2345, mi ricordo

Mi ricordo una libreria di Lisbona su due piani, così avvolgente e misteriosa, da far dimenticare che non capivo una parola.

Annunci

2344, mi ricordo

Mi ricordo che l’arrivo di una nuova libreria innesca complicati percorsi mentali di catalogazione, accostamenti e ricollocazione.

2343, mi ricordo

Mi ricordo che il fratello dello Svedese descrisse così il suo dolore inconsolabile: “se esiste qualcosa di peggio del farsi domande troppo presto nella vita, è farsele troppo tardi”.

2342, mi ricordo

Mi ricordo le 3.722 visite e 1.856 visitatori unici del lunedì dopo l’affannoso, miracoloso ritorno in Champions.

2341, mi ricordo

Mi ricordo che, invecchiando, ho smarrito un po’ di razionalità e attribuito alla fortuna un ruolo sempre più importante.

Non ci posso credere!

https://goo.gl/images/wEZC5G

Decisivi Eder, D’Ambrosio e Vecino, tre che avrei regalato al Crotone fino a 9 minuti dalla fine.

#Lazio-Inter, ho 58 anni, mai viste due vittorie così all’Olimpico in un solo campionato. Vale la nebbia di Belgrado, un suicidio perfetto, Spalletti è un generale fortunato.

#Lazio-Inter, al minuto 41 si è capito che i nerazzurri sono scarsi in tanti fondamentali. E la “mossa Candreva” a sinistra mi suscita più imbarazzo che pena.

#Lazio-Inter, al minuto 21 si è capito perché Icardi vedrà il Mondiale in tv. Spero si sia anche capito che non vale 8 milioni di ingaggio all’anno.

Pianura bolognese, distesa di campi dietro un’antica residenza nobiliare dove adesso si fanno matrimoni e comunioni al ritmo della catena di montaggio. Unica forma di comunismo realizzato.

2340, mi ricordo

Mi ricordo che sulla terra battuta due compulsivi da serve and volley possono essere altrettanto noiosi di due pallettari da fondo campo.

Nemmeno le dimissioni dei 34 vescovi cileni hanno insegnato qualcosa a chi le dimissioni prima le dà, “irrevocabili”, poi le rinvia, poi le congela e continua a spadroneggiare come prima.

2339, mi ricordo

Mi ricordo che guidavo l’auto lungo strade e sentieri allagati, inseguito da non so chi, dentro un sogno innescato dall’antidolorifico.