Guardie e ladri [id.], Mario Monicelli e Steno, 1952 [Tv49] – 8

Totò e Aldo Fabrizi interpretano un soggetto di Piero Tellini, sceneggiato da Monicelli, Stefano Vanzina, Vitaliano Brancati, Ennio Flaiano e Ruggero Maccari. La fotografia è di Mario Bava, il montaggio di Franco Fraticelli, la scenografia di Flavio Mogherini, le musiche di Alessandro Cicognini. La storia del cinema italiano passa da questa pietra miliare. Fra gli interpreti ci sono anche Aldo Giuffré, Pina Piovani, Carlo Delle Piane e Ave Ninchi. È uno dei primi film prodotti dalla Ponti-De Laurentiis, fondata dai due produttori dopo l’uscita dalla Lux.

Monicelli – 37 anni, all’epoca – ha raccontato di temere la convivenza fra due giganti della comicità, per la prima volta insieme, ma fu in quel film che comprese che i grandi attori, se abbinati, vogliono dimostrare il massimo fair play, e al tempo stesso di essere migliori dell’altro, in un meccanismo di emulazione che spinge un film come questo verso vette inesplorate.

Fabrizi fa la guardia, Totò il ladro. Il loro rapporto passa dalla competizione – un lunghissimo inseguimento a piedi, in un’imprecisata quanto desolata periferia di Roma – alle scaramucce furbesche (ognuno si crede più scaltro dell’altro), fino alla dolente malinconia del pranzo conclusivo, quando fra i membri delle rispettive famiglie è nata un’amicizia sincera. Guardia e ladro si scoprono assai simili, due poveracci che fanno di tutto per mantenere i loro cari.

Il pubblico assiste alla nascita di un nuovo genere: la commedia all’italiana si propone come evoluzione dialettica della farsa e del neorealismo. Pare che quando la pellicola arrivò alla commissione di censura, venne considerato inammissibile che un agente di pubblica sicurezza potesse fraternizzare con un ladruncolo che vendeva patacche agli americani o cercava di approfittare dei pacchi-dono distribuiti dai benemeriti liberatori.

Annunci

2 Responses to Guardie e ladri [id.], Mario Monicelli e Steno, 1952 [Tv49] – 8

  1. Luigi Baragiola says:

    Quando Cannes era Cannes e andavano solo questi film.

  2. Quando vedo i film si Totò, pur conoscendone ogni scena e ogni battuta, rido ugualmente.
    E non mi stanco mai di guardarli e di ridere.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...