Come l’ultima volta che sono stato a San Siro

Con due vecchi amici, andammo a vedere Inter-Parma, e finì proprio 2-2. Era un caldo pomeriggio di fine ottobre, giusto come ieri.

Altre similitudini: giocavano Handanovic, Gagliardini e Lautaro. Ben otto cambi nella formazione di partenza rispetto ad allora, quando il terzetto difensivo era composto da Skriniar, Godin e Bastoni, e i due laterali erano Candreva (in gol) e Biraghi.

Uscimmo dallo stadio un po’ arrabbiati, la Juve aveva pareggiato a Lecce, nel pomeriggio, contro la squadra di Liverani, poteva essere l’occasione giusta per scavalcare i bianconeri, soprattutto perché il pareggio di Lukaku era venuto a quasi quaranta minuti dalla fine. Ma ricordo bene di aver preso quel punto come abbastanza positivo, Gervinho, Karamoh e Kulusevski avevano messo a ferro e fuoco la nostra difesa, e Conte aveva potuto far entrare solo Esposito e Politano.

La partita di ieri è ben più deludente. Al netto di certe scelte dell’allenatore (De Vrji e Ranocchia insieme, mai visto prima), la squadra ha palesato limiti tecnici imbarazzanti. Calci d’angolo sparacchiati, gol sbagliati da due passi (Perisic e Hakimi, prima, Vidal poi), alcuni interpreti in chiara involuzione (Eriksen, Lautaro, Nainggolan).

Intendiamoci, in questo calcio la Juve può pareggiare col Crotone, se prendi gol all’incrocio dei pali al primo tiro subito e se non ti danno rigori solari (il quarto negato in otto partite) fatica chiunque (il Milan ne ha già calciati sei in sette partite), e non disprezzerei l’ennesima reazione di nervi – dopo Fiorentina e Borussia – che ha portato a riacciuffare il pari e fatto sfiorare la vittoria all’ultimo secondo. Ma con i pareggi non si va da nessuna parte, e sono in vista due trasferte micidiali, prima di un’altra, insensata pausa per le Nazionali.

L’Inter sta violentando la statistica: tira molto, ma spesso sono tiri difficili, e concede pochi tiri all’avversario, ma spesso sono facili… Con questo inamovibile 3-5-2, molti giocano col freno a mano tirato, più preoccupati di eseguire il compitino che di prendersi iniziative.

Senza Lukaku, non ci sono Piani B. Continuiamo a essere la squadra che crossa di più e che crossa peggio dell’emisfero boreale. Eriksen e Nainggolan sembrano avere la valigia pronta, De Vrji esibisce errori inediti e la difesa subisce gol a un ritmo che porterebbe a 70 a fine stagione, manca un leader a centrocampo, la macchinosità della manovra rende facile il riposizionamento delle difese altrui.

In breve, il Parma sapeva cosa fare ben più dell’Inter, dove Perisic cambiava ruolo, Lautaro giocava da boa (pessimo) e poi si trovava accanto Pinamonti, i tre difensori non potevano avere la minima intesa, Hakimi e Darmian si scambiavano le fasce sprecando energie (il marocchino è il più danneggiato da una manovra statica con un baricentro così alto e spazi intasati: non ha mai spazio per correre).

A Conte rimprovero la marcatura di De Vrji su Gervinho e l’aver sostituito Eriksen prima di altri che stavano giocando altrettanto male; non credo vedremo il danese a Madrid, tanto valeva tenerlo in campo.

Marotta ha detto tre cose importanti: l’allenatore aspetta l’esito dei tamponi per confezionare la formazione; in una stagione disgraziata come questa, le Nazionali non possono spremere i calciatori e rimandarli rotti ai rispettivi club; siamo stanchi di subire errori arbitrali così vistosi, senza che il VAR intervenga.

Teniamoci il punticino e il risveglio dei croati.

13 Responses to Come l’ultima volta che sono stato a San Siro

  1. Ranocchia-De Vrij-Kolarov può essere una soluzione se giochi contro una coppia Ibra-Rebic, Pavoletti-Simeone, Llorente-Petagna.
    Ma se giochi contro Gervinho e, forse, Karamoh mi pare un rischio pazzesco.

  2. Nicola Moretto says:

    Qua stiamo facendo puro onanismo. Ogni sport ha delle regole. E ci sono direttori di gara col compito di garantire il rispetto delle regole. Indipendentemente da meriti, tecnici e/o estetici, sei contendenti. Quando questo non accade, la gara è FALSATA. E se si omette volontariamente l’aiuto della tecnologia a supporto. da errore diventa MALAFEDE. L’Inter dei Record fece un girone d’andata con una sequela di vittorie di misura, spesso per buonanotte (in casa con Samp e Cesena), talvolta con il coro “ladri, ladri” (Pescara, Como) dei tifosi avversari ad accompagnare l’uscita dei giocatori dal terreno di gara. Se non avessimo vinto quelle gare cosa sarebbe successo? I quattro FURTI (non errori, FURTI) arbitrali subiti finora ci hanno tolto dai 3 ai 6 punti in classifica. E vogliamo ancora fare discorsi su Conte e giocatori?

  3. La partita: Con questo inamovibile 3-5-2, molti giocano col freno a mano tirato, più preoccupati di eseguire il compitino che di prendersi iniziative. Ho avuto la stessa netta impressione.

    La discrezionalità arbitrale che neutralizza l’uso del VAR: Marotta ha dichiarato ieri nel post-partita che non ne hanno MAI parlato, tantomeno PRIMA che la stagione ricominciasse. Vorrei tanto che gli interisti cominciassero a mettere a fuoco che è Marotta a dover dare spiegazioni a noi tifosi.

  4. wwayne says:

    Il tuo post fotografa uno dei problemi ricorrenti dell’Inter contiana: l’assenza di riserve adeguate. L’anno scorso col Parma Conte fece entrare Esposito e Politano, quest’anno Pinamonti: nessuno di loro è un giocatore che può fare da “piede di porco” per quelle partite in cui hai bisogno di ottenere i 3 punti a tutti i costi. E pensare che una volta l’Inter come punta di scorta aveva giocatori come Crespo…

  5. willerneroblu says:

    Ci complichiamo la vita cercando giocate difficili,anche per Messi e Iniesta,battiamo i corner in maniera scandalosa,abbiamo un portiere rivettato sulla linea di porta,; Eriksen è imbarazzante ha una personalità vicino allo zero e pensare che il primo arancio è vuoto…
    Ma la cosa terribile è che sto tifando per gli eredi di Cuccureddu!!!!

  6. metalupo says:

    È tutto molto semplice, prevaricare il VAR a favore del giudizio del giudice di gara è un puro esercizio di potere. Il calcio finisce lì.

  7. claudiopaga says:

    qua ce l’avete tutti con gli arbitri ma com’e’ che dopo un’ora siamo sotto 2-0 in casa col parma, li aveva segnati l’arbitro i due gol?
    com’e’ che abbiam fatto tutto il primo tempo senza fare un tiro in porta?
    com’e’ che abbiamo in panchina un allenatore da 8 milioni all’anno e giochiamo in modo orrendo?
    pero’ continuiamo a prendercela con l’arbitro, o al limite con Eriksen, il giocatore piu’ forte passato da appiano negli ultimi 10 anni che Conte fa entrare al 82esimo perche’ gli preferisce Gagliardini.

    • willerneroblu says:

      Veramente Eriksen sta giocando,anzi è in campo,giocare è un’altra cosa!

      • francesco says:

        mi ricorda quelli che alle partite in oratorio stavano sul cazzo prima ancora di cominciare

      • claudiopaga says:

        In panca con la Lazio, 20 minuti col Milan, 10 minuti in Champions con lo Shaktar, mai una volta in campo 90 minuti, in quale tua fantasiosa realta’ parallela sta giocando?
        Bisogna saper distinguere le prestazioni sicuramente deludenti dalla qualita’ del giocatore, cosa che all’Inter spesso non riesce, perche’ sembra sempre vogliamo disfarci della poca qualita’ che abbiamo in rosa (Pirlo, Seedorf, Bergkamp storici, ma anche i recenti Coutinho, Cancelo, Rafinha)?

  8. willerneroblu says:

    Eriksen parte titolare con Fiorentina Genoa e Parma,visto il rendimento pari a Cerilli viene tolto; poi subentra con Lazio e Milan;in coppa parte titolare col Borussia ed entra con gli Ucraini !!!
    Forse guardi troppo Sport Merdaset….

  9. Luigi Baragiola says:

    Rudi e amici Nerazzurri alcuni precedenti depongono a nostro favore.
    Nel 62/63 e nel 70/71 partimmo molto peggio di adesso e con equivoci tattici altrettanto “pessanti” e poi finimmo in bellezza……
    però non c’era il Covid a sparigliare tutto ogni mezza giornata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.