#Blueberry, Charlier e Giraud: appunti

Mike Steve Donovan, detto Blueberry, è il protagonista di una famosa saga western a fumetti. A creare il personaggio, lo sceneggiatore belga Charlier e il disegnatore francese Jean Giraud (il futuro Mœbius), che firmava le tavole con il suo soprannome “Gir”.

Blueberry ha il naso schiacciato, il suo volto somiglia a quello di Jean-Paul Belmondo. L’azione si svolge subito dopo la fine della Guerra di Secessione, fra il 1867 (Fort Navajo) e il 1872 (Arizona Love). Il protagonista passa dall’essere tenente dell’esercito nordista a fuorilegge ricercato per il presunto occultamento del bottino di guerra sudista che era stato incaricato di recuperare. Questa saga a fumetti precede quel cinema western “revisionista”, che si caratterizzerà per l’abbandono di certi stereotipi e di verità raccontate dai vincitori.

Figlio di due ricchi piantatori della Georgia, Blueberry disprezzava la schiavitù, perciò era passato nelle file dell’altro esercito. Sfrontato, ironico, ottimo tiratore e ottimo cavallerizzo, insofferente alla disciplina (soprattutto quando gli ordini vengono da qualche laureato a West Point), il tenente Blueberry non esita a barare al gioco, quando ha di fronte dei malviventi. Furbo e coraggioso, non può non affascinare figure femminili

Nella scena fumettistica francese della seconda metà del Novecento, era tradizione pubblicare i fumetti a puntate su riviste, e poi raccogliere i vari archi narrativi in album monografici, dalla confezione cartonata più prestigiosa.

Blueberry fece il suo esordio con la storia Fort Navajo, pubblicata a puntate, a partire dal 31 ottobre 1963, sulla rivista francese Pilote, della casa editrice Dargaud: uscì fra il numero 210 e il 232 del 2 aprile 1964.

Molte trame sono ambientate nell’assolato Sud-Ovest, fra Arizona, Texas e New Mexico.

Quando i due autori raggiunsero la piena maturità espressiva, “Gir” componeva affascinanti e sconfinati paesaggi western, e Charlier elaborava intrecci avventurosi e sorprendenti. Nonostante la fama planetaria raggiunta da Mœbius, nelle storie di Blueberry che conosco, la qualità delle sceneggiature mi è sempre parsa superiore a quella dei disegni.

Jean-Michel Charlier (1924–1989), Jean Giraud (1938-2012).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.