Gli spiriti della terra, l’Uomo Ragno di Charles Vess

Graphic novel in 70 grandi tavole, pubblicata nel 1989 e stampata in Italia tre anni dopo da Play Press.
L’autore parte dalla convinzione che volteggiare sopra Manhattan appeso alle ragnatele renda Peter Parker felice, che così facendo si senta davvero vivo.

spider-man-di-charles-vess-gli-spiriti-della-terraDopo aver catturato due ladruncoli piuttosto violenti, Peter va a cena al ristorante con zia May: la informa che insieme a Mary Jane andrà in Scozia, per una sorta di seconda luna di miele. La destinazione è stata scelta, in realtà, per seguire da vicino un’eredità che MJ non sapeva nemmeno di ricevere: una lontana parente le ha lasciato un piccolo pezzo di terra nelle Highlands.

Aleggiano spettri, fate e fantasmi: qualcosa di oscuro e minaccioso sta spingendo i residenti ad abbandonare le terre su cui vivono da generazioni. L’Uomo Ragno si trova a muoversi in un ambiente antitetico alla metropoli, non sa nemmeno dove lanciare le ragnatele. E una notte viene aggredito da un fantasma.

Ottimo nei panorami, nelle ambientazioni lugubri della brughiera (anche la sua versione del costume dell’Uomo Ragno è piacevole), Vess non è altrettanto convincente nelle rappresentazioni di Peter, May, Mary Jane, o nelle fisionomie degli scozzesi: il suo segno somiglia sinistramente a quello di McFarlane.

che ricorda quella dei Quattro Cavalieri dell’Apocalisse. La formazione scientifica rende Peter scettico di fronte a queste manifestazioni: presto arriva a capire che si tratta di ologrammi, programmati per impaurire i nativi e convincerli a svendere le terre. Da qui, la trama perde ogni interesse, aggrovigliandosi in situazioni utili solo a introdurre i combattimenti; in parallelo, lo scontro fra detentori di poteri in grado di evocare “gli spiriti della terra”.

Nell’appendice, Vess racconta il suo viaggio in Scozia, fra Inverness, Glen Coe e l’isola di Skye.

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...