USA ’68: disordini e sogni. MAST di Bologna fino al 30 settembre

Il Sessantotto è stato molte cose diverse, in varie parti del mondo. La Fondazione MAST di Bologna – focalizzata sui temi del lavoro e dell’industria, come conferma la contemporanea mostra su Eugene Smith a Pittsburgh – celebra il Sessantotto negli Stati Uniti, tramite il fotogiornalismo.

Esposte 54 fotografie – alcune celeberrime, altre sorprendenti, provenienti dalla Monroe Gallery di Santa Fe (New Mexico) – è stata realizzata anche una videoinstallazione a 360° (Ciclorama) di immagini cinematografiche, musicali e televisive, che ripercorrono l’anno più straordinario, immaginifico e drammatico della nostra storia recente. Infine, tratti dagli archivi della Cineteca di Bologna, sono visibili brevi documentari in bianco e nero sul Sessantotto bolognese e nei cinegiornali dell’epoca.

Sulla scena politica si affaccia una nuova categoria: i giovani. Esprimono forme di ribellione contro il potere, in tutte le sue forme, e scandalizzano con nuovi stili di vita. Fra i testi esemplari dello spirito del tempo, due canzoni – San Francisco (John Phillips) e Piece of My Hearts (Janis Joplin) – un discorso pubblico – GDP Speech (le frasi sul PIL di Bobby Kennedy il 18 marzo all’Università del Kansas) – e un poema – Howl, di Allen Ginsberg.

Il Sessantotto coincide con il momento culminante della fotografia di reportage. “Questo tipo di fotografia – scrive Urs Stahel, responsabile della mostra – affermava di riportare la verità, nient’altro che la verità”. Il declino del fotogiornalismo arriverà presto, con la diffusione della tv a colori. Almeno 8 le fotografie epocali:

  1. Bob Gomel, Muhammad Alì davanti all’Alvin Theater NYC
  2. John Dominis, Smith, Norman e Carlos sul podio olimpico di Città del Messico
  3. Elliott Landy, Paul Morrissey, Andy Warhol, Janis Joplin e Tim Buckley al Max’s Kansas NYC
  4. Steve Schapiro, Martin Luther King a Selma (1965)
  5. Bill Eppridge, L.A.: la campagna del senatore Robert Kennedy (con la bodyguard Rafer Johnson)
  6. Bill Eppridge, Funeral Train: l’omaggio al treno che l’8 giugno porta il cadavere di Bobby Kennedy
  7. Eddie Adams, Nguyen Ngoc Loan della polizia sudvietnamita giustizia un ufficiale viet-cong, Saigon
  8. Art Shaw, Convention di Chicago dei Democratici: Jean Genet, William Burroughs e Terry Southern manifestano contro le violenze della polizia.

 

One Response to USA ’68: disordini e sogni. MAST di Bologna fino al 30 settembre

  1. Pingback: Food. Foto / Industria a Bologna | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.