M – Il mostro di Düsseldorf [M – Eine Stadt sucht einen Mörder], Fritz Lang, 1931 [filmTv69] – 9

Interpretava Saint-Just a teatro, László Löwenstein, in arte Peter Lorre, quando fu visto da Fritz Lang. Il regista gli chiese di rifiutare altre proposte cinematografiche per fare da protagonista del suo primo film sonoro. Essendo un esordio, appare incredibile come Lang riesca a far esplodere le potenzialità artistiche del nuovo linguaggio: sarà grazie ai rumori e ai suoni che lo spettatore potrà cogliere i passaggi fondamentali della trama. A Lorre, non disse che avrebbe interpretato un assassino di bambine; per tutta la vita, inutilmente, l’attore cercò di far dimenticare il suo terribile, patetico Hans Becker (unico paragone possibile: il Norman Bates di Anthony Perkins).

La pellicola racconta una caccia all’uomo, a Berlino. Quella di Dusseldorf fu una “trovata” italiana, che richiamava il caso di cronaca a cui si era ispirata la sceneggiatrice, Thea von Harbou, moglie di Lang. Un maniaco uccide delle bambine, la polizia non trova tracce, tutti sospettano di tutti. Con una calligrafia infantile, l’assassino scrive ai giornali; la criminalità organizzata è in agitazione, gli affari vanno male a causa delle continue retate della polizia. Con un montaggio alternato, Lang mostra due riunioni immerse nel fumo di sigaretta: in una i capi della polizia, nell’altra i capi della malavita, che decidono di procedere alla cattura del Mörder (Assassino). Dimostreranno di conoscere la città meglio di chi dovrebbe difenderla.

Individuato e braccato, Hans Becker verrà processato da un tribunale di fuorilegge. E Lorre colpirà il pubblico in modo indimenticabile.

Il palloncino impigliato fra i fili del telegrafo, la vista dall’alto del vano delle scale, l’ombra proiettata sul manifesto della taglia sull’assassino… alcune inquadrature segnano la storia del cinema. Con “M” nasce un canone che porta dritti al cinema noir. E all’arte capita di anticipare la realtà: la lettera di gesso sul cappotto di Hans presagisce la stella gialla che gli ebrei dovranno cucirsi sugli abiti.

2 risposte a "M – Il mostro di Düsseldorf [M – Eine Stadt sucht einen Mörder], Fritz Lang, 1931 [filmTv69] – 9"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.