Il potere del cane [The Power of the Dog], Jane Campion, 2021 [filmTv157] – 7

A dodici anni di distanza da Bright Star, il ritorno di Jane Campion avviene con una sorta di western, tratto dal romanzo di Thomas Savage che uscì nel 1967. Visto su Netflix, al cinema sarebbe stato meglio.

Come in Bright Star, in Lezioni di piano o in Ritratto di signora (per me il suo capolavoro), Campion ama immergersi in storie in costume, luoghi e tempi lontani, la sua sapienza nel ricostruirli rende la visione sempre gradevole. Stavolta, ci sono gli sconfinati panorami del Montana, in un 1924 che manca di altri riferimenti temporali, che non siano la presenza di un’automobile.

Benedict Cumberbatch interpreta Phil, Kirsten Dunst è Rose e Jesse Plemons fa George, il fratello di Phil. La vedova ha un figlio quasi ventenne, Peter, affidato a un inquietante, giovane attore australiano, Kodi Smit-McPhee.

Non è così ovvio mettere a fuoco il fulcro di questo racconto, che accumula tensione e porta dritti alla tragedia. Si può evidenziare la dialettica fra l’amicizia virile e la destabilizzante intrusione femminile, o richiamare il sentimento della fine di un’epoca, i cui sopravvissuti faticano a fare i conti con la modernità. Cio si può chiedere quanto “rimosso” si sia accumulato dietro il Mito della Frontiera…

Nel ranch dei fratelli Burbank, che stanno allargando il loro allevamento di bestiame, il mondo sembra fatto solo da uomini (con la loro sessualità repressa). Ma nel viaggio per vendere una mandria, ecco la sosta in una locanda, a George appare Rose, le sue coordinate deragliano, la sua priorità si focalizza su un nuovo genere di vita, al quale il fratello pare inaccessibile (anzi, accuserà la donna di essere una manipolatrice).

Phil odia ciò che Rose rappresenta, la perseguita, le rende la vita impossibile. Infine, sembra volerle sottrarre il figlio, dileggiato per la sua effeminatezza. Phil non comprende che Peter è più manipolatore di lui ed è disposto a tutto per la felicità della madre…

Colonna sonora di Jonny Greenwood, chitarrista dei Radiohead.

5 Responses to Il potere del cane [The Power of the Dog], Jane Campion, 2021 [filmTv157] – 7

  1. wwayne says:

    Per me il western più bello di tutti i tempi rimarrà sempre questo: https://wwayne.wordpress.com/2020/04/07/un-amore-proibito/

  2. 321Clic says:

    “Il potere del cane” per me è Don Winslow, prima del film della Campion non sapevo neanche ci fosse un altro libro con lo stesso titolo.
    La FX ha comprato qualche anno fa i diritti per la trilogia del cartello, e nella trasposizione in serie ci sarebbe ancora la mano di Ridley Scott. Attendo fiduciosa.

    • Rudi says:

      Anch’io ho fatto confusione, non sapendo nulla di questo romanzo del ’67.

      Mas su Winslow al cinema diffido: Le belve è venuto male, mentre Frankie Machine doveva essere DeNiro, e Sharon Stone nei panni del personaggio femminile. Ma sono passati gli anni e il film non esce…

  3. libra63clan says:

    Io lo ho visto al cinema (in llingua originale con sottotitoli, benemerita Cineteca) e confermo che sul grande schermo è meglio di sicuro.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.