I miei primi 40 anni [id.], Carlo Vanzina, 1987 [Tv28] – 3

Nel suo genere, un capolavoro, ma perché scomodare il cinema? Bastavano 48 pagine di un bel rotocalco patinato.
In realtà, il vero genere di riferimento non è tanto il fotoromanzo, quanto il tableau vivant: wikipedia ci spiega trattarsi di un gruppo di attori di teatro che non parlano e non si muovono, rappresentando una serie di scene come fossero quadri viventi. In questo caso, non essendo purtroppo un film muto, l’attrice principale non si vede mai: il suo nome è Eleonora Rossi, fa la doppiatrice di Carol Alt.

Vanzina confeziona un collage di fotografie in movimento, una specie di story board per un film mai realizzato. Aggiunge la colonna sonora più facile e cronologica, e dialoghi non meno scontati. Tante scene-madri, torte in faccia, schiaffoni, pianti, amplessi, scenari stupendi esposti con la classe di Luigi Kuveiller (fotografia), Ruggero Mastroianni (montaggio) e Mario Chiari (scenografia).
Poi c’è lei, Carol Alt. Riempie lo schermo come la Monument Valley, la Tour Eiffel, il Colosseo. Una bellezza perfetta, sfolgorante, di una telegenicità che lascia stupefatti. Le chiedono di impersonare una donna fra i sedici e i quarant’anni, e lei fa le stesse smorfie, gli stessi sorrisi e gli stessi bronci a sedici e a quaranta. Semplicemente magnifica. Pretendere di dare spessore a Marina Ripa di Meana avrebbe richiesto una scrittura filmica totalmente diversa, a quel punto tanto valeva scegliere una vera attrice.

Protagonista della vita mondana di Roma negli anni Sessanta e Settanta, Maria Elide Punturieri, detta Marina, non si è fatta mancare niente: amori infelici, scenate di gelosia (Jackie con Onassis), Craxi fra i testimoni di nozze, playboy e duchi squattrinati, miliardari che la esibivano senza fare sesso, pittori comunisti, giornalisti d’assalto, marchesi con la tessera socialista… L’invidia sociale mi rende impossibile provare empatia per lei, ma certo si è molto divertita. Riprovevole è il fatto che un film come questo trascini in basso anche Elliott Gould e Jean Rochefort.

Annunci

5 Responses to I miei primi 40 anni [id.], Carlo Vanzina, 1987 [Tv28] – 3

  1. metalupo says:

    Singolare e divertente che ti prendi la briga di recensire ‘ste robe.
    😅

  2. pgkappa says:

    bulimico o masochista?

  3. Sara says:

    Bellissima! Le modelle degli anni ’80 erano bellezze spaziali!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...