Tex. Fiamme sull’Arizona, Victor De la Fuente e Claudio Nizzi, 1992

Nel Texone numero 5, lo spagnolo De la Fuente, classe 1927, mette in scena gli Apaches di Cochise, le strade polverose di Tucson e le ambientazioni aride del sud dell’Arizona.

Affaristi, politici, militari e giornalisti – “la cricca di Tucson”, come la chiama Tex – sono impegnati a sabotare il piano di pace del governo federale. Tex e Carson riescono a sventare gli intrighi, ma vengono a loro volta ingannati e depistati. Saranno la sapienza e la saggezza di Cochise, la forza e il coraggio di Naiche e di Chato, a ristabilire la verità e scongiurare una nuova guerra indiana.
De la Fuente predilige il fantasy, sue le tavole barocche di «Haggarth», ma ha già frequentato il western («Sunday», con testi di Victor Mora). Nelle 224 grandi tavole in bianco e nero, le caratterizzazioni di Tex e Carson mi sembrano convincenti, le ambientazioni accurate.

Formidabili guerrieri, capaci di resistere a lunghe privazioni di acqua e cibo, resistenti alla fatica e al dolore, gli Apaches erano una tribù piccola, che arrivò a contare solo diecimila unità, divise in tribù (Mescaleros, Jicarillas, Lipan, Chiricahuas). Fra i grandi capi, spiccano i nomi di Cochise, Nana, Naiche, Victorio e Geronimo.

Tex e Carson riescono a impedire una strage di donne e bambini, soccorrendo un accampamento Apache assaltato da una banda di vigilanti. Dice Naiche: “Che altro vogliono da noi, Aquila della Notte? Vogliono la nostra scomparsa dalla faccia della terra? È questo che si chiede agli Apaches, di scomparire?”. Tex non ha parole per replicare, e pensa: “Brutta domanda, fratello… E maledettamente vicina alla verità”.

È già avvenuto il massacro di Camp Grant, e oltre all’inviato di pace il Presidente Usa ha spedito sul posto il bellicoso generale Crook, a capo di un reggimento di giacche blu. Tex espone a Naiche questa tesi riformista: “Le riserve sono purtroppo l’unica, dolorosa soluzione per poter conciliare il modo di vivere dei pellerossa con le esigenze della civiltà dei bianchi, ma è necessario che esse sorgano almeno sulle terre d’origine degli indiani”. Sarà la tesi sostenuta anche dall’inviato di Washington.

Ancora Tex spiega a Carson: “Gli uomini d’affari di Tucson e i governanti corrotti da loro elettri traggono il massimo profitto dalla presenza dell’esercito sul territorio. Più soldati ci sono, più loro ci sguazzano, perciò hanno tutto l’interesse a mantenere il sud dell’Arizona in uno stato di perenne tensione”.

La sceneggiatura di Nizzi mostra l’esplicito razzismo che fa da sfondo alle macchinazioni della “cricca di Tucson”. Non ne è immune nemmeno l’esercito: “Il cucciolo di West Point è troppo pieno di aristocratico sussiego per intascare la mazzetta senza avvolgerla nella carta argentata delle giustificazioni morali”, pensa il Vicegovernatore a capo della cricca, valutando le parole del capitano dell’esercito che gli fa da informatore.

L’originalità della trama sta in questo: Tex e Carson sono abili, ma sottovalutano l’abilità (la furbizia e la potenza) della cricca di Tucson. Non riescono a impedire che l’inviato del governo venga assassinato e che gli Apaches vengano considerati colpevoli. Non riescono a prevedere nemmeno che il pellerossa rinnegato che ha compiuto il crimine si presti a rientrare in prigione (ecco il suo alibi) in vista di un’ispezione. Ma l’illuminista Tex non ha pensato che una parte degli Apaches non si sarebbe fidata ciecamente di lui, e avrebbe adottato certe precauzioni.

Annunci

One Response to Tex. Fiamme sull’Arizona, Victor De la Fuente e Claudio Nizzi, 1992

  1. willerneroblu says:

    Ciao grandissimo Texone!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...