Highlander. L’ultimo immortale [Highlander], Russell Mulcahy, 1986 [Tv88] – 6

L’ho già scritto a proposito di «Ghostbusters», ma questo film rafforza la mia sensazione che il fantasy – almeno quello degli anni Ottanta – sia un genere destinato a invecchiare rapidamente. Pare incredibile, oggi, che un film così slabbrato e privo di attori minimamente espressivi (fa eccezione il solo Sean Connery) abbia potuto cogliere tanto successo.

XVI secolo, Scozia: un guerriero delle Highlands scopre di appartenere a una stirpe di immortali, destinati a vivere in eterno finché qualcuno non staccherà loro la testa dal corpo. Christopher Lambert vi trova il ruolo per cui chiunque lo ricorda; Freddie Mercury e le musiche dei Queen contribuiscono con un’epica fracassona e ridondante.

New York, 1986: il primo duello – il più emozionante, non essendo ancora note le regole del gioco – si svolge nel parcheggio sotterraneo del Madison Square Garden. Uno muore decapitato da un’antica katana giapponese; l’altro viene squassato da strani lampi di energia, e poi fermato dalla polizia. I flashback spiegano allo spettatore chi è questo Conner MacLeod. Ma Brenda (Roxanne Hart), l’agente della scientifica che segue il caso, non ha a disposizione i flashback. In compenso, si innamora di MacLeod.

I dieci minuti più divertenti vedono in scena Juan Sánchez Villa-Lobos Ramírez, maestro d’armi egiziano: troppo semplice far interpretare uno scozzese allo scozzese Connery… Ramírez addestra MacLeod all’uso delle armi e gli rivela la profezia: un giorno gli ultimi immortali rimasti in vita si concentreranno in una terra lontana, si batteranno a morte e infine “ne rimarrà soltanto uno” (frase cult, pronunciata una dozzina di volte).

A New York, si presenta il terribile, crudelissimo Kurgan (Clancy Brown), che già uccise Ramírez e violentò la moglie di MacLeod. Per non attirare l’attenzione, decide di travestirsi da punk… Facile prevedere che non sarà lui quello che rimane con la testa sul collo.

Annunci

5 Responses to Highlander. L’ultimo immortale [Highlander], Russell Mulcahy, 1986 [Tv88] – 6

  1. Interator says:

    Sarà la nostalgia, ma per me è sempre bello rivederli. Se cerchi il film della vita probabilmente questi non sono i più adatti, ma se cerchi svago e un sorriso direi che sono ottimi :-)

  2. kund3ra says:

    Salverei la colonna sonora. Un paio di brani sono immortali davvero.

  3. uno degli album migliori dei queen anni 80

  4. metalupo says:

    Salverei il cattivo, un fetentone che si ricorda.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...