18 giugno e/o primo luglio: per fare cosa, insieme o divisi?

Il 18 giugno al Teatro Brancaccio di Roma si riuniscono quelli che lavorano alla creazione dal basso di una lista nazionale unitaria di sinistra, sulla base di questo appello

Il primo luglio, sempre a Roma, si riuniscono quelli che lavorano per costruire una “Alleanza per il cambiamento” alternativa a Renzi…

Non è semplicissimo comprendere le sfumature che spingono a due appuntamenti distinti.
Nel primo, si afferma categoricamente: “Lo diciamo una volta per tutte: chi partecipa a questo processo costituente di una nuova sinistra partecipa alla costruzione di una forza radicalmente alternativa al Pd”. E si aggiunge: “Pensiamo che il Movimento 5 Stelle sia prigioniero di un’oligarchia imperscrutabile. E vediamo che nella sua agenda – sempre più spostata a destra, con tratti preoccupanti di xenofobia e intolleranza – non c’è posto per la parola eguaglianza”.
Nel secondo, si ricorda che “la rottura con il Pd è avvenuta sul merito, sull’idea di Paese e di partito, sui valori, sulle politiche intraprese dal governo Renzi. Tasse, investimenti, diritti del lavoro, scuola pubblica, sanità pubblica e protezione sociale, riforma dello Stato sono le principali ragioni politiche delle nostre divisioni”.

Il 18 giugno si riuniscono Possibile, Sinistra Italiana, Rifondazione Comunista e altri che hanno trovato comune ispirazione nel No al referendum del 4 dicembre, che è poi l’atto di nascita di questo progetto.
Il primo luglio si riuniscono Articolo Uno (Speranza, Bersani, D’Alema, esuli da Sel) e il cantiere del Campo progressista guidato da Giuliano Pisapia.

Ammesso e non concesso che questi progetti riescano a chiarirmi le idee, una ce l’ho già chiara: se non si mettono d’accordo e confezionano un’unica proposta, il mio voto se lo scordano.

Annunci

10 Responses to 18 giugno e/o primo luglio: per fare cosa, insieme o divisi?

  1. Sbaglierò, ma continuo ad avere sempre più netta la sensazione che Pisapia (altra, ennesima, delusione) sia improvvisamente “sceso in campo” proprio con l’esclusivo obiettivo di sabotare qualsiasi riunificazione.

  2. willerneroblu says:

    L’importante è che il manifesto di riferimento non lo scriva Dylan…sia mai che sbaglia a copiare….

  3. Non mi convince un progetto di cambiamento che si propone come orizzonte culturale e come obiettivo politico la ricostituzione del Centrosinistra.
    Considero prioritaria una rivoluzione produttiva, economica e sociale fondata su disarmo, conversione ecologica, diritti umani universali, equa distribuzione del lavoro.
    Su questo si possono incontrare generazioni ed esperienze diverse; si motivano e strutturano nuove alleanze locali e internazionali.
    Gianni

  4. antonior66 says:

    E intanto Salvini incontra Casaleggio.

  5. sunny70blog says:

    Concordo sulla necessità di un accordo tra i movimenti a Sinistra di Renzi. Invece di organizzare riunioni sparse, il cui rischio è (ri)trovarsi, contarsi e rincuorarsi a vicenda, sarebbe cosa ben più saggia stendere appunto, assieme, un programma concreto, anche di pochi punti, magari senza citare sempre Papa Francesco. Purtroppo, il modello portoghese è lontano e poco praticabile, e, come è stato più volte scritto anche su questo blog, ci manca un leader irresistibile…

  6. francesco says:

    il PD vince in carrozza se questi sono gli scenari alternativi a sinistra. e d’altro canto che possono essere di diverso?

    • Rudi says:

      Il Pd vince solo se si assicura il sostegno di un pezzo di questa sinistra. Da solo, il Pd le ha perse tutte, le ultime 3 elezioni. Infatti, Renzi vuole Pisapia purché non venga insieme a D’Alema.

      • francesco says:

        mica ho detto che vince le elezioni, ho detto che surclassa queste figure politiche

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...