Vecino chi? Un post di pura aritmetica

Matias Vecino è uruguagio, e questo per me sarebbe già sufficiente: nessun Paese al mondo ha coltivato un’intelligenza calcistica come la nazione che ha vinto due dei primi quattro Mondiali di calcio e qualche Olimpiade nei ritagli di tempo.
Inoltre, Vecino ha una bella faccia, e una delle mie debolezze è la fisiognomica.

Detto questo, cosa può essere successo per far sì che l’Inter decida di pagare un’esosa clausola rescissoria – 24 milioni – a una società a cui ha appena sottratto anche Borja Valero?
La mia risposta è semplice e scanzonata: perché l’Inter non è in grado di comprare niente di meglio.
Nainggolan, Iniesta, Vidal, Kroos, Verratti, Krychowiak, Tolisso, Naby Keita… ogni volta che li sento associare all’Inter, mi viene l’orticaria. Il blasone è il blasone, ma il presente conta molto di più: nessun top player di centrocampo aspira all’Inter.

Dunque, Vecino. Non credo che la Fiorentina accetterà contropartite, la piazza ribolle, devono almeno far finta di fare la faccia cattiva. Ma saranno euforici: cedere Vecino a 24 milioni (il doppio di quanto l’Inter non riesce a ottenere per Jovetic) è manna dal cielo.
Semmai, il problema è dove lo si mette in campo, l’uruguagio?

Certo, nei “2” o nei “3” di centrocampo. Accanto a Gagliardini e/o Borja Valero. Strano: sembrava che il centrocampista della Viola più utile all’Inter fosse Milan Badelj, il più bravo in regia, invece staremmo per ricomporre una coppia di centrocampo che non ha esattamente fatto sfracelli e che, questo è indiscutibile, non fa mai gol.
Fra Borja Valero e Vecino, il bilancio è desolante: l’uruguagio 9 in 139 partite fra Fiorentina, Cagliari e Empoli, lo spagnolo 14 in 166. Totale, 23 gol in oltre 300 partite. Aggiungiamoci lo score di Gagliardini, e ditemi voi dove arriviamo.

Fa sorridere il fatto che Matias Vecino abbia giocato 28 partite di campionato segnando 2 gol: all’Inter… Ricordo bene la sua doppietta, ricordo lo scempio di quel secondo tempo in cui l’Inter crollò miseramente (5-4, con 4 gol e un rigore sbagliato in 20’; ma Icardi pensò bene di festeggiare la sua inutilissima tripletta).
Dunque, Vecino quest’anno è riuscito a far gol solo all’Inter più allo sbando della sbandatissima stagione 2016-17. A questo punto, il quarto posto si allontana: per sperare di agganciarlo, con un centrocampo con così pochi gol nelle gambe, bisognerebbe acquistare un attaccante più forte di Icardi.

Annunci

23 Responses to Vecino chi? Un post di pura aritmetica

  1. francesco says:

    gufo

  2. Abbiano preso 2/3 del centrocampo di una squadra che ci è arrivata dietro.
    Inoltre, non sappiamo chiudere in 48 ore neanche pagando le clausole.

  3. francesco says:

    http://www.gazzetta.it/Calciomercato/18-07-2017/inter-tifosi-contro-mercato-vecino-depressione-210382244117.shtml

    il titolo della gazzetta è di per sè esplicativo…. ah no, è al servizio di Marotta e dei poteri forti

    • Stai a vedere eh…Suning si sente messo alle strette, vuole il colpo ad effetto da dare in pasto alla folla, e ci prendiamo una fregatura storica . Tipo 60mln per un campione bollito.

  4. rugherlo says:

    Solo il fatto che il mercato finisce il 31 agosto (anche se campionato inizia il 22) mi ferma, per ora, dal commentare…
    Per ora, e lo sottolineo.
    A fine mercato, dopo mesi di chiacchiere su acquisti top, inter da champions, unica rivale Juve e potenza Suning, vedremo.
    Li, nel caso, apriremo le cateratte (e temo saremmo tanti).
    Ora non abbiamo più voglia di parole, vogliamo i fatti.

  5. pgkappa says:

    dacci oggi il nostro post quotidiano…(contro suning)

  6. Secondo me Vecino non è affatto male, a questi prezzi. Purtroppo noi non riusciamo a vendere perchè i nostri giocatori sono strapagati rispetto il velore “percepito”. Cerco di argomentare meglio, dicendo che se abbiamo in attacco Icardi e Perisic, l’uno non si combina con l’altro. A mio avviso Icardi avrebbe bisogno di una seconda punta che salta l’uomo nello stretto e allarghi le maglie della difesa (tipo Alexis Sanchez), mentre Perisic avrebbe bosogno di un centravanti boa (Ibrahimovic o Lukaku) che gli spizzi la palla mentre arriva in velocità. In un contesto ideale tutti e 2 sarebbero valutati molto meglio. Tornando al problema del centrocampo (e dei pochi goal del centrocampo stesso segnalato da Rudi) il problema dell’Inter è che con il susseguirsi di allenatori diversi fra loro ha comportato che i giocatori non erano complementari: meglio stendere un velo su Medel e Kondogbia, Brozovic svogliato…. purtroppo l’Inter con Thohir prima ha ingaggiato Mancini (un allenatore senza un gioco, basta vedere gli acquisti), dopo aveva ingaggiato un allenatore straniero a cui bisognava dare del tempo, ma Suning aveva idee diverse e mediaticamente si è inventata un casting dove la morale è stata: è meglio ingaggiare un allenatore italiano. Se non hai pazienza, forse un allenatore italiano è meglio. Spero solo che Spalletti non sbrocchi, altrimenti l’anno prossimo dovremo fare all’in su Sarri, finalmente liberabile pagando una clausola di 8 milioni. Comunque il probelma dell’Inter è che ha giocatori troppo scarsi tecnicamente (Candreva è un’ala che non sa saltare l’uomo, forse sarebbe meglio farlo giocare interno in un centrocampo a 3, a venderlo non ci riusciremo mai) troppo lenti, adesso il calcio è fatto di scatti continui.

    Se riuscissimo a vendere qualcuno, punterei:

    – Esterno alto DX Felipe Anderson, salta l’uomo, gioca senza palla, ha qualche gol in canna e soprattutto corre e contrasta (tra i primi nel campionato italiano di contrasti vinti);
    – Esterno alto SX / seconda punta Keita Balde (anche se sembra non voglia venire all’Inter) o in alternativa Payet che non ci cederanno mai;
    – Centrocampista SX Milinkovic Savic (alternativa Jankto dell’Udinese) ha tutto quello che ci serve;
    – Esterno Basso SX – Dalbert o Samir (quest’ultimo più difensivo);
    – Esterno Basso Dx – Zappacosta;
    – Difensore centrale – Inigo Martinez (veramente forte).

    In più valuterei Schick, con una certa attenzione, però!!!

    Per la panchina sarebbero utili giocatori dal costo basso, ma dal rendimento certo, tipo Rigoni del Genoa, Castro e Gamberini del Chievo, ecc. ecc.

    Visto che non possiamo spendere, gli acquisti dovrebbero riguardare quegli slot che libererebbero i giocatori venduti.

    • Rudi says:

      ciao Giuseppe, al netto degli ottimisti a oltranza – sembrano convinti che chi critica voglia il male dell’Inter – il tuo commento contiene due verità per me essenziali.
      La prima è che i “progetti” sono tali se mci si crede e se vengono perseguiti anche quando gira male. Se ogni volta ricominci daccapo, accumuli la dozzina di invendibili che ora gravano sulla rosa dell’Inter.
      La seconda è che serve alzare il tasso tecnico con calciatori che sappiano fare due o tre cose e non siano monodimensionali come Candreva e Icardi.
      Spalletti darà un gioco alla squadra, non ho nulla contro Vecino, ma scalare il quarto posto con questa rosa più Dalbert e Keita mi sembra impossibile.
      Mancano altri 20 gol e un forte difensore centrale.

  7. Non voglio apparire ottimista a tutti i costi, anche perchè le notizie sul gruppo Suning e la disastrosa (finora) stagione del Jiangsu mi inquietano non poco, ma…
    Vecino al posto di Medel non è -come si dice- un upgrade?
    Borja Valero al posto di Kondogbia non è un upgrade?
    Skriniar meglio di Murillo? Chissà, lì in effetti si è aperta una scommessa.
    Ecco perchè concordo con chi sostiene che l’Inter incontra più problemi nel vendere che nel comprare, perchè i succitati Medel e Kondogbia a chi li potremmo sbolognare?
    Per concludere, proprio per le pessime scelte fatte nel recente passato, il calciomercato mi ha interessato di più per le cessioni che per gli acquisti. Dalle cessioni, capisci quanto sono capaci i dirigenti e quanti margini di manovra finanziaria hai per costruire la famosa “squadra competitiva”.
    PS: anche quest’anno la mia tanto sospirata notizia della cessione di Handanovic credo non arriverà. La fila di estimatori si sarà posizionata ad un indirizzo sbagliato

    • Mmm. Intanto Medel e Kondogbia ancora ci sono. Valero per Banega vuol dire 4-5 in meno, idem Vecino per Brozovic, se a partire sarà il croato.
      Keita purtroppo sono convinto finirà alla Juventus, al posto di Schick.
      Quindi al posto di Perisic è probabile che arriverà qualcuno che segna di meno.
      O Spalletti fa fare a Icardi l’upgrade che ha fatto fare a Dzeko (ergo: 35 gol, in proporzione) oppure ci mancano una decina di gol rispetto all’anno scorso, che significa guardare il quarto posto con un binocolo bello potente, da quanto si è lontani.

      • willerneroblu says:

        Banega ha fatto cagare ha camminato in campo un anno,Kondogbia l’acquisto pacco per eccellenza voluto a tutti i costi,sbattendo i piedini,da mister sciarpetta!!
        Marini in confronto a Medel sembrava Iniesta!!!
        Io fari giocare tutti gli sbarbati nuovi con Pinamonti titolare e capitano!!!!

      • Banega e Brozovic sono stati estremamente discontinui, problema principale dell’Inter da anni, però hanno segnato 10 gol, essenziali per vincere contro Genoa, Fiorentina, Lazio, Cagliari…12 punti. Vecino e Valero ne hanno fatti 3.
        Togliere 7 gol a un centrocampo è tanta roba. Poi magari Spalletti ha avuto l’intuizione del secolo e Vecino diventa Nainggolan (che a Cagliari non segnava mica così tanto).
        Però, insomma, “il problema atavico che segna solo Icardi” (cit. Sabatini) mi sembra ben lontano dall’essere risolto.

  8. willerneroblu says:

    Ringraziate sciarpetta!!

  9. pgkappa says:

    io non sono ottimista a prescindere.manderei via domani ausilio,zanetti,gardini,scarpini
    vorrei un ufficio stampa\comunicazione cazzutissimo
    avrei difeso fino alla fine de boer non avrei preso pioli
    ma prendere per vere tutte le notizie sull’inter fino ad arrivare a CRISCITIELLO mi fa venir voglia di essere bastian contrario.
    rimango convinto che in 2\3 anni si possa tornare a vincere il campionato

    • Per curiosità, ma Scarpini che colpe ha?

    • Rudi says:

      Ancora con Criscitiello? Dunque, secondo te, lui mente sempre a prescindere? E se le stesse cose le dice Padovan? E se quasi tutte le conferma Sorrentino? E se in tanti si mostrano molto perplessi perché siamo al 19 (diciannove) luglio e la squadra che è andata in Cina fa ridere… che colpa ha Criscitiello?

      • pgkappa says:

        mentiva tosatti vuoi che non menta criscitiello. in cina prendiamo 6.5 ml per 4 partite e la squadra toccherà con mano cosa è veramente suning e credimi rudi,sarà scioccante.
        cmq mi sembra che a sportitalia non vada più nessuno della società a parlare.
        il 29 luglio torniamo e ci sono 20 giorni per sistemare tutto.

    • mao72 says:

      Condivido le critiche.
      Pensare che sono le stesse che ci diciamo sin dai tempi di Moratti mi cadono le palle.

      Forse ci siamo illusi un pò troppo ai tempi di Mancini e Mou.
      Il primo ha iniziato (e potuto) vincere grazie a Calciopoli.
      Il secondo perché gli sono state date in mano le chiavi della società.
      Infatti via lui il castello è inesorabilmente crollato.

      Da allora a quanti anni Zero siamo arrivati?

  10. pgkappa says:

    è li da 17 anni e mi domando che competenze ha???? ah già è stato scelto da moratti un demiurgo nello scoprire le persone giuste. infatti fassone ha subito sostituito suma con guadagnini….una società che fattura 250 ml deve avere un responsabile delle comunicazioni serio,autorevole e competente.scarpini a mio modesto parere non ha queste caratteristiche.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...