Anche Pioli non è da Inter… Ma chi lo è?

Come volevasi dimostrare, sono bastate due partite (anzi una, il pari col Toro poteva starci) per certificare l’inevitabile: Stefano Pioli è una bravissima persona, un gran lavoratore, uno che non ci fa mai fare brutta figura davanti alle telecamere, ma se si vuol vincere, serve altro.

Non è la mia opinione.
Ho solo cercato di interpretare l’esito del sondaggio che in 24 ore ha portato quasi 200 tifosi a esprimersi, arrivando a definire la permanenza di Pioli come l’evento peggiore. Persino peggio dell’ingaggio di Fabio Capello…

Ribadisco di pensarla diversamente. Non ho la certezza che Pioli sia in grado di vincere lo scudetto allenando l’Inter, ma sono quasi sicuro che potrebbe farlo allenando la Juve e forse anche il Milan.
Allenare l’Inter – lo sappiamo bene – è più difficile. All’allenatore si richiedono doti esorbitanti, dev’essere un condottiero e un manager, deve fare le veci della società e deve assorbire gli urti della prostituzione intellettuale.
Forse Pioli non è a quell’altezza.
Ma che lo siano Spalletti, Sampaoli, Bielsa o altri di cui si ciancia sui giornali, a me pare ancora più improbabile.

Fosse possibile ingaggiare Guardiola o Mourinho – lo so quanto sono diversi, è per dare una misura all’eccezionalità – non avrei difficoltà a salutare Pioli, ringraziandolo per averci evitato una stagione catastrofica. Ma né Guardiola né Mourinho sono disponibili.

Fosse possibile ingaggiare Conte o Allegri – altri due che più diversi non si può – deglutirei un attimo e poi me farei una ragione. Oggettivamente, mi sembrano di una caratura superiore a Pioli, ma non scommetterei 10 euro sulla loro voglia di venire all’Inter, cambiare mezza squadra e scommettere sulla vittoria immediata (dove sono hanno e avranno più possibilità di vincere).

Resta Simeone, ma mi pare di aver capito che voglia mantenere la parola con l’Atletico e allenarlo ancora un anno. E poi ci sono le “voci”v su Leonardo Jardim, il tecnico del Monaco, che fa giocare un bel calcio ai monegaschi, ma è su quella panchina da tre anni e ha plasmato una squadra superspettacolare, più che vincente. Jardim sarebbe una scommessa quasi quanto De Boer (o Sarri), e qui non troverebbe Mbappé, Radamel Falcao, Fabinho e Bakayoko, ma una rosa che costa il triplo e che è condannata a vincere.

Se solo aggancia il quinto posto, andrei avanti con Pioli.

Annunci

20 Responses to Anche Pioli non è da Inter… Ma chi lo è?

  1. francesco says:

    Insomma si conferma la umoralita’ del tifoso nerazzurro

  2. Intanto si rinnovano D’Ambrosio ed Ausilio. Insomma non si vuole cambiare ma galleggiare. A questo punto va bene anche Pioli. Per vincere ci vuole altro in società, panchina e soprattutto in campo. Magari arrivassimo quinti.

  3. willerneroblu says:

    Ribadisco il mio parere per quello che conta cioè zero il problema storico è quello di non avere una società forte Ausilio e Gardini sono INADEGUATI per quello dico che l’Inter ha bisogno di un condottiero!!!

  4. denny says:

    Ma quelli che hanno votato il sondaggio sono davvero tutti interisti o è come le primarie del PD? Mi sembra assurdo credere che addirittura spalletti o capello sarebbero preferibili a Pioli io lo cambierei forse solo con Simeone altrimenti continuerei con lui non è certo colpa sua se la Champions è sfumata facciamogli fare una stagione dall’inizio e vediamo

  5. eoloros says:

    Se si giudica Pioli adatto a vincere in una altra squadra, in funzione di una società più robusta, forse è il caso di normalizzare la nostra società più che cambiare allenatore.Intanto cominciamo da li, abbiamo bruciato troppi allenatori nella nostra storia recente.
    Però anche se l’allenatore ha fatto cose buone, anche ottime, superiori alle mie attese, non mi pare sia un vincente.
    Ha giocato bene le sue carte sul riscatto di un gruppo sbandato (ahi di nuovo la società) ma mi sembra abbia esaurito il suo influsso positivo (su D’ Ambrosio, in parte Kondogbia) e abbia cominciato a mostrare alcuni limiti.
    Ritengo errate le scelte su Medel, Barbosa, Banega, Joao Mario e poco reattive e fantasiose le scelte dei cambi durante la partita, specie con risultati in bilico.
    Se ora grazie alle risorse di Suning ci sono ambizioni rinnovate, occorre avere tutti i tasselli a posto per aumentare le nostre chance. Quindi prima società e poi Allenatore: Simeone per me andrebbe benissimo, saprebbe tirare fuori il massimo da molti giocatori che non hanno ancora dato il meglio.
    Rudi sicuro che la rosa del Monaco sia costata un terzo della nostra? Radamel Falcao, di cui sono innamorato dal 2012, costò 60 Milioni nel 2013 quando non c’era la bolla dei cartellini ai livelli attuali.

  6. Non so se hai dei dati parziali. Quando ho votato io (Sampaoli) c’era Capello in vetta e Pioli ultimissimo con due voti (su una quarantina complessivi). Diciamo che questa risalita sulla lunga distanza mi sembra strana

  7. P37 says:

    mourinho guardiola simeone o mi tengo stretto pioli

  8. rugherlo says:

    Buonasera Rudi, io penso che Pioli non sarà confermato e forse arriverà Spalletti.
    Non sono in grado di dirti se sia un bene o un male.
    Lo vedo ad un livello più alto ma certe sue interviste recenti mi hanno lasciato quantomeno perplesso.
    Quello che prenderei è invece un DG che stia sopra Ausilio e collabori con lui a costruire una grande Inter.
    Ti faccio un nome: Leonardo.

    • sunny70blog says:

      Temo che i tanti che hanno scelto di votare Pioli non siano infiltrati, ma tifosi caduti nel miraggio Champions, con la memoria corta o semplicemente stremati da sette anni di astinenza. Pioli ha fatto un buon lavoro, la media punti non è un’opinione. Se non arrivano innesti robusti e cessioni, puoi invocare tutti i Conte della provvidenza che vuoi…

      • Rudi says:

        Questa rosa vale fra i 70 e i 75 punti. Alla fine li farà. Con Mourinho, forse, potrebbe farne 80, ma la Juve può farne anche 95. E Roma e Napoli mi sembrano superiori. Con Pioli all’inizio saremmo arrivati quarti, che è il massimo a cui puoi aspirare. Ripeto: se la squadra non deraglia nel derby, cambiare allenatore mi sembra un errore.

  9. pgkappa says:

    Leonardo al posto di gardini. Cambiasso vice di Pioli.

  10. Duke says:

    Per quel che mi riguarda da qui a fine stagione rimangono solo 2 obiettivi:

    il primo è la riconferma di Pioli, per evitare un Simoni 2.0
    Il secondo…per il secondo si può solo gufare

  11. Devio un pochino dal tema principale. Pensate a Gagliardini, Berardi e chissà chi altro.
    Curioso no? I cinesi che puntano ai talenti italiani, esattamente il contrario di quello che si faceva con la gestione Moratti.
    Questo la dice lunga sulle competenze e sulla mancanza di visione e strategia della gestione passata.
    Il mio auspicio è che Zhang continui a tenere l’Inter nel lungo periodo. Mi basta questo per avere garanzie di una società che torni ad essere grande e a contrastare -in ogni campo- la ‘ndrangheta bianconera.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...