The Leftovers, seconda stagione (1 di 5)

Il 14 Ottobre 2011, in un attimo sparì il 2% della popolazione mondiale: circa 140 milioni di persone. “La dipartita” coinvolse individui di tutte le età, i generi, le razze, in ogni parte del mondo. Ambientata fra l’autunno 2014 e l’inverno 2015, la prima stagione di questo serial si chiudeva senza risposte: né la comunità scientifica, né le grandi religioni mondiali potevano spiegare cos’era accaduto.

2-logo

«The Leftovers» è una serie televisiva ideata da Damon Lindelof e Tom Perrotta per il canale via cavo HBO. Nasce dal romanzo omonimo, scritto da Tom Perrotta, e ha debuttato il 29 giugno 2014. Ancora prima dell’uscita del romanzo, il network ne acquistò i diritti. L’atmosfera appare enigmatica, inquietante: «Lost» (Lindelof ne fu tra gli artefici) è il riferimento obbligato. Alle musiche di Max Richter si aggiungono canzoni pop, i cui testi contengono frequenti doppisensi.
Gran parte dei fatti narrati nella prima stagione erano ambientati a Mapleton, nello stato di New York; al centro del racconto, la famiglia Garvey.

Kevin – Justin Theroux – è lo sceriffo a capo della polizia cittadina; sua moglie Laurie – Amy Brenneman – dopo la dipartita è entrata in una setta dove tutti vestono di bianco, fumano continuamente e hanno fatto voto di silenzio. I due figli, Jill e Tom – Margaret Qualley e Chris Zylka – hanno preso strade diverse; la sedicenne vive col padre e frequenta il college, il fratello maggiore, poco più che ventenne, ha seguito un guru (“il santo Wayne”) nell’America occidentale. Nel corso della prima stagione, Kevin si innamora di Nora Durst – Carrie Coon –, che il 10 Ottobre vide sparire il marito ed entrambi i figli. Il padre di Kevin – interpretato da Scott Glenn – era lo sceriffo di Mapleton; è stato rinchiuso in un istituto di igiene mentale, sente voci, pare vittima di una forma di schizofrenia che tuttavia gli dona una speciale consapevolezza sul futuro.

Fra gli altri personaggi, spiccano tre figure: il reverendo Matt Jamison – Christopher Eccleston – che cerca di dimostrare come gli scomparsi non fossero affatto migliori dei sopravvissuti e, come Giobbe, è sottoposto a varie punizioni, la più grave delle quali è doversi occupare della moglie, rimasta in stato vegetativo; poi c’è Megan – Liv Tyler – una giovane donna che alla viglia del matrimonio ha deciso di entrare nella setta dei “Colpevoli Sopravvissuti” (Guilty Remnants); a capo della sezione locale sta Patti Levin – Ann Dowd – che andava in analisi da Laurie Garvey e si è tolta la vita alla fine della prima stagione.    (1, segue)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...