentemente si divertono a giocare con le persone. D’altra parte, sono dei feudatari….

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...