1978 gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano, Area, Ascolto, 1978 – 7

LA PUNTINA SUL VINILE 69.

Un disco sbagliato, ma quanto erano bravi…

A dieci anni dal Sessantotto, in piena esplosione punk, gli Area decisero di fare i conti con una serie di eredità e suggestioni: dalla Rivoluzione francese a quella bolscevica, da Jacques Lacan a André Breton, da Nietzsche ad Aragon…
Ne deriva un album che suona artificioso, cerebrale, sovraccarico di intenzioni e spiegazioni (quanto è sovraccarica di riferimenti la copertina interna, quasi una tesi di laurea: con un clamoroso refuso sulla data della presa della Bastiglia).

Giulio Capiozzo (batteria), Patrizio Fariselli (piano e tastiere, sintetizzatori e chitarre), Demetrio Stratos (voce, piano e organo) e Ares Tavolazzi (basso, trombone, mandola) hanno raggiunto un grado di abilità tecnica da lasciare stupefatti. Ma non sempre sanno a cosa finalizzarla.

Riascoltandoli, mi sono piaciuti il mantra lisergico di Acrostico in memoria di Laio e la cupezza elettronica di Return From Workuta (il nome di un gulag). Ma il pezzo davvero eccezionale è Hommage à Violette Nozières, dove l’inarrivabile vocalità di Stratos raggiunge gli squilli necessari a duettare con la mandola di Tavolazzi, componendo un libertario inno alla follia.

Annunci

One Response to 1978 gli dei se ne vanno, gli arrabbiati restano, Area, Ascolto, 1978 – 7

  1. antoniodaroma says:

    Rudi grazie per aver citato questo disco e soprattutto concordo in toto sulla tua valutazione dello stesso. Il meglio lo avevano già dato, ma anche questa goccia ha dimostrato la loro grandezza.
    Grazie ancora

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...