A Firenze si gioca l’ultima fiche

Due punti nelle ultime quattro giornate, settimi e appena rimontati di due gol nel derby. In più, l’Artemio Franchi non è esattamente un campo che porta molti ricordi felici.
Eppure, se Pioli ha un’ultima fiche, deve giocarsela lì. E con lui, almeno mezza squadra, se vuole far parte della Nuova Era Cinese. Una Nuova Era che non è destinata automaticamente al successo, se si pensa che lo Jangsu è penultimo in classifica nella Chinese Super League…

La Viola ha qualità, ma quest’anno Sousa non ne ha fatto una squadra. Temo Babacar (anche per i precedenti), ma soprattutto temo la superiore tecnica a centrocampo, la corsa di Chiesa, il tiro da fuori di Bernardeschi, i lampi di Borja Valero. Anche per la Fiorentina è un’ultima spiaggia, e c’è da dire che Pioli sembrava un uomo fortunato, e invece non lo è affatto.

Andammo a Torino contro i granata reduci da quattro sconfitte consecutive, e inevitabilmente giocarono un gran partita.
Perdemmo in casa contro una Samp che giocava in scioltezza, dopo il rinnovo di Giampaolo e l’infortunio di Muriel, che rendeva inevitabile la coppia d’attacco da cui sono venuti entrambi i gol.
Scendemmo, anzi precipitammo, a Crotone, dopo che i calabresi avevano fortunosamente vinto per la prima volta in trasferta, riassaggiando il gusto della salvezza.
Stasera, si va su un campo dove appena una settimana fa si è compiuto un furto micidiale, con un grottesco rigore al novantesimo a vantaggio dell’Empoli.

L’Inter sta male, ma la Fiorentina non sta meglio. Sa di dover cambiare allenatore (puntano su Pioli: fanno bene, credo sia quella la sua dimensione ideale), e sanno di perdere l’ennesimo Dieci. D’altra parte, l’Inter annaspa in mezzo a una quantità di idiozie sul futuro (non solo Conte o Simeone… ma Messi e Mourinho), però ha appena messo un punto fermo, con il rinnovo di Ausilio.

La scelta di Suning non mi entusiasma, ma spero che almeno la voce sul ritorno a casa di Oriali sia vera. Non basterebbe, a dare un senso alla gestione societaria, ma definirebbe meglio i confini del ruolo di Ausilio, e inietterebbe un po’ di sano interismo all’interno dello spogliatoio.
Leggo che “il pari non serve a nessuno”: è proprio così, ma in casi come questo è il risultato più frequente che esce al novantesimo.

Annunci

4 Responses to A Firenze si gioca l’ultima fiche

  1. pgkappa says:

    Io spero vivamente che oriali ritorni,ausilio avrebbe almeno una figura in società con cui confrontarsi e questo gioverebbe anche al nuovo allenatore, qualunque fosse. Ho finito di vedere the night of.bellissima.

  2. rugherlo says:

    Speriamo che Oriali ritorni.
    Sarebbe il 1^ Mattone per costruire una società degna della nostra storia.
    Speriamo …

  3. willerneroblu says:

    Meglio perdere

  4. è uscito fuori qualcosa che non ha niente a che fare col gioco del calcio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...