Fra Sheriff e Juve, la stagione prenderà un segno

Non sono sorpreso, ho sempre sostenuto che non siamo da scudetto. Al massimo, l’ho scritto e riscritto, questa squadra fa 80 punti. Ho sbagliato a non scommettere qualche centinaio di euro sul Napoli, quando le quote lo davano a 12. E ho sbagliato a credere che le maggiori difficoltà, Inzaghi le avrebbe avute all’inizio.

Nessuna vittoria nelle partite giocate contro Atalanta, Lazio, Shakhtar e Real. In otto partite su dieci, abbiamo subito gol. Abbiamo sbagliato il primo tempo a Verona, a Firenze e a Sassuolo, rimediando nella ripresa. Ma alle rimonte fatte, vanno abbinate quelle subite, ed ecco i punti lasciati contro Sampdoria, Atalanta e Lazio. Nei secondi tempi delle prime 9 partite, l’Inter aveva subito 3 gol, gli stessi incassati all’Olimpico in soli 27 minuti. Vero è che per un’ora si è dominato, ma ricordo una sola parata di Reina.

Non è una squadra da scudetto: prima arrivate a questa conclusione, meno soffrirete e meno cercherete scuse (una volta Handanovic, una volta l’arbitro, una volta il mancato fair play). Sperate in Spalletti, ecco il mio consiglio: ovvio che lo scudetto è preferibile vada a Napoli, piuttosto che alle due rivali storiche.

Inter-Juve è già un dentro o fuori: trovarsi a 9 o 10 punti dalla vetta, sarebbe già una sentenza. A quel punto, l’obiettivo massimo in campionato sarebbe il quarto posto.

Quanto allo Sheriff, non vedo come si possa non batterlo a San Siro. Basterà giocare con raziocinio, evitare espulsioni stupide e non si sbagliare gol a frotte. Abbiamo la fortuna di aver visto altri sottovalutare questi sconosciuti venuti da un’oscura provincia della Moldavia, che nessuno saprebbe collocare sulla carta geografica. Azzardo una preoccupazione di ordine opposto: va evitata la goleada, va evitata assolutamente: meglio vincere 2-0 o 3-1 e gestire la partita, perché le umiliazioni non si dimenticano, di vendette beffarde è piena la nostra storia, e all’Inter servirà battere i transnistriani anche a Tiraspol, eventualità che ritengo più probabile se si eviterà di stravincere domani. Già contro Genoa e Bologna, si è visto come l’Inter tenda a dilagare quando il risultato è al sicuro. Forte coi deboli, debole coi forti…

Si è smarrita solidità. Si è persa intelligenza. E vengo al paio di note davvero stonate.

C’è stata, anche da parte mia, una grave sopravvalutazione del valore del trio difensivo. Solo Skriniar (grazie soprattutto ai due gol su calcio d’angolo) sta garantendo un rendimento positivo, Bastoni sente la mancanza di un difensore puro come Young e va spesso in sofferenza nell’uno contro uno, De Vrij è irriconoscibile, i suoi errori sono stati pagati meno della loro gravità; e alle spalle c’è un trio – D’Ambrosio, Ranocchia, Kolarov – che non brilla certo per rapidità. Per cercare di ripristinare una decente tenuta difensiva, Inzaghi sta rinunciando al centrocampista creativo e preferisce Darmian e Dumfries. L’esito è sconfortante. Presto lo verificheremo anche nel numero dei gol segnati, statistica che ci vede ancora primi, ma che è destinata a mutare.

Sul mercato, è stata fatta una doppia scommessa – Calhanoglu + Correa – e finora l’esito è assai deludente. Soprattutto in termini di personalità. Appena il cielo si fa nuvoloso, i due scompaiono. E siccome anche Lautaro non brilla per intelligenza tattica, tutto il peso della gestione della partita grava su Brozovic, Barella e Dzeko. Basta che uno dei tre non sia in partita (o arranchi per la stanchezza), e l’Inter diventa mediocre. Le migliori prestazioni, nella stagione passata, avevano coinciso con la presenza in campo di Eriksen.

12 Responses to Fra Sheriff e Juve, la stagione prenderà un segno

  1. Eriksen ci manca tantissimo. Se il mister avversario piazza un francobollatore su Brozovic, non riusciamo più a sviluppare gioco, non avendo l’alternativa del danese. Poi il gioco deve svilupparsi in realizzazioni, ma questo è un altro paio di maniche.
    Delle prossime due partite, l’unica veramente decisiva è quella di Champions. Con i gobbi si può anche non vincere.
    Per quanto riguarda i nuovi arrivati, sono relativamente ottimista su Dumfries e Correa. Qualche dubbio, spero di essere smentito, su Calha.

  2. brex67 says:

    Dobbiamo stare agganciati al duo di testa. Il Napoli sarà da vedere tra dicembre e gennaio con osimeh koulibaly etc impegnati in coppa d’Africa e il Milan dipenderà dal piazzamento nel girone di champions. Se esce dalle coppe con solo il campionato lo scudetto sarà suo al 99%.

  3. Massimo Marcotullio says:

    Rudi concordo con te.
    Il piazzamento fra le prime 4 è il massimo risultato possibile.
    Per motivi economici è stata smantellata una squadra che poteva tranquillamente bissare il titolo.
    Ovvio che la delusione è tanta, vista gli anni di magra, poter vincere un solo anno come un Verona di Bagnoli per poi tornare alla mediocrità dispiace.
    Aspetterò un altra decade, a differenza dell’Hellas, ogni 2 lustri torniamo competitivi.
    Ovviamente…moriremo tutti.

  4. Bruno Sala says:

    Buongiorno Rudi,

    battessimo la Juve domenica sera, avremmo fatto solo un punto in meno del tuo desiderato.

    Il problema e’ che, come quel disonesto di Orsato ha mostrato anche ieri (poi tra un paio d’anni andra’ in TV a dire che aveva sbagliato perche’ era troppo vicino all’azione), stiano facendo di tutto per evitare loro una clamorosa esclusione dalla CL. Speriamo soffrano la trasferta di coppa!

    Purtroppo la cosa che mi preoccupa di piu’ e’ che da inizio stagione c’e’ meno grinta dell’anno scorso e, dato che 8/11 dei giocatori sono gli stessi, non puo’ non essere responsabilita’ del mister.

    Qs caratteristica temo sia difficile da cambiare quindi a questo punto per ora dico anch’io FORZA SPALLETTONE!! (cit. Mourinho)

  5. piero72 says:

    Nonostante abbia assistito dal vivo alle goleade con Genoa e Bologna non mi sono fatto illusioni, soprattutto Chalanoglou contro il Grifone mi è parso tremendamente indolente (per i più è stato il migliore in campo). La prestazione di squadra fin qui peggiore per me è stata contro il Sassuolo, sabato al contrario abbiamo giocato a tratti in maniera stupenda peccando nei dettagli (un po’ come la prima Inter del Mancio). Sono forse l’ultimo dei Samurai ma al milan continuo a non crederci (confido anche nelle bizze di Ibra) e se Spalletti procede così chapeau. Mantengo un’altra convinzione: abbiamo maggiori margini di crescita degli altri sia tattici che tecnici.
    Chioso con una riflessione su Perisic. Pochi giocatori hanno provocato nel sottoscritto tumulti interiori come il perennemente imbronciato croato. Quasi tutti a parlare del rinnovo di Brozovic (se decidi di non schermarlo come ha fatto la Lazio sforna prestazioni monstre a conferma che non è il regista che ci serve), ma dopo la più che buona prova anche da seconda punta non è che Ivan meriterebbe una chiamata?

  6. wwayne says:

    Per la partita contro lo Sheriff Inzaghi ha deciso di panchinare uno dei 2 difensori dal rendimento vomitevole (Bastoni). De Vrij invece è rimasto dov’è, e il motivo è ovvio: l’unico difensore centrale vero della rosa oltre a lui è Ranocchia, e credo che neanche il suo migliore amico lo schiererebbe titolare in una partita di Champions’ League.

    • Gert 58 says:

      Bastoni vomitevole? tu di calcio non capisci una mazza, fattelo dire…e cmq occupati di quella squadra di pippe che hai la disgrazia di tifare…va a ciapa’ i ratt !

      • wwayne says:

        L’acidità assolutamente sproporzionata di questa risposta rivela chiaramente uno stato d’animo non disteso. Ti auguro di ritrovare presto la tua serenità.

      • Gert 58 says:

        Dai non piagnucolare finché scrivi tali assurdità è il minimo che ti può capitare…con infinita serenità!

      • wwayne says:

        Non ho piagnucolato. Al contrario, ho scritto con una certa durezza che la tua risposta era assolutamente fuori luogo. Poi ho addolcito un po’ il mio commento augurandoti di ritrovare una serenità che palesemente non hai, un augurio che confermo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.