Hugo Pratt. Incontri e Passaggi

Catalogo della mostra allestita nel maggio 2016 al museo Macro (Roma Testaccio), con brevi testi di Francesco Boille, Luca Raffaelli, Laura Scarpa e Marco Steiner. È un interessante concentrato delle fonti – autori, opere, luoghi – che hanno contribuito alla creatività di Pratt, un catalogo delle influenze più esplicite, personaggi reali o protagonisti di libri.

Sappiamo che le opere di Pratt sono disseminate di riferimenti letterari e cinematografici, a volte esplicite citazioni. Volendo spiegare la sua fascinazione per le tombe di certi personaggi, il suo bisogno di restarvi in raccoglimento, Pratt scrisse: “Ho un grosso debito nei confronti delle persone che, nella loro vita, con la loro opera, hanno contribuito a rendermi come sono oggi”.

Milton Caniff (Terry e i pirati, ma anche Liam Young, l’autore di Cino e Franco).
Robert Louis Stevenson: “Trascorrere la mia vita in un mondo di fantasia, questa è stata la mia isola del tesoro”.
Rudyard Kipling e Arthur Rimbaud.
Héctor Oesterheld, conosciuto nel 1952 e fino al ’59 suo sceneggiatore, “il migliore che abbia mai conosciuto”; Pratt ne prende la fisionomia per disegnare Ernie Pike.
Zane Grey e Kenneth Roberts, James Fenimore Cooper e James Oliver Curwood. “Avventura e viaggio possono coincidere”. Le atmosfere di Curwood sono all’origine di Jesuit Joe e di Tutto ricominciò con un’estate indiana.
Jorge Luis Borges: “In Borges e in me si ritrova un medesimo modo di procedure: un miscuglio inestricabile di verità e mistificazioni, di personaggi reali e fittizi”. Ma nei 13 anni passati in Argentina, Pratt conosce e apprezza Octavio Paz, Leopoldo Lugones, Roberto Artl. E fa 4 figli con due donne diverse.
Jack London: Pratt lo fa apparire nella storia di Corto ambientata in Manciuria, intitolata «La giovinezza».
William Butler Yeats e Samuel Taylor Coleridge: “Nella letteratura quello che mi tocca maggiormente è la poesia perché la poesia è sintetica e procede per immagini”. E infine William Shakesperare

Annunci

2 Responses to Hugo Pratt. Incontri e Passaggi

  1. denny says:

    Bella questa raccolta di citazioni Corto Maltese è una delle mie letture preferite (anche se ho molte lacune) come diceva Umberto Eco più impegnativo di molti filosofi

    • denny says:

      La citazione esatta di Eco era “se voglio divertirmi leggo Hegel se voglio impegnarmi Corto Maltese” (devo googlare prima di commentare … :)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...