Ritratti di Conrad Veidt

Hans Walter Konrad Veidt è nato a Potsdam il 22 gennaio 1893. Star del teatro (faceva parte della compagnia di Max Reinhardt) e del cinema muto tedesco, fuggì all’avvento del nazismo (la moglie era ebrea), nel ’33 prese la cittadinanza britannica, poi quella statunitense. Pochissimi attori hanno interpretato tanti ruoli epocali.

Cesare ne Il gabinetto del dottor Caligari (1920, Robert Wiene), archetipo dell’Espressionismo.

Lo sfigurato Gwynplaine ne L’uomo che ride (1928, Paul Leni), anello di congiunzione fra Victor Hugo e il Joker.

Il capitano Hardt ne La spia in nero (1939, Michael Powell).

Il gran visir Jaffar ne Il ladro di Bagdad (1940, Michael Powell).

Il torbido Torsten Barring in Volto di donna (1941, George Cukor).

Il crudele maggiore Strasser in Casablanca (1942, Michael Curtiz), il suo penultimo film.

Conrad Veidt morì appena cinquantenne, il 3 aprile 1943: un infarto lo colse mentre giocava a golf…

4 risposte a "Ritratti di Conrad Veidt"

  1. Luigi Baragiola 27 ottobre 2021 / 11:07

    Ha una grande somiglianza con Antonin Artaud

    • Rudi 28 ottobre 2021 / 08:01

      Quand’era emaciato, immagino…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.