Batman. Il lungo Halloween, Jeph Loeb e Tim Sale, 1996-97

Saga a fumetti di 350 tavole in 13 episodi, pubblicata dalla DC Comics tra l’ottobre 1996 e l’ottobre 1997; i colori sono di Gregory Wright.

Quelle di mafia sono storie che costituiscono un preciso sottogenere nell’ambito dell’hard boiled. La famiglia Falcone era stata inventata da Frank Miller in «Batman. Year One» e il capofamiglia Carmine (tanto simile al Marlon Brando del «Padrino») era stato sfregiato da Catwoman; Loeb può riprendere le fila di quel discorso in una trama che descrive il secondo anno di vita del Cavaliere Oscuro. Questa saga costituisce uno dei punti di riferimento dell’epopea cinematografica del Batman di Christopher Nolan.

Bruce Wayne conosce Carmine Falcone, ma non vorrebbe fare affari con lui. Ha forti sospetti sulle sue attività malavitose, ma senza prove.

Fa parte degli invitati alla festa per il matrimonio di un nipote, Johnny Viti e alla festa si è intrufolata anche Selina Kyle (stupenda, nell’interpretazione grafica di Tim Sale; meno convincente in versione Catwoman). La famiglia Falcone è plasmata sul modello della famiglia Corleone.
Il giovane procuratore distrettuale Harvey Dent sta indagando su Falcone e solo l’arrivo di Bruce e Selina gli evita un pestaggio. Idealista coraggioso, Dent non si risparmia, ma il capitano di polizia Jim Gordon lo invita a maggiore autocontrollo.

Harvey Dent è da poco sposato con Gilda, Jim Gordon è da poco sposato con Barbara (hanno un figlio di pochi mesi). I due tutori dell’ordine chiedono aiuto al Vigilante perché, come dice Dent, “può oltrepassare un limite che a noi non è concesso superare”. Il procuratore sembra più incline a violare la legge di quanto non sia il capitano, che chiuderebbe un occhio se venisse aggirata, non se venisse dimenticata.

 

Comincia la serie degli omicidi. Un criminale misterioso con una Calibro 22 non identificata, colpisce a ogni festività americana (da Halloween al 4 luglio, San Valentino e San Patrizio, Labor Day), e viene perciò chiamato Holiday. A morire sono parenti e amici di Falcone. Ci si chiede chi sia e quale sia il suo movente.

L’apparizione del Joker è sfolgorante, ma quella di Poison Ivy è ancora più efficace. Visitando il manicomio di Arkham, Gordon dice a Batman: “Sono così tanti. Da quando sei apparso sono quasi raddoppiati. Non che ci sia una correlazione diretta, ma… Ci pensi mai?”.

Quando Wayne dà il via libera alle sue banche per fare affari con Falcone, Catwoman interviene, neutralizza Ivy e riesce a far uscire il miliardario dal suo condizionamento ormonale. Ma i sospetti di Dent e Gordon sulla condotta di Bruce Wayne si fanno sempre più concreti. A sua volta, i sospetti di Batman si concentrano su Harvey Dent.
Per difendersi e scoprire chi lo sta colpendo, Falcone ingaggia Edward Nigma e fa evadere lo Spaventapasseri e il Cappellaio Matto da Arkham; appaiono anche altri classici “vilain” (l’Uomo Calendario, il Pinguino, Solomon Grundy).
Infine, nascerà Due Facce…

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...