Local Hero [id.], Bill Forsyth, 1983 – [filmTv37] – 7

Favola ecologica, garbatamente anticapitalista: la vidi al cinema, mi è piaciuto ritrovare quei cieli e quei paesaggi, luminosissimi e immagino ancora uguali. A esaltarli, le musiche di Mark Knopfler (trascinante l’attacco sui titoli di coda).

Scozia del nord, sul lato orientale: la trama ipotizza che alla Knox Oil di Houston siano certi che il fondale marino sia ricchissimo di petrolio e spediscono un negoziatore – Peter Riegert (Animal House, Come fare carriera molto disonestamente) – per chiudere l’affare: MacIntyre dovrà convincere gli indigeni a cedere le loro terre, non immaginando che non aspettano altro. Nella parte del boss della Knox Oil, Burt Lancaster: interpreta Felix Happer, un ricchissimo anziano a cui ormai interessano solo le stelle, con una predilezione per le comete.

In realtà, MacIntyre finge solo di essere scozzese, i suoi genitori venivano dall’Est europeo, ma quando vede quella baia, se ne innamora. Ma l’afflato ecologista è solo dello straniero che viene dalla metropoli inquinata, quasi tutta la popolazione locale è stanca di vivere ai margini del progresso, in un tempo sospeso. Saranno coperti di dollari, se sacrificheranno tutto – compresa l’aurora boreale – alla progettata, gigantesca raffineria. Solo il vecchio Knox, la cui stirpe vive sulla spiaggia da quattro secoli, non è disposto a cedere: “Mi daresti tanti dollari quanti sono i granelli di sabbia che stringo in questa mano?”.

Prodotto da David Puttnam (I duellanti, Fuga di mezzanotte, Momenti di gloria, Urla del silenzio, Mission…) e fotografato da Chris Menges (Oscar proprio per Urla del silenzio e Mission), Local Hero scommette sulle sfumature. Sboccia l’amore fra un collaboratore di MacIntyre e un’attraente biologa marina… Ogni tanto il silenzio è rotto da una motocicletta che sfreccia… La distanza emotiva fra la baia e il resto del mondo sta nell’unico telefono interurbano, funziona a monetine nella classica cabina rossa con vista mozzafiato.

3 Responses to Local Hero [id.], Bill Forsyth, 1983 – [filmTv37] – 7

  1. Paolo Sproviero says:

    Avendo fatto una telefonata verso l’Italia da una di quelle cabine non potei non affezionarmi a questo film.

  2. Pingback: The Mask – Da zero a mito [The Mask], Chuck Russell, 1994 – [filmTv55] – 7 | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.