Spider-Man 2 [Spider-Man 2], Sam Raimi, 2004 – [filmTv45] – 8

Uno dei migliori film sui supereroi di tutti i tempi, senza dubbio il migliore fra quelli dedicati a Spider-Man. Come nelle migliori saghe supereroistiche (quelle di Frank Miller, Alan Moore, Neil Gaiman), la seconda puntata delle avventure cinematografiche del nostro “stupefacente Uomo Ragno di quartiere” va dritta cuore della schizofrenia del protagonista, costretto a scegliere fra una vita normale (l’amore, innanzitutto; e magari un po’ di soldi e carriera) e i sensi di colpa, che spingono all’espiazione e alla rinuncia. Anche quando vince, questi tipo di eroe perde.

Film ipercinetico, con effetti sonori che mi hanno ricordato King Kong e Godzilla, ed effetti visivi di notevolissimo impatto: la scena sulla metropolitana di superficie rimane sbalorditiva, certe tavole di John Romita senior sembrano riprodotte al millimetro. Rimane l’unico film della saga ad aver vinto un Oscar: merito di John Dykstra, già trionfatore con il primo Star Wars.

Accanto a Tobey Maguire, che ha preso le misure del personaggio, Alfred Molina, Kirsten Dunst e James Franco, nei panni del Dottor Octopus (un cattivo memorabile, ambiguo e colpito dal Fato), di Mary Jane Watson e di Harry Osborn. Riappare Willem Dafoe, il Goblin morto nel primo episodio. Saranno passati un paio d’anni, Peter non è più un liceale, ora frequenta l’università e vive da solo, in una stanza ammobiliata.

C’è un cameo di John Landis e della colonna sonora fa parte Raindrops Keep Fallin’ on My Head di B. J. Thomas, in una situazione lontanissima da quella che enfatizzava Butch Cassidy. E se “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, come decretò Stan Lee nei primi anni Sessanta, mentre l’America stava usando la propria superpotenza con cieca arroganza, Peter Parker risolveva i problemi psicosomatici, che gli facevano rifiutare la responsabilità, accettava “il dono” e decideva di convivere con il Ragno.

In cambio, la pura leggerezza, volteggiare sopra i grattacieli.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.