Covid, numeri incomprensibili nel confronto fra Veneto, Campania, Emilia-Romagna e Piemonte

Negli ultimi 4 giorni si sono riscontrati oltre centomila nuovi contagiati e più di 1400 morti. E chi lanciava l’allarme due settimane fa, si sentiva rispondere che era il momento di aprire i ristoranti anche alla sera.

Segnalo un aspetto che può sembrare marginale, ma che mette in discussione ogni certezza statistica, virologica, epidemiologica accumulata in qualche secolo di studi.

Prendo in esame quattro regioni simili per popolazione e numero di casi (dati aggiornati al 13 marzo 2021). Fate caso agli scarti delle singole regioni rispetto alle medie interregionali.

Qualcuno dovrebbe spiegare perché in Campania ci sono più del triplo dei malati certificati in Piemonte, ma solo poco più della metà in terapia intensiva.

Oppure, perché in Emilia-Romagna si muore tanto di più.

Oppure, perché in Piemonte si finisca in terapia intensiva cinque volte più che in Campania.

Sembra che in Campania sia molto più facile ammalarsi e molto più difficile morire, che in Piemonte se ti ammali ti aggravi più spesso che altrove, che in Emilia-Romagna vi sia una letalità peggiore di ogni altra (Lombardia esclusa) e che il Veneto, per motivi insondabili, stia vivendo la seconda e la terza ondata meglio delle altre.

Qualcosa non torna.

13 Responses to Covid, numeri incomprensibili nel confronto fra Veneto, Campania, Emilia-Romagna e Piemonte

  1. rubensosa80b rubensosa80 says:

    Non mi è chiaro se pensi che ci sia un problema su come forniscono i dati le regioni o un problema su come vengono trattati i casi di covid nelle diverse regioni.

    • Rudi says:

      Tutte e due. Non mi fido delle Regioni e ormai da tempo non mi fido dei dati con cui veniamo “informati”. E penso che ogni posto-letto ha un costo.

  2. Nella storia della medicina, e delle sue trasformazioni dovute all’incontro con le scienze, l’epidemiologia, intesa come medicina+statistica, è sempre stata la branca che avuto più difficoltà a diventare sperimentale.
    Le variabili sono infinite. La multifattorialità è qualcosa di mai esattamente scomponibile e adattabile a un approccio riduzionista.
    I morti di… e i morti con…, al di là dei dibattiti da bar sul covid, costituiscono il problema centrale di ogni studio epidemiologico fin dalla nascita di questa disciplina.
    Le variabili in gioco in certi dati sono talmente tante che trovare risposte mi sembra impossibile.

    • Rudi says:

      Impossibile, forse. Ma qualcuno le sta cercando? O continuiamo a fidarci di ciò che comunicano le Regioni, senza considerare che ogni posto letto occupato ha un costo e che questa pandemia sta azzerando le cure di ogni altra malattia?

      • Sicuramente oltre a ostacoli strutturalmente insuperabili siano davanti a una qualche difformità nella raccolta dati. È pacifico che se faccio tamponi a caso per strada avrò risultati diversi che farli solo ai sintomatici. E non sarebbe da stupirsi se a livello regionale qualcuno cercasse vantaggio a far emergere dati in uno o nell’altro senso.

      • Rudi says:

        “Trarre vantaggio”. Come diceva Philip Marlowe, “segui i soldi”.

  3. I numeri, ormai, li guardo con molto distacco. I ricoveri e le terapie intensive mi sembrano dati abbastanza certi e, in una qual misura, indicativi. Anche il numero di decessi lascia il tempo che trova, dato che si dibatte su “morti d”i e “morti con”. Un dato, secondo me, indicativo potrebbe essere l’incremento dei decessi rispetto alla media degli anni prima della pandemia.

  4. Pingback: L’ultimo mese di pandemia in quattro Regioni, solo in apparenza simili | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.