I turbamenti del giovane Törless, Robert Musil, 1906

Il giovane Törless è una versione riveduta e corretta del giovane Robert, i cui rapporti familiari (a differenza di quelli dipinti nelle pagine del romanzo) furono tutt’altro che idilliaci.

A dodici anni, Robert venne iscritto a un liceo militare e dopo un paio d’anni trasferito in un collegio militare, che più tardi ebbe a definire “il buco del culo del diavolo”. È in questo collegio che si svolgono gli avvenimenti narrati nel romanzo, pubblicato quando Musil aveva ventisei anni e una laurea in Ingegneria (si laureò anche in Filosofia); ho riletto la traduzione per Einaudi di Anita Rho.

“I turbamenti” sono, innanzitutto, impulsi sessuali scaturiti da situazioni diverse. Poi, c’è il bisogno di conoscere e conoscersi, di trovare risposte a domande di senso, inseguendole nella più inquietante esperienza diretta, nella matematica speculativa o sulle pagine di Kant. Crescendo, Törless diverrà una di quelle persone – ci dice l’autore – il cui unico interesse reale “è concentrato sullo sviluppo dell’anima, dello spirito o comunque si chiami la cosa dentro di noi che ogni tanto si arricchisce per l’aggiunta di qualche idea raccolta fra le pagine di un libro o sulle labbra chiuse di un ritratto”.

All’estremità orientale dell’Impero Asburgico, non lontano dal confine con la Russia, c’era un antico collegio riservato ai “rampolli delle migliori famiglie”. In collegio, la prima amicizia fu con un giovane principe, e fu il protagonista a rovinarla, lasciandosi trascinare in un’assurda disputa religiosa: “Come se fosse indipendente da lui, l’intelligenza di Törless martellò inesorabilmente il delicato principino”. Le amicizie che seguirono – Beineberg e Reiting – furono di natura diversa: “strano a dirsi, erano i peggiori del suo corso, benché intelligenti e, non occorre dirlo, di buona famiglia, erano sovente scatenati e selvaggi fino alla violenza”.

Ogni tanto, con un amico, Törless va a fare visita a una puttana non più giovane, Bozena. Lo eccitano, soprattutto, la segretezza, il pericolo e lo squallore di quelle spedizioni. “Durante l’atto prevaleva sempre la ripugnanza per quel che stava facendo e la paura delle possibili conseguenze”. Altri ragazzi fanno come lui, Bozena è sfacciata, svela i loro segreti. Al bordello, non partecipava alle ostentazioni di precoce virilità dei suoi compagni; “mentre gli altri si comportavano sfacciatamente con le donne, quasi più per mettersi in mostra che per desiderio, l’anima del taciturno piccolo Törless era sconvolta e fustigata da una reale lussuria”.

In collegio, Törless scopre che Basini, uno dei compagni, è un ladro, scoperto a rubare per pagare debiti. Ha chiaro come in Beineberg e Reiting, i due compagni con cui condivide più tempo, ci sia del sadismo: si divertono a opprimere gli altri, ricavano piacere nell’umiliare e nel sentirsi implorare. I tre condividono un nascondiglio segreto, e “alla parete vicino alla porta era appesa una rivoltella carica”… Nel nascondiglio segreto, Basini viene umiliato, tormentato, picchiato, violentato. Per Reiting e Beineberg è un esperimento, vogliono provare di tutto, la vittima è così stupida e detestabile… Anche Törless viene chiamato ad assistere alle torture: “Al principio era stato per una voglia bestiale di unirsi agli altri e di picchiare, ma la sensazione di arrivare tardi e di essere di troppo l’avevano trattenuto”. Di fronte al sadismo, “con grande turbamento s’accorse d’essere in stato d’orgasmo sessuale”.

La personalità del protagonista è instabile, oscilla tra impulsi passionali e “terribile indifferenza”. Sostiene Musil, che “nello sviluppo di ogni sottile forza morale vi è uno stadio primitivo nella quale essa indebolisce l’anima di cui sarà forse un giorno la più audace esperienza; quasi che le sue radici dovessero prima affondare a tentoni e sconvolgere il terreno che più tardi sosterranno; ed è per questo che i giovani con un grande avvenire possiedono per lo più un passato ricco di umiliazioni”.

One Response to I turbamenti del giovane Törless, Robert Musil, 1906

  1. Pingback: I turbamenti del giovane Törless [Der junge Törless], Volker Schlöndorff, 1966– [filmTv76] – 6 | RUDI

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.