#Tav. Ci dicono che è un’opera dalla valenza europea e il Pd vorrebbe che a votare nel referendum fosse solo chi abita sull’asta del Po. E quelli della Dora Baltea e della Dora Riparia?

Annunci

33 Responses to #Tav. Ci dicono che è un’opera dalla valenza europea e il Pd vorrebbe che a votare nel referendum fosse solo chi abita sull’asta del Po. E quelli della Dora Baltea e della Dora Riparia?

  1. francesco says:

    certo che sei forte Rudi, in queste settimane i gialloverdi ne hanno combinate di ogni tutti i giorni, tra topiche clamorose e dietrofront imbarazzanti, ma tu riesci a parlare solo di PD…. beh, ammiro la tenacia dai. di solito in questi casi alla fine si rischia l’esaurimento nervoso però, occhio…..

    ps: quindi siamo passati al 6 per quanto riguarda l’esecutivo Di Maio / Salvini / Conte?

  2. antonior66 says:

    Incorreggibili.

  3. gigidibiagio says:

    Quelli della Baltea non lo so ma per la Riparia, almeno da Susa ad Almese, li gasiamo col CS e poi li riempiamo di botte come, a parte qualche pausa più o meno lunga, dal 91 ad oggi

  4. Luca Carmignani says:

    Sono perplesso di fronte a queste opere, non tanto per la loro utilità / inutilità, quanto per i loro tempi di realizzazione (o non realizzazione). Se ne parla dal 1991: 18 anni!
    La vera diatriba è però quella di cui nessuno parla, perché al di là delle ragioni degli ambientalisti, (io non sono in grado di capire il reale impatto ambientale di questa opera), resta una ed una sola vera questione. Trasporto su gomma o su rotaie.
    E’ la questione che ha reso questo Paese fortemente dipendente dal traffico su gomma e che ha reso le nostre autostrade più insicure, meno manutenibili di tutta l’Europa.
    I motivi politici del mancato sviluppo (risalenti agli anni 60) del traffico su rotaie, preferendo quello su gomma, sono ormai noti a tutti, o almeno lo sono a chi si è informato.
    Il bello è che anche oggi sia così.
    Se leggete, tecnicamente, cosa permetterà di trasportare, in termini di merci la nuova linea e di quanto, conseguentemente, diminuirà l’attuale traffico su gomma (che è certamente più inquinante e più costoso), capirete dove sia la reale questione: lasciare il privilegio del traffico su gomma, rispetto a quello su rotaie.
    Il resto sono chiacchere per distogliere l’attenzione delle masse.
    Sono per la TAV, se non lo si fosse capito.

    • gigidibiagio says:

      Un container di materia prima all’estremo oriente si fa 40 giorni di mare, 3-7 giorni al terminal portuale in attesa di sdoganamento (salvo controlli) e poi in 3 di treno al massimo arriva da Genova ad esempio in Scandinavia. Quale responsabile acquisti dotato di senno spenderebbe di più di trasporto per guadagnare meno di un’ora rispetto agli attuali tempi di percorrenza sulla linea storica spenderebbe molto di più di trasporto?

      Quanto ai tempi di realizzazione la risposta è tutto sommato semplice. L’appaltatore non è mai il concessionario, per cui di costruire bene, in efficienza e alla svelta non ha nessun interesse.

      Chiudo facendo presente che solo due linee AV al mondo operano in attivo e dopo decenni di attività. Nel frattempo si taglia il trasporto locale con la falce perchè non ci sono soldi o i volumi lo giustificano. Invece del fatto che qui la linea storica sia ampiamente sotto sfruttata frega niente a nessuno

      Sono contro il TAV, se non lo si fosse capito.

  5. Rudi says:

    Antonio66 e Francesco: continuiamo col trasporto su gomma potete dirlo ai vostri attuali compagni di strada. Avete governato decenni proprio così e oggi volete apparire ambientalisti… Mai un’autocritica, mai una parola per dire che si è sbagliato, mai un’ammissione di colpa… Negli anni Ottanta, Legambiente era già contro queste “grandi opere” e il suo referente politico balbettava che sì, in effetti, e poi finanziava solo quelle.

  6. francesco says:

    ma ammissione di colpa è qualcosa che puoi chiedere a noi? il governo eletto anche grazie al tuo voto danneggia l’Iralia in generale ed il sottoscritto in particolare da 8 mesi e tu ci parli di Renzi e Martina ancora….legittimo, sia chiaro, ma un pò bislacco…. io sono a favore della tav per tanti motivi ma consapevole che ci possono anche essere delle negatività, come in ogni ambito umano. io a differenza tua non aspetto la perfezione nelle cose e resto dell’idea, banale se vuoi, che un treno faccia meno male di 1000 tir o di 20 aerei. è successo così tra Milano e Roma, anzi tra Torino e Napoli e non vedo perchè debba essere diverso tra Torino e Lione anzi tra Torino e Parigi. io sono ambientalista nella misura in cui ha senso essere ambientalisti. ragion per cui va fatta la tap e va trivellato l’Adriatico. anche perchè magari chi si lamenta di queste ultime possiede un’auto vecchia di 10 anni che inquina come 20 Audi A4 diesel recenti di un anno….. solo che noi italiani abbiamo un concetto anche qui un pò bislacco della coerenza…..

  7. gigidibiagio says:

    L’AV Torino – Napoli (anzi,. Torino – Salerno visto che ci teniamo a fare i precisetti) ecologicamnete è stata un disastro, basta farsi un giro dalle parti del Mugello dove hanno prosciugato qualunque falda. E anche economicamente per farla reggere hanno scorporato dai costi la costruzione e persino i treni. E pure così a malapena va in pari.

    Avrete a cuore l’ecologia? Benissimo, pure io. C’è una linea storica ampiamente sottosfruttata, però non ricordo una singola campagna atta a promuovere quella. Del resto si era appena costruito la A32, autostrada più cara d’Italia sempre in valle, bisognava pur giustificarla no?

    E manco mi sorprende dato che il caso Val Susa è l’unico che risveglia questi imponenti sentimenti ambientalisti. Nel caso della BreBeMi (del resto era FONDAMENTALE per l’Expo), della variante di Mestre, della terza corsia sulla A4 tratto Venezia – Trieste, degli 1,5 miliardi di euro dallo sblocca Italia per grandi opere stradali e autostradali solo per citare i casi più emblematici e recenti tutta sta fregola non si è mica vista

    Ci avete provato con le merci, coi tempi e ora con l’asfalto. Ritentate ma sto sarcasmo da quattro lire sapete dove potete infilarvelo

    Già che siamo in vena di calcestruzzo e si parla a casa di un bolognese, FICO è poi il successone che ci avevano annunciato o un altro buco nell’acqua? Non hanno mica costruito uno svincolo autostradale dedicato?

    • antonior66 says:

      Ecco cosa succede a mischiare tutto nel calderone. Un’opera inutile (Bre Be Mi) messa insieme a due necessità, cioè la variante di Mestre e la terza corsia A4. Invece di valutare caso per caso, si dice sempre e solo no.

      • gigidibiagio says:

        Non si dice solo no, mi chiedevo che fine avesse fatto lo slancio ecologista e sempre pro rotaia in quei casi. Quanto alla linea storica vedo che si nicchia.

      • gigidibiagio says:

        Nel frattempo i governi di tutti i colori negli annui passati hanno sempre e solo tagliato la rete ferroviaria. Pensa che ecologisti da battaglia

  8. francesco says:

    vabbè, dai diciamo NO a tutto e non se ne parla più…..

    • gigidibiagio says:

      Le grandissime argomentazioni. Del resto quando i fatti dimostrano che dai aria ai polmoni giusto per…

      • francesco says:

        e che ti devo dire Gigi….. ormai il vostro “fronte” è quello che dice che la differenza tra il salvataggio MPS ed il salvataggio CARIGE è che in un caso si è salvata la banca, nell’altro i risparmiatori (anche se la battuta epica è quella dei socialisti gaudenti. non abbiamo salvato una banca, abbiamo salvato una cassa di risparmio). la mia idea di fondo è che il mondo va avanti se fa. le grandi opere portano dietro vantaggi e qualche svantaggio. la posizione dei valsusini è preconcetta e si fonda sul solito “a casa mia no, a casa tua cazzi vostri”. ciò vale per i salentini o per gli abitanti a cavallo di Genova ed Alessandria. Quando le ragioni sono queste le analisi costi/benefici non valgono un cazzo, si sa. Sorvolo poi sul no ideologico da centro sociale o da pentastellato. Io quando salgo su un eurostar Milano/Roma penso alla facilità con cui puoi andare a fare una riunione in giornata nella capitale. A te probabilmente una cosa del genere frega meno di zero.

      • gigidibiagio says:

        Intanto il “vostro” fronte lo dici a tua sorella. Primo perchè il movimento no tav nasce nel 91, ben prima dei grullini. Secondo perchè se quello è il mio fronte il tuo ha come vicino di banco non solo il salviners ma anche casa pound. Che la posizione sia ideologica poi è il mantra di chi non ha argomenti perchè a sostegno della posizione ideologica negli anni sono state portate tonnellate di evidenze, cosa mai vista nè sentita dall’altra parte se si escludono le previsioni di traffico di TLF dimostratesi clamorosamente sbagliate alla prova degli anni e di ordini di grandezza.

        Io se salgo su un eurostar milano roma penso che su skype avrei fatto prima e penso anche che faccio parte di quel privilegiato 10% dei viaggiatori che non si vede regolarmente tagliate le linee per mancanza di fondi. Penso anche che Milano Roma per numero di passeggeri non è Torino Parigi, e penso anche che pure con tutta la AV del mondo a Parigi ci arrivo prima in aereo. E penso pure che fino a ieri mi avete detto che no, non è una linea passeggeri ma una linea merci (peggio mi sento ma un po’ di fumo negli occhi è sempre bene buttarlo).

        Penso anche che quella linea è costata in media 10 volte quanto è costata qualunque linea AV del mondo.
        Senza contare che le opere che non si ripagano (e TUTTE le linee AV del mondo con eccezione Parigi Lione e Tokyo Osaka) al committente le paghi tu come me con le tasse.

        Penso che avevamo il pendolino, un treno che raggiunge velocità simili a quelle della AV ma su linea classica o con pochissimi adeguamenti. Però abbiamo svenduto ad Asltrom che ora ne vende a destra e a manca (es. immagino sappiate che le linee AV tedesche sono servite dai pendolini vero?)

        In sintesi penso che della questione non ne sappiate un cazzo ma vi sentiate in dovere di fare la lezioncina con tanto di sarcasmo.

        Ma tanto sta stronzata ce la avete raccontata sempre prima, poi dopo risuonano i tristi “e beh, ormai però ci siamo”

      • francesco says:

        Quella di Skype alla Snai la davano 1,02 sai?

      • francesco says:

        Anche le littorine all’amianto sono scomparse. Io le ripristenerei in nome dei bei tempi andati, quando si poteva dormire con le finestre aperte.

        Vabbè non voglio abusare troppo di Rudi ti lascio l’ultima replica 😀

      • gigidibiagio says:

        Carino il non volere abusare di Rudi a certificare la mancanza di argomenti, e si che io invece lo immagino intento a leggere fintanto che non si travalica. Guarda, non è che pretenda di far cambiare idea a un sasso di fiume. Ho solo avuto l’ardire di fornire qualche dato in risposta al sarcasmo d’accatto, unico argomento a sostegno di certe strampalate tesi.

        Ti saluto con le parole del tuo leader, dette naturalmente PRIMA di governare. Da “Oltre la rottamazione”, Mondadori, 2013 :”Non credo a quei movimenti di protesta che considerano dannose iniziative come la Torino Lione. Per me è quasi peggio: non sono dannose, sono inutili. Sono soldi impiegati male. La TAV rischia di essere fuori scala e (ironia della sorte per te e la tua graziosa quanto infantile ironia sulle littorine d’amianto, ndr) FUORI TEMPO”. Così diceva il tuo maitre a penser prima di provare l’incombente impellenza di sbloccare l’Italia

      • francesco says:

        Però va bene tutto, ma darmi dell’ignorante no. Gli argomenti mi sembra di averteli elencati, che ti piacciano o meno. Poi se te hai nostalgia del piccolo mondo antico amen

      • gigidibiagio says:

        No vabbè guarda, stucchevole discussione protratta per troppo tempo che provvedo a chiudere qui a prescindere da qualunque eventuale replica. Ma quali argomentazioni oltre alle fumose “è il futuro” e “ci metto poco a fare Milano – Roma AR”? Manca “Ce lo chiede l’Europa!” e le hai dette tutte. Quindi si, nulla di personale ne di cui prendersela ma nello specifico sei di una ignoranza abissale. Evidentemente non è il tuo, amen. Ma questo è. Se poi avrai argomenti VERI da portare se ne può pure riparlare. Ne dubito.

        Poi oh, io mi son beccato del penstastellato, quindi l’offeso anche meno

        Scusa Rudi, chiusa qui che tanto a lavar la testa all’asino…

  9. gigidibiagio says:

    Diciamo SI a tutto che CMC e sodali devono fatturare

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.