La La Land [id.] – Damien Chazelle, 2017 [inTv5] – 9

Quintessenza dell’artificiale, agli antipodi del realismo, il musical rinasce vicino alla favola, in prossimità della magia e del romanticismo, esaltandosi nel Technicolor e nel Cinemascope: Visto tre volte al cinema – QUI e QUI – risulta evidente lo scarto con la visione domestica, soprattutto per la qualità dell’audio. Ma resta la sensazione di trovarsi di fronte a un capolavoro, che ha rivitalizzato un genere che sembrava condannato all’inedia.

Damien Chazelle e Justin Hurwitz avevano in mente questo film già nel 2010, ben prima di «Whiplash», anzi «Whiplash» venne fatto (2014) perché due venticinquenni appena usciti da Harvard, non potevano sperare nei dollari necessari per un musical così ambizioso.

Vidi il film prima della Notte degli Oscar, quando ne raccolse 6, da 14 Nominations: miglior Regista, migliore Attrice protagonista, migliore Fotografia (Linus Sandgren), migliore scenografia (David Wasco), migliore Colonna sonora e migliore Canzone originale («City of Stars»). E poi, 7 Golden Globe su 7 candidature.

Per dare forma a questa “La La” (Los Angeles idealizzata), rifugio di tanti anonimi inseguitori di un sogno, servono le coreografie di Mandy Moore (quattro mesi di prove per i ballerini, “formati” anche sulla visione serale di grandi musical) e la fotografia curata dallo svedese Linus Sandgren. Le scenografie sono curate da David Wasco e dalla moglie Sandy Reynolds, la costumista è Mary Zophres, che ha scelto colori primari e sfavillanti (ennesimo omaggio alla vecchia Hollywood in Technicolor). Alla quarta visione, la scena più sorprendente è quella che si snoda all’interno del party hollywoodiano, con un inaspettato cambiamento di ritmo.

La fluidità delle scene è meravigliosa, vertiginosi l’uso della gru e della steadycam: già con la scena iniziale sulla highway losangelina (la rampa sopraelevata tra le Interstate 105 e 110), «La La Land» propone alcuni dei piani sequenza più sbalorditivi dell’ultimo quarto di secolo. Nello stile, Chazelle si è ispirato a Minnelli e Donen, a Fred Astaire e Ginger Rogers, Norman Taurog e Gene Kelly, aggiungendoci decine di esplicitazioni citazioni, ma nella dozzina di extra del dvd, parla diffusamente di Jacques Demy («Les parapluies de Cherbourg» e «Les demoiselles de Rochefort»: mai visti e difficili da intercettare).

Emma Stone e Ryan Gosling sono al terzo film insieme. La loro chimica scenica si è affinata in due film che non ho visto: «Crazy, Stupid Love» (Glenn Ficarra, 2011) e «Gangster Squad» (Ruben Fleischer, 2013).

Sulle musiche composte da Justin Hurwitz, i testi scritti da Benj Pasek e Justin Paul offrono ulteriore enfasi e malinconia a una storia d’amore senza lieto fine, ma con uno scambio di sguardi che va persino oltre. Uno dei meriti meno appariscenti che attribuisco a Chazelle è aver gestito con equilibrio i passaggi critici su cui spesso il musical collassa: le transizioni tra la recitazione e l’arrivo del canto e del ballo. Hanno studiato a lungo, Stone e Gosling, Mia e Sebastian, ma non saranno mai Astaire e Rogers, le loro danze aggraziate non possiedono la sublime levità di quei modelli. Semmai, stupisce la loro abilità come cantanti (e Gosling ha imparato a suonare il piano senza saper leggere la musica).

6 Responses to La La Land [id.] – Damien Chazelle, 2017 [inTv5] – 9

  1. Nel suo genere un capolavoro. La colonna sonora notevole.

  2. Pingback: Les parapluies de Cherbourg [id.], Jacques Demy, 1964 [cine16] – 9 | RUDI

  3. Pingback: Il caso Thomas Crawford [Fracture], Gregory Hoblit, 2007 [filmTv63] – 7 | RUDI

  4. Pingback: Crazy, Stupid, Love [id.] – Glenn Ficarra e John Requa, 2011 [filmTv138] – 6 | RUDI

  5. Pingback: The Amazing Spider-Man 2. Il potere di Electro [The Amazing Spider-Man 2], Marc Webb, 2014 – [filmTv66] – 6 | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.