Revisionando Twin Peaks (22)

Egoista e distratto dall’ambizione, Bobby lascia Shelly sola ad accudire Leo. Bobby spera di approfittare dello stato mentale di Ben Horne, e dice a Audrey: “Bambina, ti porto una buona notizia e una cattiva notizia. La cattiva notizia è che tuo padre si è ormai trasferito nel Paese dei Balocchi. La buona notizia è che sta per vincere la Guerra contro i Nordisti”.
Evelyn riappare con un occhio tumefatto, e chiede aiuto a James, che non si rende conto di essere manipolato (Evelyn dice di amarlo).
Denise riappare come Dennis per la trappola a Renault.
Dick e Andy cercano di scoprire come sono morti i genitori del piccolo, diabolico Nicky, il ragazzino di cui si stanno occupando per fare bella figura con la svagatissima Lucy (Kimmy Robertson).

Ed e Norma si riavvicinano e dichiarano i propri sentimenti. Ora che Hank è destinato a tornare in prigione, Norma dice che è venuto il momento di correggere i tanti errori che hanno commesso. Ma Hank ha seguito la moglie ed è penetrato in casa di Ed: appena lei se ne va, prende a pugni Ed, finché arriva Nadine che con la sua forza sovrumana, lo mette fuori combattimento.

Nonostante abbia cercato di ucciderla, ora che si è vendicata, Catherine si riavvicina a Ben Horne: “Tu sai far vibrare il mio corpo”.

Donna si offre per consegnare a James – a sua insaputa – i soldi che il ragazzo ha chiesto allo zio Ed. Renault fiuta la trappola e prende Ernie e Dennis come ostaggi, nella “Casa del cane morto”; Cooper si offre per lo scambio.

Il finale di puntata è travolgente. In rapida successione, mentre il temporale infuria: il fratello di Evelyn si rivela essere il suo amante; tornato in scena come Denise, l’agente FBI salva Cooper, che spara a Renault e lo uccide; Leo Johnson riprende coscienza (sembra una scena di “It”, da Stephen King); e nell’ufficio di Truman, qualcuno ha lasciato il cadavere di un uomo selvaggiamente torturato.
Davanti al corpo c’è una scacchiera, con la nuova mossa di Windom Earle.

Nei ruoli di Benjamin Horne e di Lawrence Jacoby si ritrovano, a trent’anni di distanza, Richard Beymer e Russ Tamblyn, due dei protagonisti di «West Side Story».

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...