Revisionando Twin Peaks (29)

Non so quando Lynch abbia deciso di chiudere la serie. Certo, ciò è accaduto lasciando aperte molte sottotrame, nonostante il tentativo – un po’ frettoloso – di chiarire o chiudere i tanti punti rimasti in sospeso. Ecco una sintesi della trama principale, a pochi passi dalla fine.

Dalla lettura del diario, si era capito che Laura Palmer aveva subito le molestie di “Bob” fin dai primi anni dell’adolescenza, e che la droga e il sesso erano il suo modo per stordirsi e rimuovere quella presenza. Varie voci hanno fatto concludere a Truman che ci sia all’opera un demone, che dimora nel corpo di un abitante di Twin Peaks “da oltre quarant’anni”.

Dopo aver confessato gli omicidi di Laura e Maddy, “Bob” aveva spinto Leland a suicidarsi, facendogli colpire a testate il muro della cella. Abbandonato il corpo di Leland, lo spirito selvaggio è tornato libero di vagare fra i boschi di Twin Peaks.

Dal maggiore Garland Briggs, Cooper ha appreso dell’esistenza della Loggia Bianca e della Loggia Nera, due luoghi, anzi due “dimensioni” il cui accesso è nascosto da qualche parte nei boschi; da quei luoghi partono gli spiriti che si affacciano nei sogni e nelle visioni di Cooper.

A Truman ha raccontato come, durante gli ultimi anni nell’FBI accanto a Earle, si fosse innamorato di Caroline, la moglie del collega, mentre era sotto la sua protezione come testimone di reato. Earle era impazzito e aveva ucciso Caroline, per poi accoltellare Cooper prima di venir rinchiuso in un ospedale psichiatrico.
Dopo essere riuscito a evadere, Earle si nasconde nei boschi intorno a Twin Peaks, da dove può continuare a progettare la propria vendetta.

Cooper spiega a Dana, Audrey e Shelly le reali intenzioni di Earle; Shelly riconosce la calligrafia del marito scomparso. Ma Cooper è ormai convinto che tutte le azioni del suo nemico non siano altro che depistaggi: il vero obiettivo è trovare l’entrata della Loggia Nera, per appropriarsi del suo potere.

Dana cerca in soffitta e trova il certificato di nascita: c’è il nome della madre Eileen, non quello del padre.

Uno strano tremore della mano destra sta colpendo alcuni personaggi in maniera inspiegabile.

Assistiamo al rapimento del maggiore Briggs da parte di Earle, che gli estorce brandelli di informazioni iniettandogli il siero della verità. Parla di Giove e Saturno in congiunzione…

Jack riparte per il Brasile senza essere riuscito a vedere Audrey, che lo insegue all’aeroporto. Si scambiano baci e dichiarazioni d’amore, poi lei dice di essere vergine e i due salgono sul piccolo aereo… Infine Jack parte, sotto lo sguardo adorante della ragazza.

Annie e Cooper si scambiano citazioni di Sant’Agostino e Heisenberg, poi lui la porta a ballare. Nella sala rivede il Gigante – solo alla fine mi sono reso conto che l’attore (Carel Struycken) è lo stesso che il maggiordomo ne «La Famiglia Addams» -: costui gesticola qualcosa, come per fargli capire che Annie non deve partecipare al concorso di Miss Twin Peaks.

Nell’ultima scena, dal buio del bosco, riemerge “Bob”. – 29, segue

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...