Il senso di appartenenza ce l’hanno anche alla Juve. E non mancano di riconoscenza…

Trovo sia una buona notizia: il dottor Riccardo Agricola, già medico sociale della Juventus, dopo le note vicissitudini societarie è pronto a tornare in società. Ammesso abbia mai smesso di farlo.

Un sito web noto per la pacatezza e ragionevolezza del discettare di Farsopoli e armadietti stracolmi di medicinali – IlBiancoNero.com – ha fatto trapelare ciò che ho appena letto su Calciomercato.com.
“La Juve dovrebbe affidare ad Agricola la gestione del J Medical, il centro medico privato totalmente gestito dalla società bianconera la cui sede è adiacente allo stadio della Juve”.
Auspico che quel “dovrebbe” diventi presto un indicativo presente. Agricola ha un grande merito, a cui la Juve non può essere indifferente: ha sempre tenuto la bocca chiusa.

Agricola venne condannato a un anno e dieci mesi in primo grado, prosciolto in Appello, la Procura fece ricorso in Cassazione, che nel marzo 2007 annullò la sentenza di secondo grado. I giudici diedero ragione alle tesi dell’accusa, ma nel frattempo il reato era prescritto (quando uno juventino straparla di prescrizione, ricordategli almeno questo).
In pratica, venne ritenuta fondata l’accusa di doping e di frode sportiva: un’ombra pesante sui trionfi bianconeri della gestione Moggi-Giraudo-Lippi-Agricola: tre scudetti, una Champions League, due Supercoppe italiane, una Supercoppa Europea e una Coppa Intercontinentale.

La vicenda partì nell’agosto 1998 con la celeberrima intervista a Zeman sul calcio che doveva uscire dalle farmacie. A settembre, dovette dimettersi il presidente del CONI Pescante per lo scandalo del laboratorio antidoping dell’Acquacetosa. Solo nel maggio 1999, il doping diventa reato penale.
Intanto si scopre che “l’armadietto” dei farmaci della Juventus ne contiene 291, uno diverso dall’altro (più di molti piccoli ospedali). Nell’estate 2003, assistiamo alle testimonianze imbarazzanti dei calciatori. Mario Sconcerti commentò così la prescrizione: “Quasi nove anni dopo le denunce di Zeman resta un dato di fatto: una grande società è stata condannata per frode sportiva dalla giustizia ordinaria. Gravissimo è che il reato non possa essere discusso in sede sportiva”.

Fra le motivazioni della sentenza del primo processo sul doping, scritte dal giudice Giuseppe Casalbore, sta scritto che “il medico sociale della Juventus, Riccardo Agricola… usò tutti gli espedienti per migliorare le prestazioni, influendo sui risultati”. In piena coerenza con il mantra: “Vincere è l’unica cosa che conta”.

Un paio di mesi fa, Raffaele Guariniello era ospite a Radio1, dove ha detto: “Non facciamo l’errore che fanno molti politici, che trasformano la prescrizione in assoluzione. È stata dichiarata la prescrizione ma la Cassazione ha dichiarato una cosa molto importante… Che il fatto era un reato, però era prescritto”.
Quindi la Juventus, secondo lei, usava dei prodotti per migliorare le prestazioni sportive?
“La Cassazione ha detto che quello era un fatto di frode sportiva”.

Annunci

7 Responses to Il senso di appartenenza ce l’hanno anche alla Juve. E non mancano di riconoscenza…

  1. denny says:

    Applausi!! Grande post Rudi, da condividere e sbattere in faccia a quelli là

  2. willerneroblu says:

    Considerazioni stragiuste ma considerando la Nazione in cui viviamo,nonostante tutti i tentativi di revisionismo,nonostante le corazzate mediatiche utilizzate per seppellirci,in fondo in fondo,la Juve è stata retrocessa,Moggi condannato in via definitiva,poco o tanto non conta,il nostro scudetto blindato per cui alla fine tornino pure potranno solo alimentare dubbi sulla validità del loro operato!!!

  3. Interator says:

    Che schifo di mondo

  4. francesco says:

    Ma vi ricordate che cosa diventò vialli alla juve?

  5. sunny70blog says:

    C’è sempre un pos

  6. sunny70blog says:

    C’è sempre un posto riservato ai bianconeri in tribunale. A settembre nuova udienza a torino…

  7. luccarmi says:

    Sono un pò stanchino (cit.)
    Ottimo post Rudi, su cose che si sapevano, ma che vengono dimenticate.
    Se provi a dirle ad un qualsiasi juventino, le nega, dice che non sono vere. Vivono la realtà vedendola sotto una lente distorta. C’è poco da fare.

    Una piccola annotazione. Correggimi se sbaglio. L’ultima coppa campioni la juve la vinse quando c’era Agricola giusto? Orbene, da questo si deducono due cose. oltre alle tue considerazioni. Non le devo scrivere, le sai già vero?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...