Cabretta, Mink DeVille (Capitol, 1977)

LA PUNTINA SUL VINILE 10.

Si faceva confusione, all’inizio su Willy DeVille, lo si riteneva una specie di punk, e invece era tutt’altro.

Proponeva una specie di blues chicano, distillato all’interno della minoranza etnica newyorkese, con un gusto cinematografico che rimandava all’asfalto bollente, ai cuori in tempesta, ai duelli al coltello di West Side Story.

La band era composta da Ruben Siquenza al basso, Bobby Leonards al piano, T.R. Allen alla batteria, Steve Douglas al sax, Louie Erlanger alla chitarra, mentre Willy – ancora senza baffetti – alternava voce e armonica. Non faceva ancora intuire che cantante eccezionale sarebbe diventato.

Di questo album d’esordio, registrato presso gli A&R Studios di New York City, fanno parte 10 canzoni, fra cui spiccano Spanish Stroll (controcanto alla Rosalita di Bruce), Party Girls e Cadillac Walk. Su tutte, una ballata ancora acerba (Mixed Up, Shock Up Girl) che tanti anni dopo – una notte al Vox di Nonantola – mi sarebbe apparsa irresistibile.

Annunci

One Response to Cabretta, Mink DeVille (Capitol, 1977)

  1. Mauro D'Alo' says:

    Carissimo Rudy sto veramente apprezzando la rubrica la puntina sul vinile, è sempre meglio che rodersi il fegato per le disgrazie della nostra beneamata e le glorie dei rubentini….fatto sta che il mitico DeVille è un personaggio che solo se non hai un cuore non ami alla follia…pensarlo ai bordi di una strada malfamata con un coltello in mano che canta una serenata cafona ma sincera è davvero facile, amare la sua voce e la sua musica densa pastosa e calda è troppo facile…..torno subito ad ascoltarlo…grazie Rudy

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...