Titanic [id.], James Cameron, 1997 [Tv29] – 8

Non ho la pretesa di scrivere nulla di nuovo sul film più premiato e con il maggiore incasso nella storia del cinema. Mi limito a ricapitolare alcune sensazioni, dopo averlo rivisto integralmente (e non solo a pezzi) a quasi vent’anni di distanza, insieme alle 29 scene tagliate e al finale alternativo (per fortuna venne scelto quello più efficace).

La storia d’amore fra Jack e Rose funziona perfettamente: Leonardo DiCaprio e Kate Winslet formano una coppia di fulgida, giovanile bellezza, magicamente armoniosa, non a caso rinnovata in «Revolutionary Road», quasi la logica evoluzione della sorte di Jack e Rose se fossero sopravvissuti alla traversata, si fossero sposati, avessero avuto figli e una vita mediocremente borghese. La collisione con l’iceberg, le angosciose manovre con le scialuppe, l’inabissamento del transatlantico, l’ecatombe nelle acque gelide risultano ancora emozionanti, anzi stupefacenti. A non reggere l’usura del tempo è il pretesto narrativo che apre i flashback: l’operazione di recupero del famoso diamante, che va a incrociare i ricordi della centenaria sopravvissuta. È la voce di Rose a dirci come andò in quei giorni d’aprile del 1912.

«Titanic» è stato il film più costoso mai realizzato fino ad allora, e si vede. Non potendo costruire un teatro di posa abbastanza grande, la produzione acquistò 16 milioni di metri quadrati di costa lungo la spiaggia di Rosarito in Messico, dove venne allestita una cisterna che conteneva 76 milioni di litri d’acqua, all’interno della quale fu ricostruito il Titanic, a grandezza naturale. Nel genere “kolossal” e nel sottogenere “catastrofico”, Cameron decise di superare ogni possibile paragone.

Quando il Titanic si spezza in due tronconi, la prua affonda e la poppa si alza in verticale, per sprofondare a sua volta, lo spettatore rivive lo stupore del cinema delle origini. Quanto sia metaforico il naufragio della nave considerata inaffondabile, Cameron sa renderlo con dettagli insinuanti: la piccola orchestra continua a suonare sul ponte lance (l’ultimo brano è «Nearer, My God, to Thee»); intanto, alcuni ufficiali sparano contro la folla che non sente ragioni e vuole salire sulle scialuppe.

Annunci

2 Responses to Titanic [id.], James Cameron, 1997 [Tv29] – 8

  1. Curiosità: dove sei riuscito a trovare la versione che comprende le 29 scene tagliate ed il finale alternativo?
    Vorrei vederla anch’io.
    P.S.: il film col maggiore incasso nella storia del cinema è Avatar, dello stesso regista (che, però, non tiene conto del tasso di inflazione, altrimenti sarebbe Via col Vento).

  2. Rudi says:

    Sugli incassi, i dati sono diversi, c’è chi conteggia solo le sale cinematografiche, chi tutto (dvd, passaggi tv, ecc.): può darsi sia Avatar.
    Il mio è un dvd doppio, gli extra sul secondo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...