#avanticonPioli, tutto come previsto

Nel peggio, l’Inter è tremendamente prevedibile.
Alla sconfitta (prevedibile) contro la Roma, seguono le prevedibilissime chiacchiere in libertà sul nuovo allenatore. A quanto pare, dovrà essere “di profilo internazionale”.
A quello attuale si rimprovera di non saper battere squadre vistosamente superiori, vagheggiando che altri in panchina farebbero segnare Kondogbia, crossare Medel, rifinire Brozovic, leggere le diagonali Murillo, eccetera.

Simeone sappiamo con chi parla.
Mourinho sappiamo che prima o poi tornerà (e fino ad allora non ci farà nessun piacere, vedi Darmian).
Conte sappiamo che vive male a Londra.
Allegri sappiamo che non sopporta Bonucci.
Si fa pure il nome di Spalletti, che sappiamo non sopporta l’ambiente romano…
Sappiamo tante cose, ma io penso di saperne anche un’altra: con la squadra ereditata da Pioli, fenomeni come Conte, Spalletti, Mourinho, Allegri e Simeone farebbero qualche punto in più, ma non riuscirebbero ad arrivare terzi.

Ci aspettano tre mesi sfinenti, le partite da giocare, appena 12, saranno meno importanti delle voci di mercato: un giorno James Rodriguez, un altro Alexis Sanchez, tutta gente che non aspetta altro che venire in una squadra che (forse) farà l’Europa League.

Al netto degli errori di Pioli, l’allenatore è quello che sta facendo la figura migliore nella stagione 2016-17. A Pioli voglio dare un 8 pieno, e anche De Boer per me merita la sufficienza. Ai calciatori un 5, mentre la società arriva a malapena al 4.

Quanto agli arbitri, non credo siamo dalle parti di Calciopoli, credo che abbiamo subito errori gravi ma abbiamo avuto vantaggi in varie partite. Non tengo una contabilità precisa, ma forse avremmo 3-4 punti di più e il Milan 3-4 punti di meno. Buttarla sugli arbitraggi, oggi, mi sembra regalare immeritati alibi a società e calciatori.

Annunci

25 Responses to #avanticonPioli, tutto come previsto

  1. chologol says:

    Pioli va difeso coi denti, ma prima o poi ci dovrà spiegare il perché del passaggio alla difesa a 3, con lo stravolgimento di una squadra che finalmente giocava a calcio. Quest’Inter è (tornata) inguardabile, nonostante ad ogni partita si procuri almeno un rigore non concesso.

  2. pgkappa says:

    io cmq un ds che va in televisione prima della partita e si dichiara stupito della formazione,faccio fatica a capirlo.quindi rudi la tremenda prevedibilità nn cambierà mai se nn cambia la società.per quanto riguarda gli arbitri mi è piaciuto dalai sul nero e l’azzurro.

    • willerneroblu says:

      Ciao ti stupisci tu,Ausilio è imbarazzante,non può essere il direttore sportivo dell’Inter,vive ancora sull’acquisto di Balotelli dal Lumezzane.
      Mi spiace Rudi ma stavolta sono in totale disaccordo e mi duole dirlo ma lo avevo scritto la prima volta Pioli bravo ragazzo ma questa squadra ha bisogno di Simeone appena si è alzata l’asticella si è perso.
      Ha cominciato con la Juve con la difesa a tre solo perchè aveva paura a lasciar fuori i giocatori importanti,grazie visto che ci ha salvato ma non può essere l’allenatore del prossimo anno come non può esserlo Ausilio!!!

      • pgkappa says:

        io nn sn stupito,faccio fatica a capirlo. cmq fassone lo voleva al milan ed essendo ausilio milanista di fede,spero proprio che se ne vada.

  3. a un allenatore che arriva a stagione in corso (e per giunta in una squadra/società dilaniata da anni di cattiva gestione) e riesce, finalmente, a vincere le partite cosiddette “facili”, facendo un bel po’ di punti con un gioco decente… non si può certo rimproverare di aver perso con Napoli Roma e Juventus, che sono club superiori in tutto e per di più rodati.
    Se mai, Pioli ha sbagliato l’approccio alla partita con la Lazio.
    Credo che la difesa a 3 nasca dalla consapevolezza della fragilità dei nostri terzini, e dall’esigenza di valorizzare (o non deprimere ulteriormente) alcuni calciatori: Murillo, che a tre offre maggiori garanzie, e Kondogbia/Medel, uno dei quali, con il 4231 e l’acquisto di Gagliardini, avrebbe riscaldato la panchina.

  4. #avanticonPioli.
    Pioli ha non ha fatto bene, ma benissimo fino ad ora.
    Ha preso in mano una squadra che Mancini aveva trascinato avanti senza voglia, presentandola con una impreparazione fisica senza precedenti per una squadra di serie A.
    Ha dato un senso logico ad una squadra (che con FDB non capiva cosa doveva fare), utilizzando con continuità uno zoccolo duro di giocatori, riportando tutti ad una condizione fisica più che accettabile.
    Ha toppato un paio di partite da un punto di vista tattico (o almeno questo mi sembra di aver compreso vedendo da fuori le posizioni dei calciatori in campo), ma lo ha fatto quando ha incontrato squadre di vertice in possesso di giocatori di grande velocità (Cuadrado, Salah, Callejòn) non potendo contrapporre esterni con pari qualità (Ansaldi bravino ma lento; Nagatomo concede centimetri e qualità pur essendo veloce; di Santon non parlo – il nuovo Facchetti (bestemmia di Mou)).
    Pioli merita credito!!
    #avanticon Pioli

    • Rudi says:

      ciao Antonello, mi hai fatto notare un elemento che mi era sfuggito: Callejon, Cuadrado, Salah… e quel che ne consegue. Ora, però, che torni alla difesa a 4, ruotando Medel, Miranda e Murillo nei 2 dietro, e con D’Ambrosio + Ansaldi sulle fasce. Almeno fino al derby, dove troverà Deulofeu.

      • Concordo, ovviamente. Ma era per far notare che Pioli non si è sveglaito una mattina e si è detto:- Toh, oggi schiero la difesa a tre!

        Ci ha pensato e ripensato… e adesso di nuovo a 4 dietro e Gagliardini e Kondogbia in mezzo al campo

      • …ah, dimenticavo…. sono 13/14 i giocatori che da qui alla fine dovranno giocare le 12 partite che mancano, non uno di più!

  5. willerneroblu says:

    http://settoreinter.it/blog/il-tifo-nerazzurro-oggi/ Spettacolo troppo ridere con un fondo dii verità!!

  6. Pioli adesso deve semplicemente portarci dove ci compete: sopra a Lazio, Milan e Atalanta. Deve ritrovare uno schieramento solido e continuità nel gioco e nei risultati, cercando di fare punti in tutti gli scontri diretti. La difesa a tre non mi sembrava una cattiva idea inizialmente, ma ho sopravvalutato l’intelligenza di Candreva, che non sa dosare la corsa su tutta la fascia e ha bisogno di D’Ambrosio a supporto.
    Fiducia in Pioli, ma deve tornare l’Inter di dicembre-gennaio.

    Ps Ansaldi ha sbagliato due partite, e già San Siro ha iniziato a prenderlo di mira. Il nuovo capro espiatorio, il nuovo Schelotto, Quaresma, Kuzmanovic…

  7. interinside says:

    Rudi,
    ma anziché rattristarci per le nostre disgrazie,
    spendiamo due parole sul closing rossonero!
    Neanche Totò con De Filippo sarebbero stati capaci di mettere in scena quel che sta mostrando il berlusca.
    Spero tu stia già lavorando sul tema, perché siamo oltre ogni più ridicola previsione.
    Ridiamo!

  8. gaggyblog says:

    Al netto delle critiche alla difesa a tre, che condivido, nessuno ha notato un certo appannamento fisico?

  9. willerneroblu says:

    Questi non conoscono la vergogna molto meglio arrivare a 20 punti

  10. willerneroblu says:

    Caro Luca ti snobbano ma temo che tu abbia ampiamente ragione!!!

  11. Mettiamo il caso che al posto della juve ieri ci fosse stata l’Inter e non avrebbero dato quei due rigori, mentre al Napoli sarebbe stato assegnato quello sacrosanto che invece gli è stato negato.
    Cosa avrebbero detto alcuni di noi? “Non attacchiamoci agli errori arbitrali, il Napoli è stato comunque superiore, al massimo avremmo potuto pareggiarla”.
    Qui è per dieci volte peggio di calciopoli, ma a differenza di quel periodo, qui sembra che più nessuno voglia combattere questo schifo. Si oppongono tante di quelle scuse e giustificazioni, a partire da alcuni interisti, che ormai sembra tutto accettato. Si usa una tale faccia tosta che certi cosiddetti opinionisti possono impunemente negare l’evidenza.
    Ai tempi di calciopoli almeno c’era una banda criminale rivale (il milan di Berlusca e Galliani e dello “spinga Meani, spinga”) che poteva contrastarli e si prendeva un po’ di soddisfazioni.
    Qui hanno deciso di fare il deserto, in un paese che non ha più anticorpi.
    Io da interista, viste le cose attuali, un retropensiero ce l’ho e lo confesso apertamente: spero che i cinesi si rivelino più delinquenti di loro. Silvio insegna, a questi li puoi sopprimere solo così. Almeno fino a quando tornerà ad essere il campionato di un paese normale.

    • willerneroblu says:

      Per non parlare della categoria dei giornalisti sportivi,non posso scrivere quello che gli auguro!!!

    • Interator says:

      Lo schifo visto ieri sera non ha limiti.
      Spero anch’io che i cinesi agiscano in un certo modo.
      I film recensiti da Rudi sono molto più reali di quello che avviene nelle partite di calcio

  12. Gus says:

    Buongiorno a tutti e benritrovato Rudi.
    Pioli non è il problema di quest’Inter, ma dovrebbe spiegare cosa diavolo è successo dopo l’eliminazione con la Lazio e perchè la nuova ostinazione sulla difesa a tre. L’imprescindibile (!?) Medel deve trovar posto per forza? L’idea di far tornare a giocare i pur mediocri Ansaldi e Nagatomo nel loro ruolo è una iattura solo pensarla? Pioli, è parer mio, è un ottimo allenatore se l’obiettivo è arrivare terzi o quarti (l’anno prossimo vorrebbe dire CL). Se alziamo l’asticella, e spero Suning la voglia autenticamente alzare, Pioli non è il profilo. Chi per lui? Spero più Simeone che Conte, ma la personalità, l’intensità, la compattezza di gruppo che serve per giocare nel nostro ambiente (e giocarsela con la Juve e i suoi…”episodi” favorevoli) è nei due profili citati.

    • Parlate di Simeone come di un dio in terra…ne siete proprio sicuri?E poi chi ve l’ha detto che verrebbe?Invidio le vostre certezze.

      • Gus says:

        Per carità…dio in terra si è già manifestato: imparò subito a dire pirla ed aveva l’accento portoghese. ; )
        Nessuna certezza, un parere ed un auspicio. Magari portandosi appresso Oblak, Vrsaljco, Griezmann…Tanto vale sognare in grande, no?

  13. claudiopaga says:

    come sempre all’Inter manca la societa’ seria che quando arriva il momento di difficolta’ invece di compattarsi manda tutto in vacca.
    ora che i giocatori han capito che Pioli la prossima stagione non ci sara’, spero non si ripetano le prestazioni vergognose dell’ultimo periodo di de Boer.
    l’unico appunto Rudi e’ che secondo me ai potenziali nuovi arrivi non interessa nulla se l’anno prossimo facciamo la champions o l’europa league o none of the above, basta pagarli e fargli vedere un progetto vincente (vedi Pogba e Ibra al MU la scorsa estate, ed e’ per questo che un Simeone/Conte o prima un Mancini valgono molto piu’ di un Pioli)

    • antonior66 says:

      Esatto! Io spero nell’arrivo di Conte anche e soprattutto per quello che comporterebbe. Non vorrei fare il gufo, ma anche Ranieri ebbe una striscia favorevole, e poi finì in un mezzo disastro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...